Lunedì sul campo: il Baiso batte il Pavullo e andrà a Monteombraro per la finale playoff, il Progetto insegue i playoff

Ieri è stata giornata di playoff e playout per il calcio dilettantistico, e delle nostre formazioni era impegnata soltanto quella del Baiso Secchia, piazzatosi terzo nel girone D di prima Categoria. Avversario di giornata i modenesi del Pavullo, che hanno concluso la stagione al quarto posto.

Il Baiso che festeggia sotto alla tribuna a fine gara

Il Baiso aveva a disposizione due risultati su tre, e in caso di pareggio, si sarebbe passati ai supplementari, e in caso di pari anche dopo i 120 minuti, sarebbe passata la meglio piazzata in stagione, cioè proprio il Baiso, che ha inoltre avuto il vantaggio di giocare fra le mura amiche del Mapiana. Con questo successo (3-1), il Baiso si è conquistato un posto nella finale playoff valida per la conquista della Promozione; tra sette giorni a Monteombraro, contro la squadra locale, ultimo atto dei playoff. Stavolta il vantaggio dei due risultati su tre, è dei modenesi, meglio piazzati in stagione (secondi, Baiso terzo).

Passiamo alla partita di ieri. C’era il pubblico delle grandi occasioni a Baiso, con una temperatura quasi estiva, che nel secondo tempo si è abbassata a causa di qualche nuvola e del vento. Gli undici in campo non hanno deluso i circa 300 spettatori presenti, offrendo una grande prova, mettendo in campo determinazione e voglia di vincere. Montermini ha schierato i suoi con un 4-4-2, con Gualandri tra i pali, Incerti a sinistra, Morotti a destra, e coppia centrale formata da Rossi e Lorenzo Barozzi. A centrocampo Ghinelli e Spezzani formano la diga centrale, mentre Ovi a sinistra e Spadaccini a destra, con licenza di attaccare, i due esterni. Coppia d’attacco Bonicelli-Amadei. La prima conclusione è di Amadei, apparso poco brillante ieri, che all’11’ tira debolmente. Al 24′ punizione pericolosa dal limite: in battuta va Spadaccini, che conclude con una rasoiata potente, ma Enock, ingenuo, avanza di molto dalla barriera, e viene ammonito. Punizione dunque da ripetere; Spadaccini ripete la stessa conclusione di prima, stavolta la palla passa e Rossi con la punta “aggiusta” la traiettoria della palla, che termina in rete a fil di palo. Questo schema ha ricordato molto quello attuato da Pirlo e Inzaghi ai tempi del Milan. Al 30′ Morotti si allunga mettendo in angolo un pallone che poteva diventare pericoloso, ma il terzino accusa un dolore e lascia momentaneamente il campo. Sul corner (Baiso in uno in meno), Altariva coglie direttamente il palo, la palla rientra in area, s’impenna, ed è corretta in rete da Debbia, che di testa è il più lesto. 1-1, dunque. Ovi, autore fin qui autore di un’ottima mezz’ora come esterno sinistro, passa nel ruolo di terzino destro (disputando anche in questa posizione una gara più che buona), a causa dell’infortunio di Morotti; a sinistra si piazza il neo entrato Mucci. Al 38′ l’episodio che ha determinato l’andamento della gara: Ghinelli lancia Spadaccini (migliore in campo dei suoi con due assist, un’espulsione causata e un altro gol propiziato, oltre che protagonista di numerose azioni offensive) che con un tocco anticipa il portiere Muzzini, che, da ultimo uomo, colpisce il numero 7 locale appena fuori dall’area: espulsione ineccepibile. Con l’uomo in più il Baiso si butta in avanti cercando il vantaggio, che arriva al 43′: Spadaccini tenta un’improbabile conclusione da fuori area, ma una deviazione favorisce Bonicelli che di mezzo collo-esterno fulmina il neo entrato Beneventi.

La ripresa è caratterizzata da un Pavullo schierato col 4-3-2, che dovrebbe forzare la ricerca del pari per poi sperare in un gol nel finale, ma i tentativi sono tutti stroncati sul nascere dai centrali del Baiso; Baiso che delle volte per errori di misura e delle volte per un pizzico di sfortuna, ha sprecato i tanti spazi e le praterie concesse dalla difesa ospite. Spadaccini al 7′ trova in profondità Amadei, che s’invola tutto solo a rete, ma sbaglia clamorosamente il tiro. Al 25′ Ovi serve Mucci, ma il suo tiro esce di un niente a lato. Al 31′ Stradi prova la botta, Chiea interviene con la mano evidentemente scomposta rispetto la postura del corpo, e l’arbitro assegna, giustamente, rigore. Sul dischetto va Amadei, ma non sembra proprio serata per lui, e la palla termina alta sopra la traversa. Al 33′, nell’unica volta in cui il Pavullo si presenta pericolosamente in area baisana, Incerti stende Amari in modo palesemente irregolare, ma l’arbitro inspiegabilmente non concede il rigore, tra le vibranti proteste del Pavullo. Al 44′ Spadaccini, passato da qualche minuto a sinistra, serve Amadei, che lascia rimbalzare per poi colpire, stavolta in modo vincente, la porta di Beneventi, salvando così una prestazione poco brillante, con la rete che chiude i giochi. E’ l’ultimo sussulto della gara, che termina con l’esultanza dei canarini sotto la tribuna gremita.

Il logo del Progetto Montagna, che domenica con una vittoria si assicurerebbe un posto nei play off per la Seconda Categoria

Ieri si è giocata anche la penultima giornata del campionato di Terza Categoria. Il Progetto ha battuto la Borzanese per 3 a 1, in trasferta. Sblocca subito la gara il solito Manuele Romei, servito da Paterlini, che tocca così le trenta reti in campionato, ad una sola rete dal capocannoniere Mbaye del Puianello. La Borzanese non ci sta e trova il pari con Pecorale, che sfrutta una linea difensiva mal posizionata, col terzino Lugli, rimasto troppo indietro, che ha tenuto tutti in gioco. Nella ripresa, Romei ha avuto un sacco di occasioni nitide, ma non le ha sfruttate come dovrebbe. Ma al 60′, finalmente, trova l’angolino giusto dopo un bel dribbling, e porta i suoi sul 2-1. Ad un quarto d’ora dalla fine, Rabotti serve in profondità Mungo, che con uno scavetto sigla il tris. La classifica ora recita: Gualtierese 71. Celtic Boys Pratina 69, Athletic Correggio 68, Plaza f.c. 67, Virtus Bagnolo 67, e Progetto Montagna 66. In virtù del contemporaneo scontro diretto fra Athletic Correggio e Plaza f.c., con una vittoria nell’ultimo turno (col Black Borgo, terz’ultimo) il Progetto si assicurerebbe un piazzamento nei playoff per la Seconda Categoria. Ma ogni verdetto è rimandato, appunto, a domenica prossima. La Combriccola di Casale fortifica l’ottava posizione (51 punti) col successo sul campo del Rubiera Calcio: decisivo Matteo Zannoni. Sconfitta rocambolesca sul campo del fanalino di coda Invicta Gavasseto per il Collagna, per tre reti a due. Per il Collagna reti di Giordano Ferretti (18° centro) su rigore e di Azzolini. Domenica prossima l’ultimo turno: oltre la già citata Black Borgo-Progetto Montagna, si disputeranno Collagna-Virtus Bagnolo, col Collagna che potrebbe fare un favore al Progetto (che prima di tutto deve assolutamente vincere), e Invicta Gavasseto-Combriccola di Casale.

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Powered by WordPress | Officina48