Pacco a sorpresa / Puntata 25. ASCOLTA I FILE

Ascolta i file

Prima parte

Seconda parte

Terza parte

 

Sanremo 2012, svelati tutti i nomi dei big: Bersani, Arisa, Matia Bazar

I 14 artisti si esibiranno in due canzoni, un brano inedito e uno interpretato insieme a un ospite internazionale.

L'attesa è finita. Nel corso de L'Arena di Massimo Giletti, il salotto domenicale di RaiUno, Gianni Morandi ha reso noti i nomi dei 14 cantanti che parteciperanno al Festival di Sanremo 2012.

I primi nomi annunciati dal cantante bolognese sono stati: Dolcenera, Irene Fornaciari, Nina Zilli e Samuele Bersani; tutti e quattro al ritorno sul palco dell'Ariston. Esordio assoluto, invece, per Pierdavide Carone, direttamente dai banchi del talent show Amici, che si esibirà con un brano scritto da Lucio Dalla, per l'occasione direttore d'orchestra.

Nella città dei fiori arriveranno poi la giovane Noemi, gli intramontabili e due volte vincitori Matia Bazar, Arisa dopo l'esperienza come giudice di X Factor, il vincitore del 2005 Francesco Renga, ed Emma Marrone, che porterà una canzone scritta da Kekko Silvestre, il leader dei Modà.

Morandi ha poi confermato che quest'anno sul palco dell'Ariston si esibirà l'inedita coppia formata da Gigi D'Alessio e Loredana Bertè. Smentita la bufala di un ipotetico duo tra Morgan ed Emanuele Filiberto, sarà il tandem formato dal cantante napoletano e dalla rocker calabrese a creare la maggiore curiosità.
L'artista jazz Chiara Civello, Eugenio Finardi, alla terza apparizione a Sanremo, e i Marlene Kuntz, considerati da molti come gli outsider per la vittoria finale, chiudono la lista dei Big che dal 14 al 18 febbraio si daranno battaglia sul palco della manifestazione canora italiana per eccellenza.

Annunciati anche i nomi dei brani italiani e dei grandi successi della nostra canzone nel mondo che nella serata di giovedì saranno eseguiti in tandem con nomi internazionali di livello (su tutti Goran Bregovic, Patti Smith, Sarah Jane Morris). Ecco l'elenco completo:

Nina Zilli- Per Sempre /Never Never Never (Grande grande grande) con Skye dei Morcheeba
Samuele Bersani- Un pallone /My sweet Romagna (Romagna mia) con Goran Bregovic
Dolcenera- Ci vediamo a casa /My life is mine (Vita spericolata) con Professor Green
Pierdavide Carone e Lucio Dalla- Nanì/ Anema e core con Mads Langer
Irene Fornaciari- Il mio grande mistero/ I who have nothing (Uno dei tanti) con Brian May
Emma Marrone- Non è l’inferno/ If Paradise is half as nice (Il Paradiso) con Gary Go
Matia Bazar- Sei tu/ Speak softly love (tema de Il padrino) con Al Jarreau
Noemi- Sono solo parole/ To feel in love (Amarsi un po’) con Sarah Jane Morris
Francesco Renga- La tua bellezza/ El mundo (Il Mondo) con Sergio Dalma
Arisa- La notte/ Que serà (Che sarà) con Josè Feliciano
Chiara Civello- Al posto del mondo/ You don’t have to say to love me (Io che non vivo con Shaggy
Gigi D’Alessio e Loredana Berté- Respirare/ Auf Der Welt (Piccolo Uomo) con Nina Hagen
Eugenio Finardi- E tu lo chiami Dio/ Surrender (Torna a Surriento) con Noa
Marlene Kuntz- Canzone per un figlio/ The world became the world (Impressioni di settembre) con Patti Smith

GINO ALDI

Gino Aldi si laurea in medicina nel 1990 compiendo parallelamente la formazione in Psicoterapia di Integrazione strutturale presso la SIPI (Società Italiana di psicoterapia Integrata). Svolge dal 1991 l'attività di psicoterapeuta dell'individuo, della coppia e della famiglia affiancando aquesta principale attività un notevole interesse per le problematiche delle prevenzione e della psicologia di comunità che lo portano ad interessarsi di volontariato e di Cooperazione sociale. Nel 1998, dopo alcuni anni di impegni in attività di volontariato fonda la Cooperativa sociale Zetesis con lo scopo di sensibilizzare un approccio alla persona capace di prevenire il disagio psicologico o risolverlo attraverso interventi di promozione della salute. Zetesis identifica fin dalla sua origine la tematica della relazionalità come centro del proprio agire. Si cerca, attraverso interventi di varia natura, di collocare al centro dell'azione educativa e sociale la centralità delle persona umana e la capacità di accogliere le istanze profonde che essa possiede. In una scuola e in una società che sta sempre più spersonalizzando le relazioni il lavoro sociale di Zetesis si rivolge ad insegnanti ed attori sociali che vogliono apprendere il modo di costruire relazioni di aiuto accoglienti ed efficaci. Dopo numerosi anni di lavoro in ambito scolastico, corredato di soddisfazioni e difficoltà, molte delle quali raccolte nel libro presentato, la cooperativa inizia a sperimentare un proprio metodo educativo basato sull'approccio strutturale integrato. Vengono così avviate alcune sperimentazioni su bambini di età
prescolare con l'obiettivo di proporre una didattica capace di favorire una crescita armonica dell'essere umano valorizzando la capacità di relazione dell'educatore, la capacità di stimolare non solo l'intelligenza razionale ma anche l'intelligenza emotiva, corporea, sociale e creativa. Grazie ad una programmazione attenta e alla proposizione di attività centrate sul gioco i bambini vengono spinti verso una crescita armonica ad organizzare una personalità integrata e matura. Il successo delle prime sperimentazioni spinge il gruppo a creare due scuole dell'infanzia ed il Centro Età Evolutiva, dove si accolgono bambini con difficoltà scolastiche svolgendo per essi specifici progetti di riabilitazione. Parallelamente viene svolta una ricca attività rivolta alla genitorialità, attraverso gruppi di sostegno, incontri tematici, ricerche. L'esito di questo percorso darà vita al libro "Riscoprire l'autorità". Il gruppo Zetesis ha avviato una collaborazione stabile con un gruppo genitori a Montalcino e sta collaborando allo sviluppo di un corso per educatori che si svolgerà a Milano in autunno 2012. La rivista Ambrosia, rivista che si occupa specificamente di Olismo ed educazione, ha pubblicato una monografia dedicata al metodo dello sviluppo integrato della persona. Il gruppo ha dato vita inoltre alla rivista "Il meglio di loro", al suo secondo anno di vita: rivista che divulga argomenti di educazione e psicopedagogia. Gino Aldi continua a lavorare come psicoterapeuta presso il proprio
studio in Caserta. Lavora sempre più spesso con i bambini, avvalendosi della
collaborazione della moglie, Neuropsichiatra Infantile e psicoterapeuta.
L'attività editoriale non si ferma al libro "Riscoprire l'autorità".  Seguirà una interessante rivalutazione del concetto di relazione e di rapporto interpersonale attraverso un lavoro di riflessione sull'importanza, ma anche la complessità, di costruire buoni rapporti per la salute mentale di ciascuno. L'approccio umanistico delle origini ha trovato una personale maturazione nel tentativo di integrare il valore della singola persona umana con il valore altrettanto importante della comunità cui esso appartiene, quel Noi che se da un lato ci limita, concorre alla nostra formazione
umana e alla nostra identità personale. Dott. Gino Aldi, Via Piave 7, 81100 Caserta, Tel.0823423108, fax 0823452877, mobile 3358105216, Mail Gino.aldi@gmail.com, www.psicoterapiacaserta.it

La ricetta della Rosy: ragù di carne classico

Il ragù è uno dei vessilli della cucina italiana, ne esistono diverse versioni, questa è una. Un condimento ricco, saporito, profumato: niente di meglio per condire un buon piatto di pasta!

Ingredienti per 4 persone

250 gdi macinato di manzo,250 gdi macinato di maiale, 1 cipolla, 1 carota, 1 costa di sedano,60 gdi concentrato di pomodoro,300 gdi passata di pomodoro, 1 bicchiere di vino rosso, 1 ciuffo di prezzemolo, 2 spicchi d'aglio, olio extra vergine d'oliva, sale e pepe.

Preparazione "Ragù di carne classico"

Mondate e tritate il sedano la carota, la cipolla, gli spicchi d'aglio e il prezzemolo.

In una casseruola lasciate stufare gli odori a fiamma dolce per 10 minuti.

Aggiungete il prezzemolo e la carne, alzate la fiamma e lasciate rosolare la carne fino a quando non abbia cambiato colore e la sua acqua non sia evaporata del tutto, insaporite con il sale e il pepe.

Sfumate con il vino e una volta evaporato, aggiungete il concentrato di pomodoro, lasciate cuocere a fiamma alta per altri 5 minuti.

Passato il tempo aggiungete la passata di pomodoro, abbassate la fiamma al minimo e lasciate cuocere per 2 ore.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48