Castelnovo / Torna Teatrolab

Immagine di repertorio

Torna il tradizionale appuntamento con il festival internazionale di TeatroLab, la rassegna teatrale che ogni anno a inizio primavera porta a Castelnovo ne' Monti studenti da tutto il mondo. Un appuntamento delle scuole e per le scuole - che possono prenotarsi per assistere agli spettacoli - dal momento che sono gli stessi studenti a divenire attori, quest'anno portando in scena il tema dei “migranti”. Tre le scuole reggiane coinvolte (Motti, Galvani, Filippo Re, Convitto Corso) insieme ad una scuola francese e ad una olandese. Quest'anno un'importante novità sulla location: il festival, oltre che al Teatro Bismantova, farà tappa anche nella Bassa, al Teatro della Rocca di Novellara. I dettagli del progetto e il programma del festival verranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà venerdì 24 febbraio nella sede della Provincia. Saranno presenti l'assessore all'istruzione della Provincia Ilenia Malavasi, il direttore artistico di Etoile Daniele Franci, gli assessori alla scuola e alla cultura del Comune di Castelnovo ne' Monti, rispettivamente Mirca Gabrini e Francesca Correggi, gli assessori alla cultura e alla scuola del Comune di Novellara Stefano Mazzi e Paolo Santachiara, il consigliere regionale Marco Barbieri, i dirigenti scolastici Francesco Baroni (Motti); Maria Dall'Asta (Galvani); Luigi Avino( Filippo Re).

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Questi festival sono fondamentali per tenere viva la realtà artistica del presente e alimentare quel pizzico latente di creatività che c’è in tutti e consente, se vogliamo, un più dolce trascorrere di questa vita. Lo sperimentalismo, in particolare, è importante per creare cose nuove e questi ragazzi li vedo un po’ come il nostro braccio forte. Senza tentare di uguagliare collettivi artistici come l’akron family dell’underground americano odierno, anche in Italia ci sono realtà importantissime che vanno tenute in considerazione. Come questa.
    Un saluto.

    (Maicol Gira)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48