Ospedale S. Anna / La Cna: “Toppa peggiore del buco: una politica seria sa ammettere anche i propri errori”

Romeo Ferrari. In copertina Roberto Pighini

“Siamo delusi per la decisione presa dal Ministero sulla mancata deroga al punto nascite del Sant’Anna. Gli appelli dei sindaci, dei cittadini e delle associazioni e soprattutto l’impegno e le valide motivazioni sostenute dai comitati ‘Salviamo le cicogne’ e ‘Insieme per il Sant’Anna’ sono rimasti inascoltati. Le motivazioni del Ministero non ci convincono perché non tengono conto del contesto territoriale e socio-economico della montagna, considerato ancora una volta un territorio di serie B. Per questo ribadiamo la richiesta che venga messo in sicurezza il punto nascite avviando da subito una riflessione che non escluda anche un ripensamento. La politica seria è quella che sa ammettere anche i propri errori”.

E’ il commento di Roberto Pighini, presidente Cna area montagna, e Romeo Ferrari, presidente Cna Castelnovo ne’ Monti, che si sono schierati fin dall’inizio della diatriba a sostegno del mantenimento del punto nascite dell’Appennino reggiano e che dopo la presa di posizione del Ministero (un parere di tipo consultivo, non va dimenticato) chiamano in causa la Regione, a cui spetta il compito di mettere in sicurezza il punto nascite del Sant’Anna.

“Ci uniamo al coro dei sindaci dell’Unione dei comuni dell’Appennino di convocare con urgenza un incontro sul territorio per illustrare progetti e interventi di potenziamento previsti, ma soprattutto per spiegare cosa sarà fatto per mettere in sicurezza il punto nascite o per garantire il percorso della nascita dei bambini in tutta la fascia appenninica, chiarire il piano di sviluppo di tutti i reparti dell’Ospedale Sant’Anna e i servizi sanitari sul territorio. Cna continuerà a seguire la vicenda da vicino affinché non vengano disattesi gli impegni presi”.

“La chiusura dei centri nascita di tutta la fascia appenninica emiliana dà un’idea precisa di come si sia preso a riferimento un unico elemento numerico, quello dei parti – concludono i due dirigenti Cna – così facendo si spiega anche la deroga all’ospedale di Scandiano, che si trova a soli dieci minuti di strada dal S. Maria Nuova. Quando si parla di sanità ci permettiamo di sottolineare che i criteri esclusivamente ragionieristici non sono utili, quando non dannosi. Se è fondamentale, e crediamo che lo sia, la sicurezza delle pazienti, diventa difficile credere che si possa dignitosamente gestire un’emergenza quando la distanza dalla miglior struttura è mediamente un’ora di strada. Bisogna migliorare il servizio? Benissimo, non ci pare che la chiusura sia la soluzione giusta. Semmai, ancora una volta, registriamo con amarezza che la toppa voluta dalla politica è peggiore del buco”.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Powered by WordPress | Officina48