Sul ritrovamento di Dante Bonezzi la testimonianza di uno presente

Sulle modalità del ritrovamento della salma di Dante Bonezzi riceviamo e pubblichiamo la nota di una persona che afferma di aver partecipato e desidera precisare alcune circostanze.

Su richiesta dello scrivente non ne pubblichiamo il nome che comunque ci è noto.

-----

Dante Bonezzi

Faccio parte del nucleo di persone che ha rinvenuto la salma (io cercavo sulla sponda nord più impervia del canale Taverone) mentre il collega che ha rinvenuto la salma percorreva la sponda sud e procedevamo di pari passo tenendoci chiamati saltuariamente.

So che in merito alla localizzazione della salma corrono voci non corrette.

Io c'ero!

Avevamo un navigatore palmare collegato con un gps posto sull'auto parcheggiata all'Ospedalaccio perché a Camporaghena ci ha accompagnato Andrea, il figlio del Bonezzi.

La salma si trovava esattamente a 1,9/2 km in linea d'aria dall'Ospedalaccio e non 6, come si dice; 2 km in linea d'aria e circa 2,5 camminando (percorso che poi abbiamo coperto per raggiungere l'auto e rientrare).

Era posta poco sopra alla sorgente del Taverone e sopra al sentiero 102 (e non il 104) a 1140 mt di quota.

Il luogo era impervio ma non inaccessibile per persone che hanno un po' di dimestichezza con la montagna ed è un luogo dove, incrociando i dati delle celle telefoniche con le mappe, poteva essere stato battuto come area di possibile rinvenimento.

Invece dalle mappe che la figlia ci ha fatto vedere nel breafing mattutino risultava come area non coperta dai soccorsi ufficiali.

Per questo ci siamo concentrati proprio lì.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Devi essere registrato per inserire un commento.

Powered by WordPress | Officina48