Coldiretti Reggio Emilia: bene l’accordo tra Provincia, Atc 4 e Atc 3 che attiva gli interventi di controllo per contenere i danni all’agricoltura provocati dai cinghiali in sovrannumero

Provincia, Atc 4 della montagna e Atc 3 della collina hanno approvato e firmato un accordo biennale che rende operativo il piano di controllo dei cinghiali e lo rende più efficace ottimizzando gli interventi.

Le squadre coinvolte saranno coordinate dalla Polizia Provinciale e avranno la possibilità di trattenere gli animali prelevati a parziale ristoro delle spese sostenute.

«Bene l’accordo firmato per risolvere il problema della presenza dei cinghiali nelle zone collinari e montane – dichiara Assuero Zampini, direttore Coldiretti di Reggio Emilia. Sono all’avvio le lavorazioni nei campi ed è giusto difendere il lavoro degli agricoltori per la nuova stagione. Siamo soddisfatti che siano state accolte le richieste e le proposte avanzate nei mesi scorsi durante gli incontri a Villaminozzo con Atc 4 e ad Albinea con Atc 3».

È da tempo che la Coldiretti reggiana ha denunciato l’emergenza provocata dalla considerevole presenza dei cinghiali nei territori montani e collinari dove gli agricoltori, ormai esasperati, trovano il raccolto distrutto.

L’accordo prevede inoltre interventi di allontanamento dalle coltivazioni dei cinghiali attraverso l’uso dei cani da parte delle squadre delle Atc.

«Ricordiamo infine lo stanziamento di fondi per la manutenzione degli impianti di prevenzione e recinti sulle semine messo a disposizione dell’Atc 4 per le zone di montagna – conclude Zampini».

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Powered by WordPress | Officina48