Facciamo immagini, ma senza macchine fotografiche

Curioso laboratorio per ragazzi al terzo weekend di Fotografia Europea. Prima occorrerà raccogliere steli ed erba, poi…

“Disegnare con la luce” è il significato primo di “foto-grafia”. Ed è quello che l’associazione culturale Re-Foto farà nel pomeriggio di domenica 21 maggio, dalle 14 in avanti, nel laboratorio di stampa a contatto “Il giardino del Castello”. Senza macchine fotografiche, pellicola o ingranditori, solo con la luce e la fantasia degli autori, saranno realizzate delle immagini nelle varie tonalità di grigio-nero. Il laboratorio offerto ai ragazzi (e non solo) sarà allestito per un pomeriggio negli spazi di Sarzano dov’è di scena il progetto “Lenta conversazione”, a cura di Cesare Di Liborio, in cui Stefano Anceschi, Gabriella Becchi, Ian Gazzotti e Barbara Leoni hanno esplorato il fascino di un luogo caratteristico del nostro paesaggio e della nostra cultura come il bosco.

Così Gabriella Becchi, animatrice dell’iniziativa: “chiederò ai bambini, ma anche agli adulti se vorranno, di raccoglier alcuni fiori, steli d’erba, foglie nei prati attorno al castello, che poi in una camera oscura improvvisata appoggeranno sulla carta fotosensibile. Illumineremo con un attimo di luce il tutto e poi io passerò la carta nei liquidi di sviluppo e fissaggio: alla fine dove l’oggetto appoggiato alla carta era più spesso avremo il bianco, grigi nelle varie trasparenze e nero dove non ci sono oggetti. Si materializzeranno così le immagini di un giardino fantastico, reale nell’irrealtà, unico ed irripetibile.”

L’accesso al laboratorio sarà di gruppi di massimo 5 persone alla volta, per una durata complessiva di circa un’ora per gruppo.

“Il Giardino del Castello”, a cura di Re-Foto, Castello di Sarzano, centro convegni, Casina (Reggio Emilia), domenica 21 maggio 2017, nel pomeriggio dalle 14.

Orari della mostra: sabato 20 maggio ore 14-19; domenica 21 maggio ore 10-18. Ingresso libero.

* * *

Continuano le altre mostre Off di Casina. Nei locali della biblioteca comunale “Sincero Bresciani” c’è la mostra di Anna Maria Domenichini, dedicata all’incontro tra la fotografia e l’arte. Le immagini sono state riprese nel corso di mostre temporanee allestite dal 2010 ad oggi e sono corredate da didascalie che rendono il visitatore partecipe all’evento vissuto dal fotografo.

Infine, è in corso e dura fino al 30 maggio la mostra del FotoGruppo 60 presso la chiesa di Pianzo, un reportage dal parco dei Monti Sibillini dedicato alle vittime del devastante terremoto dell’Italia Centrale.

Il programma casinese di FE OFF è promosso dal Comune di Casina.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Powered by WordPress | Officina48