“Appalto avvenuto con modalità discutibili”

Riceviamo e pubblichiamo.

-----

La recente aggiudicazione di una gara di appalto indetta dal Comune di Castelnovo ne' Monti riguardante lavori di riqualificazione del centro sportivo per un importo di oltre 350.000 euro è avvenuta, ancora una volta, con modalità quantomeno discutibili. Come prevede la legge per questa tipologia di appalti è facoltà dell’Amministrazione procedere tramite invito di un certo numero di imprese (nel caso specifico 8). Quello che proprio non riusciamo a comprendere è come mai non solo non sono state invitate imprese della montagna, ma neppure della nostra Provincia. Tutte le imprese invitate vengono da fuori provincia. Qualche domanda ce la siamo posta: forse la tipologia di lavoro costituita dalla costruzione di un campo con prato sintetico costituisce una lavorazione così particolare per cui nessuna impresa della provincia può essere invitata? Certamente no. Forse la categoria SOA richiesta, OS 6, non rientra tra quelle possedute da aziende della nostra provincia? Certamente no, poiché anche l’Autorità per i lavori pubblici ha chiarito che tale tipo di attestazione, non obbligatoria, è eseguibile con la qualificazione cat. OG1 posseduta da un gran numero di imprese.

Non riusciamo a comprendere le motivazioni che hanno indotto il Comune di Castelnovo ne' Monti ad utilizzare una procedura certamente legittima ma sicuramente irragionevole. Buon senso vorrebbe che per quel poco di lavoro che è rimasto da fare sul territorio, veda, almeno come invitati, imprese locali. Fino a prova contraria le aziende della montagna concorrono, con la loro attività, a creare occupazione e al pagamento di tasse e tributi per il sostentamento di servizi di pubblica utilità. Se così non è, crediamo che quei bei paroloni come bene comune, coesione sociale, sviluppo territoriale, rimangano affermazioni da seppellire sotto un prato sintetico.

(Mauro Garlassi, segretario provinciale Confartigianato)

* * *

La risposta dell'Amministrazione comunale di Castelnovo ne' Monti

In merito alla nota diramata da Confartigianato imprese sull’assegnazione dell’appalto per gli interventi di riqualificazione della zona sportiva di via Martin Luther King, l’Amministrazione comunale sottolinea che per tale assegnazione è stato semplicemente seguito con scrupolo il Codice degli appalti, secondo criteri puramente tecnici ed assolutamente trasparenti. L’Amministrazione e soprattutto i tecnici che hanno seguito l’assegnazione sono pienamente disponibili a fornire a Confartigianato imprese tutte le risposte specifiche ove venissero richieste. Facciamo presente che esse sarebbero state fornite immediatamente se l’associazione avesse voluto rivolgersi ai nostri uffici prima di dare il via ad una polemica che appare piuttosto infondata. Ovviamente ove possibile questa Amministrazione ha sempre favorito e privilegiato le aziende della montagna, consapevole del loro ruolo fondamentale per la tenuta sociale del territorio, ma su tale base non si possono aggirare i criteri di assegnazione degli appalti e si deve tenere anche conto delle specificità di ogni singolo intervento. L'Amministrazione inoltre sottolinea che non risponde a verità che non erano presenti tra quelle chiamate a partecipare al bando imprese della provincia di Reggio. Per fare solo un esempio, alla gara ha partecipato Unieco, che tra l'altro ha pure una sede in montagna a Felina.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48