L’ora legale compie 100 anni

Questo fine settimana, tra domani, sabato 29, e domenica 30 ottobre, come noto ritorna l’ora solare. L’ora legata alla posizione del Sole, cioè del proprio fuso orario. In questo 2016 cade il centenario da che, la prima volta, fu adottato […]

ora-solareQuesto fine settimana, tra domani, sabato 29, e domenica 30 ottobre, come noto ritorna l’ora solare. L’ora legata alla posizione del Sole, cioè del proprio fuso orario. In questo 2016 cade il centenario da che, la prima volta, fu adottato l’orario cosiddetto “legale”.

* * *

In Italia l’ora legale nasceva come misura di guerra nel 1916, tramite il Decreto legislativo luogotenenziale n. 631 del 25 maggio che andava a modificare il precedente Regio decreto n. 490 del 10 agosto 1893 relativo al meccanismo di calcolo dell’ora in vigore nel paese, rimanendo in uso fino al 1920.

Tra il 1940 e il 1948 fu abolita e ripristinata diverse volte a causa della Seconda guerra mondiale. In tale occasione si ebbe il periodo di massima durata dell’ora legale: dal 14 giugno del 1940 al 2 novembre 1942. La creazione della Repubblica sociale comportò per due anni la sfasatura dell’applicazione dell’ora legale fra il nord e il sud del paese. Durante l’occupazione jugoslava di Trieste l’esercito titino la vietò per allineare l’orario della città a quello del resto della Jugoslavia. L’ora legale venne adottata definitivamente con la legge 503 del 1965, in periodo di crisi energetica.

L’ora legale stabilita da tale legge, applicata per la prima volta nel 1966, durava quattro mesi, dall’ultima domenica di maggio all’ultima domenica di settembre; in quell’anno specifico restò in vigore dal 22 maggio al 24 settembre. Tale durata venne estesa a sei mesi nel 1980 anticipando l’inizio alla prima domenica di aprile e poi dal 1981 all’ultima domenica di marzo. Un ulteriore prolungamento di un mese è stato introdotto nel 1996, insieme al resto dell’Europa quando la fine fu spostata all’ultima domenica di ottobre.

La legge 1144/1966 delegò al presidente della Repubblica il compito di decidere annualmente inizio e fine dell’ora legale rispettivamente nel periodo 31 marzo-10 giugno e 20 settembre-31 ottobre. Nel 1980 il decreto-legge n. 270 modificò tali periodi anticipando il possibile inizio al 28 marzo. Due anni dopo si anticipò il potenziale periodo di avvio dell’ora legale al 15 marzo.

Solo nel 2010 l’Italia con l’art. 22 della legge 96, recependo la direttiva 2000/84/CE del Parlamento europeo, fissò l’inizio dell’ora legale alle ore 2 del mattino dell’ultima domenica di marzo e il termine alle 3 del mattino dell’ultima domenica di ottobre, pratica comunque già svolta in Italia fin dal 1996.

(Wikipedia)

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Io sto col gallo…

    (Ivano Pioppi)

    Rispondi
  2. Legge o non legge io le farei il funerale. A quella legale o solare non importa. Diamoci a mezzo e teniamola fissa tutto l’anno.

    (Davide)

    Rispondi

Lascia un Commento

Powered by WordPress | Officina48