Home Cronaca 14 progetti per 20 milioni di euro per l’Appennino Reggiano

14 progetti per 20 milioni di euro per l’Appennino Reggiano

1
0

Prosegue l'impegno della Provincia per la montagna.
Dopo l'approvazione a Castelnovo Monti dell'Intesa per la Montagna, l'altro giorno a Palazzo Allende la presidente Sonia Masini ha incontrato, insieme agli assessori della Provincia, la Giunta della Comunità montana. Tema dell'incontro, individuare i temi forti - e soprattutto i programmi esecutivi e i progetti concreti - sui quali coinvolgere anche altri soggetti pubblico-privati per il rilancio della nostra montagna.

In discussione, ben 14 progetti sui quali si conta di convogliare risorse per ben circa 20 milioni di euro, a carico principalmente di Regione, Provincia, Comunità montana e Comuni, ma anche di Camera di commercio, Università, Parco nazionale, sistema bancario, Gal ed altri soggetti di volta in volta coinvolti, dal Consorzio per il Parmigiano-Reggiano ad Agac-Enìa, dall'Asl al Crpa fino ai privati.

Già ben delineati i progetti sui quali lavorare. Per quanto riguarda la competitività delle imprese si punta ad esempio a forme di sostegno con contributi in particolare rivolti a giovani, donne e nuove imprese, ma anche ad una riqualificazione e riordino delle aree artigianali. Altri progetti puntano su marketing turistico (formazione di operatori e abbattimento dei costi dei pacchetti), infrastrutture telematiche (si punta a portare l'Adsl in tutti i capoluoghi montani) e innovazione tecnologica dei Comuni, giovani protagonisti in Europa (con attività di studio, formative, lavorative, di volontariato all'estero), qualificazione scolastica e formazione.

Per l'agricoltura si punta a valorizzare i prodotti agroalimentari (comprese le produzioni di nicchia), a qualificare i punti vendita caratteristici e a completare il Museo della civiltà contadina, mentre altri progetti riguardano servizi polifunzionali nei piccoli centri e strutture di servizio a valenza comprensoriale (come un Centro polifunzionale di servizi e per la protezione civile) ed un censimento dei beni materiali e immateriali dei comuni montani al fine di utilizzare il territorio come bellezza e valore puntando anche sul recuopero dei borghi storici e dell'edilizia privata (anche a fini ricettivi). Grande attenzione, infine, all'ambiente (dalla valorizzazione turistico-ambientale delle Valli Secchia, Enza e Tresinaro anche attraverso il miglioramento della qualità delle acque dei fiumi, ad impianti di illuminazione pubblica a basso impatto ambientale a studio per l'utilizzo di energie rinnovabili) ed ai temi legati a viabilità, mobilità e trasporti (dalla manutenzione alla progettazione di nuove tratte, a partire dalla correzione del tracciato della Ss63).

"Questo lavoro congiunto Provincia-Comunità montana rappresenta un'occasione importante per costruire le condizioni per avere un forte sviluppo del territorio montano, partendo dai progetti già in corso che mirano a potenziare in particolare alcuni settori innovativi - afferma la presidente Sonia Masini - La vera sfida sarà reperire le risorse per attuare questo piano d'azione strategico: la Provincia si impegna a fare la propria parte reperendo fondi propri in bilancio, ma sarà fondamentale coinvolgere anche altre istituzioni ed amministrazioni pubbliche, oltre che i privati".

Articolo precedente17 Marzo 2005: Primavera dell’Europa
Articolo successivoCastelnovo, crollo parziale anche nella scuola materna di Felina

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.