Energia “verde” e agriturismo: dal Gal in arrivo contributi alle aziende dell’Appennino

Undici aziende dell’Appennino modenese e quattro dell’Appennino reggiano potranno realizzare interventi per la produzione di “energia verde” grazie al contributo del Gal Antico Frignano e Appennino Reggiano. Saranno pubblicate, infatti, a giorni sul sito www.galmodenareggio.it, le graduatorie del bando dedicato agli Aiuti alle imprese per la promozione della filiera dell’agro-energia”.  L’ammontare dei contributi ammessi è pari a circa 367.000 euro (pari al 30% della spesa totale), con investimenti sul territorio pari a circa 1 milione di euro.

Tuttavia, la ricaduta sul territorio, in termini economici e, soprattutto, ambientali, sarà molto di più, come spiega, Luciano Correggi, presidente del Gal: “Gli interventi ammessi a finanziamento riguardano l’installazione di impianti fotovoltaici, idroelettrici, minieolici o di gestione anaerobica per la produzione di biogas, realizzati utilizzando e rinnovando impianti preesistenti. Ciò significa che l’impatto ambientale sarà ridotto al minimo. Non solo, gli interventi consentiranno una produzione di energia pulita che sarà utilizzata, in parte, dalle stesse aziende produttrici, mentre quella eccedente potrà essere rivenduta al gestore”.

Sono, invece, diciassette (dieci di aziende modenesi e sette di aziende reggiane) i progetti finanziati attraverso il bando Aiuti alle imprese per lo sviluppo e la qualificazione dell’agriturismo.  “Il Gal  - aggiunge Gualtiero Lutti – direttore del Gruppo di azione locale - finanzierà gli interventi di ristrutturazione e ammodernamento di strutture preesistenti e consentirà la creazione di nuovi agriturismi, incentivando l’offerta ricettiva e turistica sul territorio. Tra i progetti più innovativi, anche il contributo alla realizzazione di un agri-asilo nel comune di Serramazzoni.

I contributi ammessi ammontano, complessivamente, a circa 2.230.000 euro, con investimenti sul territorio pari a circa 5.220.000 di euro.

I progetti realizzati grazie ai contributi del Gal consentiranno di  incrementate la ricettività agrituristica, un settore in forte crescita, se si tiene conto che, da un lato, sono sempre di più le persone che scelgono questa forma di ricettività e, dall’altro sono le stesse imprese agricole che investono per adattare le loro strutture all’ospitalità, con un forte inserimento di nuove aziende.

Le aziende beneficiarie avranno 12 mesi di tempo (prorogabili di altri 6) per realizzare i progetti finanziati dal Gal.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48