“Aforismi da castagneto”: 10 canzoni inedite in dialetto montanaro presentate da LASSOCIAZIONE

Sabato 23 ottobre, alle ore 21, al Teatro Bismantova di Castelnovo ne’ Monti c'è un grande evento: il debutto de LASSOCIAZIONE nel concerto di presentazione del cd "Aforismi da castagneto", composto da dieci canzoni inedite tutte in dialetto del crinale appenninico reggiano. LASSOCIAZIONE è composta da: Giorgio Riccardo Galassi (alias Giorgio Lebowsky), testi, voce; Marco Mattia Cilloni, voce, chitarra acustica, guitar banjos, mandolino, compositore di tutte le musiche; Gigi Cavalli Cocchi, batteria, percussioni; Andrea Gherpelli, voce.

All’album hanno partecipato artisti di musica, teatro e cinema di livello nazionale:
Enrico Salimbeni (attore e regista)voce; Andrea Libero Gherpelli (attore di cinema e teatro)voce; Matteo Stocchino fisarmonica,organo, pianoforte; Enzo Frassi contrabbasso elettrico; Graziano Romani voce; Massimo Guidetti tromba, flicorno; Marcello Ghirri banjos; Filippo Chieli violino, viola; Fabrizio Ugoletti voce;
Simone Valla sax; Marina Parente (soprano) voce; Paolo Romei voce; il Coro Bismantova

La produzione artistica è de “Lassociazione”

* * *

“C’è qualcosa di particolarmente intimo nella decisione di dedicarsi alla parola dialettale montanara reggiana; qualcosa che trae origine da quella parte di noi ancora legata alla natura e al nostro istinto.
Ho scoperto che l’apprendimento appare avventuroso: non ci sono scuole, non ci sono corsi e le poche pubblicazioni divagano allegramente da luoghi e autori diversi.
E così, mentre imparavo il dialetto dai vecchi del paese scoprivo che il linguaggio è una strada e la scrittura un’altra che gli scorre a fianco. La parola forma la gente, ed è la gente che fa la storia. A questo abbiamo aggiunto la forma musicale più semplice, chitarra, violino, percussioni, banjos, mandolino. Storie d’inizio novecento, storie di miseria, di sogni, di viaggi andati in malora oppure anche se in maniera più sporadica di sogni avverati. C’è il mito dell’America, l’America quella vera, quella delle praterie sconfinate, quella dove nasce il blues e si respira il country e il folk già dalla culla. L’America italiana, irlandese, inglese e africana”.

(Giorgio Riccardo Galassi)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

6 Commenti

  1. Complimenti a Lillo e a Cillo
    Bravi! Un album veramente bello! Il nostro diletto è bellissimo e lo è anche nella versione folk music delle canzoni del cd. L’importante è non dimenticarlo e tramandarlo! Mia figlia (sei anni) canta già: “…du, quattr, due / scinc e po la mora…”. Sabato non mancheremo.

    (Mario)

    Rispondi
  2. Grande manifestazione al Bismantova
    Consiglio a tutti di partecipare… merita, bella la musica, belli i testi, ma soprattutto un’idea fantastica…

    (Lassocciazione fan club)

    Rispondi
  3. Bello…
    Voglio fare i complimenti a Paolino Romei!! Seppur i pezzi che canti non sono adatti a far risaltare la tua notevole estensione vocale, che io ho avuto l’occasione di poter apprezzare, “Lassociazione” mi fa venire i brividi ogni volta che la ascolto.
    Complimenti a tutti davvero, sabato non mancherò!
    Ciaooo.

    (Un rocker montanaro)

    Rispondi
  4. Piace proprio a tutti!
    Sarà la voce che entra dritta al nucleo dei sentimenti, saranno le musiche dai mille colori e sapori, le storie lontane ma ancora molto presenti, il dialetto dei nostri nonni con le stesse parole che usavano e che non ci siamo ancora rassegnati a perdere. Insomma un’insieme di cose fanno di questo album un concentrato di emozioni che affascina un po’ tutti, grandi e bambini. Quindi diventa un ponte importante anche tra le generazioni. Un gran bel lavur!

    (Marzia)

    Rispondi

  5. Che bellissima serata, che spettacolo meraviglioso! Un successo davvero! Siete un vanto per tutti i montanari e tutta la montanarità dell’Appennino.

    (S.S.)

    P.S. – Senza retorica e senza politica, un grazie di cuore al nostro assessore alla cultura che ho visto personalmente adoperarsi anche come maschera in teatro per aiutare la gente a trovare il posto, davvero un bell’esempio!

    Rispondi
  6. Veri artisti
    Veri Artisti… con la A maiuscola! Quando Vi esibite riuscite ad arrivate al cuore della gente. Grazie!!

    (Nadia e Dany)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48