Home Cultura Casina, in scena “Le Vettovaglie”

Casina, in scena “Le Vettovaglie”

3
0

Sabato 27 maggio alle ore 21 presso il Teatro Parrocchiale di Casina, la compagnia teatrale "Le Vettovaglie" presenterà la nuova commedia “Mariuccia stam atac - Bein, fa gninto... ” di Antonio Guidetti.

La compagnia è composta interamente da giovani al di sotto dei 35 anni e si è costituita nel 2000 sotto la regia di Lalla Nasi, già apprezzata attrice nella compagnia dialettale di Casina a fianco di Riccardo Cataldini.

Dopo la commedia d’esordio “I guai dell’arbitro”, nel 2003 "Le Vettovaglie" hanno messo in scena “Na giurnada grama” che negli ultimi due anni li ha portati a grandi successi anche fuori provincia; non ultimo, l’Oscar come miglior attore protagonista a Dario Rabotti e le 3 nomination – fra le quali quella per la migliore compagnia – conquistati nel 2004 alla popolare rassegna di teatro amatoriale di Vezzano sul Crostolo.

“Mariuccia stam atac”, commedia brillantissima in 3 atti, è ambientata in casa della famiglia Tarasconi: la vita del vedovo Teobaldo sembra essersi fermata da quando, risposatosi con Melania, è costretto a subire cattiverie, sotterfugi e manipolazioni di Merope, suocera invadente ed autoritaria. Senza contare che su tutta la famiglia si è abbattuta una strana maledizione: nessun abitante della casa, donne o animali che siano, riesce ad intraprendere una gravidanza. A completare la comica situazione, la simpatica presenza di Saturno, suocero sordo ma non troppo, e dei tanti divertentissimi personaggi che continuamente entrano ed escono da casa Tarasconi. In un crescendo di esilaranti battute, l'improvviso succedersi di eventi inaspettati e quasi sovrannaturali sembra poter cambiare finalmente le cose...

* * *

"Le Vettovaglie" sono: Manuela Bernardi, Anania Bertolini, Lorenzo Bonini, Vera Bragazzi, Camillo Ghirelli, Enrica Mercati, Alessandro Morini, Dario Rabotti, Giorgio Serri, Elisa Silingardi, Simona Silingardi, Francesco Rossi e Francesca Rossi.

Ingresso alla serata: 5 euro.

Articolo precedenteFelina, partita la condotta di Slow Food
Articolo successivoFrontiera di crinale: il turismo di comunità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.