“Don Cavalletti, si guarda ai privati?”. Lamentela della Uil

Ci scrivono Giovanni Riatti, segretario responsabile Uil montagna, Ferdinando Guidetti, segretario provinciale Uil pensionati, e Mauro Chiarini, segretario generale territoriale Uil Fp.

—–

I servizi pubblici erogati dall’azienda servizi alla persona “Asp don Cavalletti” di Carpineti sono riconosciuti essere di qualità, che viene garantita dal personale sia all’interno del “Don Cavalletti”, che sul territorio, ovvero in accordo con alcuni comuni della montagna, attraverso i servizi domiciliari (Sad). Al centro dell’attività “all’Asp don Cavalletti” sono le persone: anziani, disabili, persone con “fragilità.

Queste attività avvengono con la dovuta attenzione ai costi di gestione. I dipendenti del “Don Cavalletti” con grande partecipazione hanno dimostrato e continuano a dimostrare che si possono erogare servizi di qualità a costi competitivi con i privati. Nonostante questi tangibili risultati conseguiti, pare ci sia qualche amministratore pubblico intenzionato a preferire i privati, perché farebbero risparmiare.

E su quali servizi alla persona?  Se così fosse , un’ulteriore sottrazione di servizi e quindi di risorse al “Don Cavalletti” sarebbe preoccupante. Ricordiamo che i privati già gestiscono importanti servizi in alcuni comuni della montagna. Meglio sarebbe trovare un equilibrio tra pubblico e privato nell’interesse dei cittadini  Al caso, per toglierci ogni dubbio prima di effettuare la scelta sarebbe utile compiere una comparazione con dati alla mano e renderla pubblica, affrontare un confronto costruttivo con le parti interessate.  La legge regionale istitutiva delle Asp offre la possibilità di affiancare al servizio tradizionale anche altri servizi con l’obiettivo di aumentare le entrate e rendere l’azienda servizi alla persona come appunto il “Don Cavalletti” florida e robusta e continuare ad essere un punto di riferimento per i cittadini della montagna.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Ho avuto bisogno della struttura per mia suocera, è stata ricoverata sette anni: mi sono trovato benissimo, personale molto attento e competente, medico sempre presente; per gli ospiti veramente una bella struttura. Mi auguro che non cambi in peggio, sarebbe davvero un peccato!

    (Savino Ceretti)

    Rispondi

Lascia un Commento

Powered by WordPress | Officina48