Elicotteri per le emergenze in volo anche di notte

C’è anche Castelnovo ne’ Monti tra le elisuperfici individuate dalla Regione. L’assessore Venturi: “Soccorsi più tempestivi in caso di urgenze. Una risposta concreta alle necessità di chi vive nelle zone più decentrate e di difficile accesso”

Gli elicotteri di soccorso del Servizio sanitario regionale da giugno voleranno anche di notte. Un servizio attivo 24 ore su 24, sette giorni su sette, in grado di portare, in caso di urgenza, tempestivo soccorso a chi ne ha bisogno. A partire dai cittadini che vivono nelle zone più decentrate e di difficile accesso, come le aree montane.

In Emilia-Romagna dai primi giorni del giugno prossimo l’elisoccorso raddoppia, coprendo anche le ore notturne. A stabilirlo, una recente delibera approvata dalla Giunta regionale. 17 le elisuperfici dove, da Piacenza alla Romagna, atterreranno gli elicotteri. Si tratta delle prime aree individuate dalla Regione, a cui se ne aggiungerà prossimamente un’altra nella bassa modenese.

“Per rendere possibile questa assistenza notturna investiremo 3,2 milioni di euro in più l’anno – sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi -. Qualifichiamo ulteriormente il servizio di emergenza/urgenza per i cittadini, soprattutto nelle zone più decentrate e di difficile accesso, come quelle montane. Siamo soddisfatti, perché quando in ballo c’è la vita delle persone nulla deve essere lasciato intentato. E questo è anche un modo per migliorare la coesione territoriale, l’inclusività e la sicurezza complessiva del territorio regionale”.

Gli interventi saranno garantiti attraverso un elicottero con base operativa collocata all’Ospedale Maggiore di Bologna, dove nel 1986 fu attivato il primo servizio di elisoccorso. Da allora, l’offerta è stata ampliata e potenziata, fino all’attuale configurazione che vede quattro mezzi attivi: le basi sono collocate all’Ospedale Maggiore di Bologna, all’Ospedale Maggiore di Parma, all’Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna; il quarto elicottero, dotato anche di verricello per le operazioni di ricerca e recupero in ambienti ostili, fa base a Pavullo nel Frignano (Modena) ed è operativo su tutto il territorio regionale. Al momento gli elicotteri prestano servizio solo durante le ore di luce, per un periodo di operatività massima giornaliera di 12 ore e mezza. Nel 2015 sono state effettuate 2.992 missioni, per un totale di 1.283 pazienti trasportati.

Grazie ad un investimento di 1,4 milioni di euro necessari per le opere di adeguamento, entro maggio saranno ultimati i lavori e diverranno quindi operative le 17 elisuperfici individuate dalla Regione in accordo con le Aziende sanitarie, così suddivise nel territorio regionale:

Piacenza: campo sportivo di Bobbio.

Parma: elisuperficie Ospedale Maggiore di Parma; elisuperficie Ospedale Borgo Val di Taro.

Reggio Emilia: elisuperficie Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia (al suolo);  Castelnovo ne’ Monti: elisuperficie Ospedale.

Modena: elisuperficie Ospedale Baggiovara di Modena; elisuperficie Ospedale Policlinico di Modena; Pavullo nel Frignano: aeroporto Aereo Club; Montese: elisuperficie comunale; Palagano: campo sportivo.

Bologna: elisuperficie Ospedale Maggiore di Bologna “Vaccari” (al suolo) ed elisuperficie sempre del Maggiore di Bologna “Pezzorgna” (in elevazione); Gaggio Montano: elisuperficie in convenzione con la Protezione civile.

Ferrara: elisuperficie ospedale di Cona; Lagosanto: elisuperficie ospedale.

Romagna: elisuperficie Ospedale Bufalini di Cesena; elisuperficie Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Powered by WordPress | Officina48