L’auto grigia dell’autovelox

Nei giorni scorsi, qualche nostro lettore, commentando uno dei pezzi da noi dedicati al tema delle multe (argomento sul quale registriamo sempre parecchia "sensibilità"), accennava alla presenza di un'auto, una Punto grigia "non di servizio della polizia municipale"... L'immagine che pubblichiamo la mostra nel punto indicato, in parcheggio a lato della variante di Felina.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

20 Commenti

  1. Zelante Polizia Municipale, a comando però…
    In effetti la FIAT PUNTO grigia che accoglie l’autovelox nei punti dove i limiti di velocità sono particolarmente ipocriti ci è famigliare. Se però li scatta qualche immagine segnalo che a Castelnovo, in via Roma, davanti al bar Silvetti, potrebbe addirittura girare un film di divieti di sosta, sempre, giorno e notte! Hanno costruito parcheggi a 30 metri, tagliato il marciapiedi, detto che “non è vero, sono visioni”, ma è sempre pericolosamente intasato. Gli zelanti vigili, quando passano, girano la testa verso la pineta, ma… non sarebbe per loro, Pubblici Ufficiali, un’OMISSIONE DI ATTI DI UFFICIO?
    Qualcuno riesce a spiegare?

    (Commento firmato)

    Rispondi

  2. Sulla Punto grigia vorrei spezzare una lancia a favore dei vigili. L’altro giorno anch’io l’ho vista però era preceduta dal cartello “rilevamento elettronico della velocità”.
    Per le macchine davanti al bar Silvetti i casi sono 2: o che i vigili non passano lì davanti, oppure quando passano (non saprei dire a che ora) non ci sono macchine parcheggiate fuori dai parcheggi?!
    E ne aggiungo un’altra: i vigili non ci sono neanche quando occupano i parcheggi riservati ai portatori di handicap persone in piena salute.

    (Commento firmato)

    Rispondi
  3. Troppi controlli
    E’ giusto controllare per prevenire, ma mi sembra che esagerino e questo accanimento non fa altro che irritare le persone. Conclusione? Non vi siete accorti che a Castelnovo non c’è più nessuno la sera? I giovani non ci vengono se devono subire controlli su controlli…
    Vai a mangiare una pizza e fai il giro di Castelnovo? Primo controllo polizia municipale, secondo crontrollo carabinieri, terzo controllo polizia e tutti l’etilometro!
    Ma, ragazzi, dopo invece di andare a fare un giretto, vai dritto a letto! La pizza? Quest’altra volta vado diversamente… Al Magnani? no, no.. troppo pericoloso, vado diversamente… Castelnovo sta subendo un processo di desertificazione e chi si ferma è perchè è giovane e senza macchina…

    (Tiziano Spelti)

    Rispondi
  4. …la municipale è da multare!!!
    …la municipale è da multare!!! Non vorrei fare il pignolo, ma se guardate bene la foto, precisamente in alto a destra vicino alla Punto, si vede molto bene un cartello di divieto di sosta e di fermata. Quindi, consiglio a tutti coloro che riceveranno la multa da questo autovelox di fare ricorso al giudice di pace e, anzi, di denunciare la polizia municipale per avere palesemente parcheggiato in sosta vietata.
    Analogamente, colgo l’occasione per rammentarvi che pochi giorni fa la stessa Punto era stata utilizzata all’ingresso di Ccastelnovo ne’ Monti provenendo dal Terminaccio e, come giustamente ricorda un lettore, era stata segnalata da un cartello di controllo della velocità. Preciso meglio: nei primi giorni (tanto per fare cassa) il cartello non c’era. Poi, anche dopo un articolo su Redacon il cartello è stato messo.
    Tanto per precisare, nel punto dove era parcheggiata la macchina, neanche per farlo apposta, c’è un bel cartello identico a quello della foto. Quindi, chiunque riceva una bella multa per eccesso di velocità faccia la stessa operazione di prima, ovvero giudice di pace e denuncia della macchina alla stessa polizia municipale.
    Sembra incredibile, ma l’Italia è bella anche per questo!!!!
    Saluti a tutti e guidate con prudenza!!!

    (Ricky Merengues)

    P.s. Alla polizia municipale: c’è un vecchio detto che usano spesso gli anziani che dice “a tirare troppo, la corda, prima o poi, si strappa”. Se volete controllare è giusto farlo, ma fatelo con cognizione e non per fare cassa. Ovvero: l’autovelox mettetelo nei punti di alta velocità e settatelo agli 80-90 km/h. Credo che fare i 50 in quel punto sia impossibile anche in bicicletta.

    Rispondi

  5. Usare una Punto grigia camuffata come macchina civile con tanto di portapacchi e una scritta piccolissima che neanche si legge, per non parlare del cartello che dovrebbe segnalare l’autovelox posizionato vicino a un altro cartello naturalmente più visibile (così non si nota quello più in basso) non mi sembra un mezzo preventivo per la sicurezza stradale come dovrebbe essere: o no?

    (Commento firmato)

    Rispondi
  6. L’auto grigia non verrà più utilizzata
    Nel pomeriggio di oggi, in un incontro con gli amministratori, il sindaco ha dichiarato che l’auto grigia non verrà più utilizzata per i controlli con autovelox, ma che verranno utilizzate auto di servizio identificabili e che comunque sarà sempre apposto il cartello rimovibile sull’asfalto (tipo triangolo per sosta d’emergenza!) che avvisa della presenza del controllo di velocità.

    (Pietro)

    Rispondi

  7. Finalmente.. ok controllare, ma non perseguitare gli automobilisti… Io onestamente sto smettendo di venire al venerdì e sabato sera a Castelnovo.. e mi sono accorta che sempre più gente fa il mio stesso ragionamento.. Se devo uscire per mangiare una pizza e bere una birra e ritrovarmi senza patente, no grazie… A me la patente serve per lavorare… quindi optiamo per altre destinazioni… ed a Castelnovo sempre meno gente… Per quanto riguarda il velox in divieto di sosta: non ho parole!!!!!! Visto che percorro quella strada due volte al giorno, se mi dovesse arrivare la multa mi regolerò di conseguenza…

    (Commento firmato)

    Rispondi
  8. Hanno necessità di fare cassa quindi…
    …continueranno a mettere queste benedette auto ed a fare multe. Nota di merito credo che la meriti ROTEGLIA, ove è stato installato l’autovelox fisso, in un punto dove la velocità deve essere moderata (hanno messo il limite di 70 km orari), in un incrocio paragonabile a quello della foto. Se si vuole essere intelligenti evidentemente si può!!!

    (c.a.)

    Rispondi
  9. Punto grigia ancora in strada…
    Sono passato mezz’ora fa (ore 10,15) sul tratto Fariolo della SS 63 e la Punto grigia marchiata Comune di Castelnovo ne’ Monti era al lavoro… Hanno messo il cartello amovibile che segnala il controllo velocità ma la Punto è sempre li ad accoglierci, eehehhe… Vedremo nei prossimi giorni se il sindaco la farà sostituire come promesso.

    (Commento firmato)

    Rispondi
  10. Punto grigia ancora in strada…
    Sono passato mezz’ora fa (ore 10,15) sul tratto Fariolo della SS 63 e la Punto grigia marchiata Comune di Castelnovo ne’ Monti era al lavoro… Hanno messo il cartello amovibile che segnala il controllo velocità ma la Punto è sempre li ad accoglierci, eehehhe… Vedremo nei prossimi giorni se il sindaco la farà sostituire come promesso.

    (Commento firmato)

    Rispondi
  11. L’informazione come mezzo importante!
    Redacon segna, anche qui, un altro punto! La sua interattività tra il cittadino e le istituzioni risulta sempre più preziosa, al punto che sempre più spesso da un semplice articolo seguono modifiche importanti.
    Bravi!

    (Commento firmato)

    —–

    @CE’ grazie anche a lettori attenti come lei che troviamo motivazione. Grazie#G.

    Rispondi

  12. Caro Pietro, ho letto che l’auto grigia non verrà più usata? Il tuo articolo porta la data del 18/09/2007 ore 22,08. BENE, oggi, 19/09/2007, la Punto grigia era già in pista al Fariolo per una bella parte della mattinata!! Ma per favore!!!!!!!!!!!

    (Commento firmato)

    Rispondi
  13. Dissimulazione e inganno
    Ci sono molte maniere di fare il proprio mestiere. Senza entrare nel merito se sia giusto o sbagliato multare un pendolare che si reca al lavoro ed in quel tratto di strada viaggia alla catastrofica velocità di 57,986 Km all’ora, vorrei segnalare il modo in cui si effettua quella che (mi sia permesso usare il termine) è a tutti gli effetti una “imboscata”.
    La riflessione giunge alla luce del fatto che anche all’imbocco della galleria di Ca’ del Merlo, poco più avanti, ci sia ogni tanto un velox con modalità leggermente diverse: qui i controllori non giacciono sprofondati all’interno dell’abitacolo della Punto (profonda meditazione o leggera vergogna?) ma inginocchiati quasi in adorazione, si cammuffano tra le lamiere delle barriere e il tripede dello strumento quasi a formare una unica struttura “armata”.
    Chi scrive è stato dall’altra parte della barricata (cioè tra le forze dell’ordine) e, tra le tante cose importanti che ha appreso in quel periodo, quella che mi porterò sempre dietro è la grande dignità che avevano molti miei ex colleghi nel fare il proprio lavoro.
    Ora, non penso ci si deva appoggiare all’arte della dissimulazione o dell’inganno per poter fare il proprio mestiere, quindi concludo permettendomi una piccola riflessione rivolta agli agenti che sono costretti ad eseguire questi ordini: ritti in piedi e petto in fuori e fatevi ben vedere nella vostra divisa, chissà che non otteniate lo stesso risultato, e cioè fare rallentare i velocisti e non creare così pericoli. Prenderete sicuramente qualche sgridata dai vostri capi perchè non avete raggiunto il “BUDGET” ma acquisterete sicuramente il rispetto della brava gente. A voi la scelta.

    (Corrado)

    —–

    @CLa testimonianza di questo ex agente è certamente “competente” ed eloquente.#C

    Rispondi

  14. Mi fa piacere che da una mia semplice fotografia sia riuscito a muovere le acque in questo tema. Forse i comuni utenti che viaggiano per lavoro dovrebbero essere sempre attenti ai dettagli e, perchè no, con il cellulare o la macchina digitale pronti a scattare qualche foto. Dato che le forze di pubblica sicurezza le scattano, perchè non scattarne anche noi…
    Non so come, ma ho inviato la foto a solo una persona e rapidamente è arrivata a Redacon, anche senza il mio permesso; ma fa niente, anzi… La rete è bella anche per questo, informa ed è motivo di discussione per migliorare…
    Complimenti al sito perchè c’è bisogno di discutere di certi argomenti, anche criticamente, per sensibilizzare gli amministratori e per dar voce a comuni cittadini di problemi che altrimenti rimarrebbero nell’ombra.

    (Commento firmato)

    Rispondi
  15. … buona fede, ci si “casca”…
    Pietro, Pietro, sappiamo che tu eri in buona fede ma non prenderti più la responsabilità delle affermazioni o promesse del Comune! Vedi che figura si fa?!
    Mi associo ai ringraziamenti alla redazione, date veramente un servizio di democrazia compiuta e di giornalismo obiettivo. Anzi, chissà che anche qualche blasonata redazione dei più diffusi quotidiani locali (senz’altro vale per i primi due) non sentano lo stimolo di fare giornalismo vero e non stampatori di “veline” e “comunicati stampa”! Le vere notizie e l’umore della gente ormai le date voi. Bravi, a prescindere da come una la pensi.

    (Commento firmato)

    Rispondi
  16. Per Tiziano Spelti
    Ma in giro ci vai o scrivi cose solo per spargere benzina sul fuoco? Io tutti ‘sti controlli di cui parli non li vedo, forse di notte per contrastare chi mette a repentaglio la propria e soprattutto la altrui vita con ‘sta storia del bere. Se a Castelnovo deve venire gente solo per bere e creare problemi agli altri meglio che resti deserta come dice lei. Io giro tranquillamente e non ho nulla da nascondere senza peraltro essere mai stato fermato da quasi otto mesi; anzi penso che di controlli ce ne siano pochi rispetto a 20 anni fa. Il problema secondo me è che resta deserta per altri motivi e non certo per fantomatici controlli che soprattutto di giorno sono inesistenti. Poi questa storia della taratura degli autovelox mi sembra molto tirata; certo il vigile li dovrebbe tarare con una tolleranza più elevata (la tolleranza per legge è stabilita di 5 km/h fino a 100 e 5 per cento dopo) ma qua viene il punto: il vigile fa il suo lavoro per cui è pagato, ma il problema principale a mio avviso sono i limiti di velocità anacronistici nel 2007 o sistemati da persone incompetenti. Se tutti nel proprio lavoro facessero le cose seguendo solo la propria discrezionalità avremmo il caos. A mio parere con limiti di velocità proporzionati pochi avrebbero paura della macchina grigia. I vigili sono la punta dell’iceberg e non il problema.

    (Commento firmato)

    Rispondi
  17. Da cronista…
    …ho semplicemente riportato quanto saputo. In ogni caso ho provveduto ad informare telefonicamente il sindaco già stamattina, appena letto che l’auto grigia era ancora al solito posto. Mi è stato confermato quanto detto ieri e che evidentemente c’era stato un qualche ritardo nelle comunicazioni. Continuiamo pure a verificare quanto accadrà.

    (Pietro)

    Rispondi
  18. La benzina… si accende!
    Certo che vado in giro, e anche abbastanza; e non solo, ma di notte lavoro pure anche per le forze dell’ordine per verificare i controlli; non ho mai avuto problemi, anche perché non bevo! Riporto solo notizie pervenute a me indirettamente che riscontravano questo spopolamento. I controllati, seppur negativi, sono sempre stati controllati e anche più volte per sera. Sicuramente può essere che Castelnovo sia deserta per altri motivi, ma a me le notizie sono arrivate in questo modo e le ho riportate. Sono comunque d’accordo sulla prevenzione, ma prevenzione non significa sempre controllare. Basta anche solo la presenza in divisa. Sono anche concorde sul fatto che a Castelnovo non deve venire gente a bere per creare problemi agli altri ed essere un pericolo per chi viaggia. Per la benzina come dice lei che scrive… forse è proprio gettando benzina sul fuoco che emergono proposte e soluzioni… oppure no? Ben vengano le critiche e i critici.
    Saluti.

    (Tiziano Spelti)

    Rispondi
  19. Autovelox & Co
    Forse qualcuno sta ponendo rimedio a tutto ciò. Andate a visitare @Lhttp://[email protected]=www.autoveloxko.it#L ed il suo blog.

    (Rita Tacchetti)

    Rispondi
  20. Basta leggende metropolitane!
    1) Basta dire e pensare che con una birra si rischia la patente, per essere positivi ci vuole ben altro (esperienza personale e di alcuni amici). I controlli ci vogliono, e vi assicuro che qui (in montagna) non sono così opprimenti come da altre parti. Se in giro c’è poco e anche perchè a Castelnovo c’è poco (e pochi soldi);
    2) Meglio la Punto grigia (che c’era spesso ma non sempre) che i velox fissi molto di moda alla “bassa”, in Toscana e Liguria.
    3) Sfido a pubblicare una multa presa in quel punto anche a 65-70 all’ora (i fissi scattano a 56 su limite di 50 come da me constatato!).
    4) Temo che eventuali ricorsi per il divieto di sosta (e nel tal caso di fermata)non possano annullare la multa automaticamente… al limite dovevano multare l’auto del Comune per fermata vietata.
    Ciao.

    (Commento firmato)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48