Home Cultura Un messaggio universale, un poema che si fa canto: “Siddharta”

Un messaggio universale, un poema che si fa canto: “Siddharta”

15
0

Certe volte la vita è complicata al punto tale che è difficile rendersi conto di ciò che si sta veramente facendo. Certe volte ci sentiamo sconcertati o semplicemente confusi, talmente spaesati da non riuscire a dare nomi ai pensieri e alle sensazioni che ci martellano mente e cuore. Sono questi i momenti in cui invochiamo la chiarezza.

La chiarezza è un bene raro, ma le strade che ci portano a lei possono essere molteplici e parallele.
Se amate la grande letteratura (in altre parole, i romanzi scritti bene) e un bel pomeriggio, magari dopo una buona pennichella, vi sentite desiderosi di chiarezza, posso suggerirvi un sentiero che come minimo vi farà passare alcune ore di serenità, e come massimo vi spalancherà gli occhi verso prospettive inedite, da esplorare e approfondire. Il consiglio è questo: leggete “Siddharta”.

Lo scrisse un tedesco, Herman Hesse, nel 1922, ma non fatevi fregare dagli stereotipi: non vi è nulla della violenta rigidità germanica, di quella seriosità precisa ed efficiente, e neppure degli echi di un Romanticismo che proprio in Germania visse la sua stagione più felice; qui, si respira l’Oriente, colori, profumi e personaggi vi portano in India, e la scrittura è un canto. Qui si medita, si contempla e si riflette, altrove si agisce. Qui è di casa il bello, l’utopia, altrove la realtà con le sue brutture. Se fosse un essere umano, si potrebbe rischiare di affibbiare a questo libro le sembianze di un vecchio predicatore dalla pelle strinata, la barba canuta e la bocca senza denti, curvo sopra un bastone per il peso dei suoi ottantatre anni; e invece no, questo romanzo è ancora adolescente, universalmente adolescente, eternamente adolescente: pensate a un bel ragazzo ben vestito e dai lunghi boccoli neri, un ragazzo avido di conoscenza e corteggiato dalle coetanee più carine; se volete un riferimento, mi viene in mente Keanu Reeves nel “Piccolo Buddha” di Bertolucci, ma l’identificazione non può essere totale. Lasciate spazio alla vostra immaginazione, aprite la mente e pensate alla gioventù: ecco a voi Siddharta. Strappategli la tunica e mettetegli i jeans, se volete; bucategli naso e orecchie con mille pearcing, tatuategli l’ombelico, fategli i capelli a punta, ma vedrete che rimarrà sempre e comunque Siddharta. Non toglietegli la curiosità. Guardatelo bene, e guardatevi: non può essere troppo distante da voi. Tutti noi siamo un po’ Siddharta, o per lo meno lo siamo stati e potremmo da un momento all’altro ritornarlo ad essere.

Volendo essere scolastici, si potrebbe considerare “Siddharta” come un breve romanzo di formazione: incontriamo il protagonista quando ancora è un ragazzino e ci congediamo da lui che già è prossimo alla vecchiaia più avanzata. Tra i due estremi, egli ci prende per mano e ci accompagna nelle diverse esperienze esistenziali che di età in età intraprende. Ed è così che il figlio del bramino, rispettata e celebrata figura religiosa espressione di uno stile di vita agiato, un bel giorno entra nei Samana, in quella setta di eremiti boschivi, fautori dell’estrema povertà, del vagabondaggio e della nullatenenza. I molti anni da Samana lasciano il segno, ma non bastano a Siddharta: quasi per reazione, si reca in città e si abbandona al vizio, sino a sprofondarvici dentro. Ci vorrà tempo prima che riemerga, ma quando succede lo fa con classe e saggezza. Il suo cammino si fa sempre più complesso, sempre meno riconducibile a gruppi o categorie. All’impeto giovanile sopraggiungono l’esperienza maturata negli anni, alimentata di volta in volta dagli incontri con personaggi mai banali.

Proprio questa galleria di personaggi è ciò che considero la più grande ricchezza del romanzo: uomini e donne che galleggiano sul fragile confine tra santità e idolatria, tra mito e realtà, magia e nuda terra. Personaggi che si fanno archetipi, come solo nei grandi romanzi può succedere. Chi di noi non desidererebbe avere un amico come Govinda, fedele e devoto, ma nello stesso tempo sincero? Per non parlare del vecchio traghettatore, bucolico messaggero dei segreti dell’acqua; oppure di Kamala, maestra d’amore e seduzione, sacerdotessa del vizio estremo che proprio per questo si eleva a virtù, donna sola e lussuriosa, eterea e carnale, regina dei baci e delle pietre preziose. Infine, il Buddha. L’Incontro di una vita. Breve. Cercato. Non sprecato.

Pensate a voi stessi, mentre leggete questo libro. Pensatevi in profondità. Riflettete sulle vostre qualità e sui vostri difetti, ipotizzate strategie per migliorarvi. Queste parole vi potranno aiutare. Poi alzate gli occhi al cielo, e chiudeteli. Abbandonatevi ai ricordi. Invocate le persone per voi importanti. Tra di loro troverete il vostro Govinda pronto a porgervi la mano, la vostra Kamala a braccia aperte, petto in fuori e cuore a mille, il vostro traghettatore in religioso silenzio. Per i più ambiziosi, rimarrebbe Buddha. Oppure Dio, o Maometto, o la persona che vi ha appena salutato. Poco fa, permettendovi di leggere “Siddharta”. Quando la rincontrate (presumo presto, o almeno ve lo auguro), prestatele quel libro. Vi ringrazierà. Ciascuno a modo suo. (Per gli amanti del cinismo, date un’occhiata a una scena dell’”Ultimo bacio”, quella in cui il protagonista regala “Siddharta” alla sua tenera sedicenne segreta…). Con amore.

Come ci spiega Siddharta, alla fine del cammino: “L’amore, o Govinda, mi sembra di tutte la cosa principale. Penetrare il mondo, spiegarlo, disprezzarlo, può essere l’opera dei grandi filosofi. Ma a me importa solo di poter amare il mondo, non disprezzarlo, non odiare il mondo e me; a me importa solo di poter considerare il mondo, e me e tutti gli esseri, con amore, ammirazione e rispetto.”.

Herman Hesse, Siddharta, Adelphi, 1973. (ed. or. 1922)

Articolo precedenteRASSEGNA STAMPA WEB / Domenica 2 ottobre 2005. L’Appennino reggiano sugli organi di informazione
Articolo successivoANDI, sez. di Castelnovo, un Sistema di Auto Aiuto nel Disturbo da Alimentazione Incontrollata

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.