Home Cronaca Crisi economica, “pacchetto” della Provincia

Crisi economica, “pacchetto” della Provincia

3
0

Riceviamo e pubblichiamo.

-----

Proseguono gli interventi della Provincia volti a contrastare la crisi economica, attraverso azioni di immediato sostegno a lavoratori, famiglie e imprese in difficoltà, ma anche con progetti che guardano già al dopo-crisi. In questa direzione va un "pacchetto anticrisi" rivolto prioritariamente a disoccupati, precari e lavoratori cassintegrati o in mobilità, per cui la Provincia ha stanziato 2 milioni di euro, con l'obiettivo di riqualificare questi soggetti in funzione della ripresa produttiva. I dettagli degli interventi sono stati illustrati questa mattina nel corso di una conferenza stampa a cui erano presenti l'assessore al Lavoro della Provincia Gianluca Ferrari, la dirigente dell'area Welfare locale Angela Ficarelli, il consigliere amministrativo del servizio lavoro Armando Sacchetti e Vanni Salatti del'Unità anticrisi della Provincia.

L'obiettivo principale di questi percorsi formativi è offrire una qualificazione professionale a chi ne è privo, specializzare soprattutto diplomati con titoli di studio difficilmente spendibili sul mercato del lavoro, riqualificare o riconvertire professionalità sempre meno occupabili o a rischio di espulsione lavorativa a seguito dell'attuale crisi galoppante. Complessivamente si tratta di quaranta operazioni approvate, che riguarderanno quasi 650 persone per un importo complessivo di circa 2 milioni di euro.

Tra le attività approvate un'attenzione particolare è stata riservata a quelle che si inseriscono in comparti e professionalità particolarmente innovativi, come la gestione del risparmio energetico, i sistemi integrati di qualità, sicurezza e ambiente per le imprese, l'installazione di pannelli fotovoltaici e le nuove fonti energetiche rinnovabili. Accanto a questi corsi, vengono confermati i profili già consolidati negli scorsi anni in materia di information technology, di commercializzazione dei prodotti, di acquisizione di nuovi mercati esteri per le imprese reggiane.

"Si tratta di un pacchetto di iniziative formative e di specializzazione - ha spiegato l'assessore al lavoro Gianluca Ferrari - finalizzate ad innalzare le competenze professionali dei lavoratori, affinchè l'economia reggiana sia attrezzata per agganciare la ripresa produttiva, non solo sul versante tecnologico, ma anche e soprattutto su quello delle risorse umane. Quest'ultimo infatti è il principale investimento per ripartire dall'attuale situazione di crisi economia lavorando sui segmenti più alti dell'economia globale".

L'assessore Ferrari ha infine sottolineato che "questo Piano di attività si iscrive nel quadro delle iniziative anticrisi promosse e sviluppate dall'Unità provinciale anticrisi e rappresenta una risposta concreta ai fabbisogni dell'economia locale come a quelli di tante persone in cerca di lavoro o a rischio di espulsione dall'attuale mercato del lavoro. Da quest'ultimo punto di vista ricordiamo infine i protocolli per l'anticipazione della cassa integrazione straordinaria firmato con 7 istituti di credito, che sta fornendo un concreto sostegno al reddito di alcune centinaia di lavoratori".

Per ogni ulteriore informazione è possibile consultare anche il sito web (www.reggiobattelacrisi.it) o telefonare al numero verde 800.513822 appositamente istituiti dall'Unità anticrisi della Provincia.

(Provincia di Reggio Emilia)

Articolo precedenteLigonchio, manifestazione dei commercianti rinviata
Articolo successivoL’ultimo libro di Dilva Attolini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.