Maggioranza larga. Ma non unanimità

La mozione su "impegno al contrasto di nuove forme di fascismo e intolleranze", unificata nella discussione con l'ordine del giorno su CasaPound, documenti presentati rispettivamente dal gruppo "Castel-Nuovo" e dalla maggioranza di controsinistra che regge il Comune di Castelnovo ne' Monti, ha ottenuto il via libera. Ma non l'unanimità, come si augurava in particolare il consigliere Luigi Bizzarri, che si è rivolto in tal senso con toni accorati al collega Federico Tamburini, capogruppo di "Persone e montagna", il quale, insieme a Mario Attolini e a Luigi Cagni, ha deciso per l'astensione.

Luigi Bizzarri, dopo aver ascoltato l'intervento di Tamburini, ha subito voluto replicare chiedendo al collega di permettere quel voto unanime che, ha detto in sostanza, "avrebbe certamente una sua indubbia forza e costituirebbe il segnale che tutta la popolazione del nostro comune, che qui rappresentiamo, è unita a difesa dei valori scritti nella Costituzione".

Tamburini aveva infatti comunicato il proprio "disagio" verso questo tipo di "documenti-fotocopia (la stesura è stata curata dall'Anpi, ndr) che girano per i vari comuni". Dichiarando la propria saldezza negli ideali dei valori democratici e antifascisti, ha ricordato che la violenza ha anche altre e diverse matrici (esempio i centri sociali e No Tav). "Il documento ha una strutturazione che mi porta ad astenermi". Il concetto è stato ribadito poco dopo da Attolini, che ha sottolineato come la questione "sia stata posta male". Bizzarri, peraltro, aveva già provveduto a "depurare" qualche frammento del documento proprio per cercare di rimuovere eventuali ostacoli ad un'approvazione corale. Ma, nonostante la lunga discussione (un'oretta), non è bastato.

Al voto si sono espressi favorevolmente 18 consiglieri e, come dicevamo, 3 sono stati gli astenuti. Maggioranza larga, sì, ma non quell'unanimità auspicata che ha lasciato a qualcuno un po' di amaro in bocca.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

10 Commenti

  1. Come ANPI speravamo ad un voto unanime del documento come è successo la settimana scorsa al consiglio di Villa Minozzo. Siamo comunque molto soddisfatti della presa di posizione dell’amministrazione su un tema molto importante e purtroppo preoccupante. Per loro la resistenza è stato salire sul carro dei vincitori, senza sacrifici e dettare legge. Fortunatamente la nostra montagna è piena di luoghi e di cippi ai caduti, partigiani e civili dove nell’eterno marmo rimane scolpito il loro sacrificio per la libertà…

    (Mattia Rontevroli, Anpi sezione di Felina)

    Rispondi
  2. La tolleranza diventa un crimine quando si applica al male (Thomas Mann). Proprio in virtù della frase di Mann che ritengo importantissima e portatrice di verità auspico che altri comuni oltre a Villa Minozzo e Castelnovo ne’ Monti seguano la stessa linea. Nessuna tolleranza, nessuna “ospitalità” verso chi propugna ideali fascisti.

    (Monja Beneventi)

    Rispondi
  3. A Villa Minozzo effettivamente c’è stato voto unanime, ma qualche dubbio è successivamente sorto anche a me. Nulla da eccepire nel merito; i valori di democrazia e antifascismo non sono in discussione. Siamo però sicuri che il nemico da combattere sia CasaPound nella sua interezza (richiamata espressamente nel documento all’ordine del giorno) e non certe derive violente che si mascherano dietro a qualsiasi bandiera e usano qualsiasi pretesto per esibirsi? Penso a Roma, a quella splendida giornata di protesta civile naufragata in un degrado vergognoso a causa di centri sociali e black bloc. Penso alle proteste e alle occupazioni dei cantieri in Val di Susa, vanificate dai violenti che portano immediatamente l’opinione pubblica all’equazione No Tav = anarchia e violenza. Penso alla protesta contro la globalizzazione e poi alla guerriglia urbana di Genova, tra lanci di estintori e spari. Penso che non tutti gli aderenti a CasaPound siano necessariamente cattivi, come penso che non tutti gli aderenti all’Anpi siano necessariamente buoni. Condivido con Tamburini il fatto che la questione fosse più complessa di quanto sembra e che fosse sostanzialmente posta male. Sono contrario alla violenza. Quando si sfoga contro due senegalesi inermi e innocenti, quando si sfoga contro i celerini, quando si sfoga, anche solo a parole, contro i barconi degli immigrati, contro gli omosessuali, contro la Bandiera.
    Mio nonno mi ha raccontato la guerra. Difficile credere che sia sempre tra buoni e cattivi.

    (Davide Marazzi)

    Rispondi
  4. Caro Davide, può anche essere che qualche sprovveduto aderisca a CasaPound con le migliori intenzioni, ma strizzare l’occhio alle tesi negazioniste quando non proprio sostenerle come faceva il loro camerata Casseri sui siti di CasaPound è inaccettabile. E poi non mi risulta che mai nella sua storia l’Anpi possa avere mai accondisceso ad idee di violenza e soppraffazione, quindi il paragone non è in alcun modo accettabile. Pensa che stupro alle idee di democrazia sarebbe, in una zona come la nostra, che ha dato tanti martiri alle lotte per la libertà, ospitare in qualche luogo pubblico sinistri figuri che inneggiano all’odio razziale o banalizzano l’olocausto. Il loro “fascismo del terzo millennio” non è folklore ma una pestilenza attorno alla quale stendere un cordone sanitario.

    (Luigi Bizzarri)

    Rispondi
  5. Scusami Davide ma non riesco a trovare la complessità del documento inviato ai comuni..? Poi il paragone Anpi-CasaPound mi fa venire i brividi!! Comunque riguardo ai nuovi movimenti neofascisti, contro l’odio razziale e altre forme di violenza la Costituzione parla chiaro. Oserei dire che è un dovere di tutti discriminare ogni nuova forma di fascismo in Italia!
    Saluti.

    (Fabio Fantolini)

    Rispondi
    • scusi sig.Fabio lei ha per caso avuto modo di leggere il documento inviato ai comuni? Io lo sto cercando da quasi un’ora e non ne trovo traccia!
      se le fosse possibile inoltrarmi un link le sarei infinitamente grato (anche alla redazione s’intende), per capire in cosa realmente consista e se davvero può essere riassunto nelle due righe riportate in cronaca.
      grazie anticipatamente
      (gc)

      Rispondi
  6. …Per CasaPound Reggio Emilia queste votazioni nei consigli comunali sono dettate su ordine di BCE e FMI. Questo è il massimo di dialogo che si può avere con questi personaggi…
    Carissimo Davide, ormai è un po’ che ci conosciamo e sai che non parteggio per cause che tentino di limitare qualsiasi libertà… Quello che SO è che CasaPound e soprattutto la sua falange “Blocco studentesco” agiscono nelle scuole superiori. “La ricreazione è finita” è il motto con il quale si presentano nel movimento già dal 2006, le proposte fondamentali sono principalmente il “Libro di testo unico” e “Mens sana in corpore sano”: la prima propone l’adozione di un testo unico a livello regionale per tutti gli studenti per contrastare un sistema scolastico dove, a detta loro, “a far da padrone sono i professori nostalgici del ‘68”; la seconda invece vorrebbe introdurre un potenziamento del 150% delle lezioni di educazione fisica, logica che sembra collegarsi in filo diretto con la proposta di CasaPound Italia del “ripristino della leva obbligatoria per tutti al compimento del 18 anno di età, con richiami quinquennali di addestramento fino al compimento del 45 anno di età”. Uno concezione dello sport, collegata in modo indissolubile alla concezione militarista, tutta fascista, del futuro difensore della patria.
    Questa è la loro ideologia e va contrastata con una presa di posizione forte che non si può prendere, come nel tuo caso, se non si la conosce approfonditamente.
    Con rispetto.

    (Mattia Rontevroli)

    Rispondi
    • Mattia, mandiamoli in una palestra! Non temere, l’intelligenza esiste ancora. Tali assurdità non possono attecchire, io ho fiducia nell’essere umano.

      (Lil)

      Rispondi
  7. Qualche ultima considerazione solo per chiarire meglio quello che intendo: mi guardo bene dal mettere sullo stesso piano Anpi e CasaPound, da una parte ci sono valori universali di libertà e vigilanza contro ogni oppressione, dall’altra una concezione sociale che ritengo anacronistica e insostenibile.
    Il punto è: le BR sono nate in certi ambienti di estrema sinistra, chiudiamo anche quelli? O vietiamo la costituzione di gruppi Ultras per evitare gli scontri? O proibiamo il black metal per non imbatterci nelle bestie di satana?
    Siamo certi che all’interno di CasaPound ci sia solo male (e allora non si spiega ad esempio l’impegno sociale a favore delle famiglie e la partecipazione ai soccorsi all’Aquila), o piuttosto dobbiamo cercare di tessere qualche tipo di contatto per scoprirlo?
    Poi lo so anch’io che sono comici quando propongono certe sparate fasciste, ma invece, ad esempio la Lega, è una realtà molto più seria?

    In definitiva, e confido che leggiate queste mie parole senza alcun intento polemico perchè, ribadisco, mi riconosco decisamente nell’Anpi ed escludo che potrei mai riconoscermi nella destra sociale:
    preferirei che nessuno proponesse mai di chiudere associazioni di pensiero, per quanto anacronistiche, se non inneggiano direttamente alla violenza violando la legge. Anche perchè la caccia alle streghe tende a fare l’effetto contrario e a creare la sindrome da persecuzione..
    Poi gli stupidi sono ovunque, ma come dice LIl, anch’io confido che l’intelligenza esista ancora.

    Davide Marazzi

    Rispondi
  8. Comprendo le tue precisazioni Davide, pur non condividendole appieno, ma per correttezza vorrei che si sapesse che l’aiuto che casapound da alle famiglie non è privo di propaganda …. tendono a precisare , con toni non certo amichevoli ,che il loro aiuto è solo per gli italiani ,per le famiglie italiane.Quindi non direi proprio un comportamento caritatevole ma semmai propagandistico e allo scopo di avere appunto un certo riscontro sociale( chiamiamola presentabilità?) .Non sono certo la Caritas, per intenderci ,che invece aiuta tutti senza mettere nessun paletto se non quello legittimo di un effettiva necessità.

    (Monja Beneventi)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48