Home Cronaca Nella nostra provincia la prossima assemblea internazionale di Cittaslow

Nella nostra provincia la prossima assemblea internazionale di Cittaslow

4
0

Un incontro che sarà completamente in terra reggiana e che vedrà a Castelnovo ne' Monti alcuni dei momenti salienti. Dopo 5 anni si accinge a ritornare in Italia, dal 14 al 17 giugno, l’assemblea internazionale di Cittaslow, l’associazione delle piccole città del buon vivere nata nel 1999 della quale il capoluogo appenninico, nella persona del sindaco Gian Luca Marconi, regge la presidenza internazionale dal 2008.

Dunque, dal 14 al 17 giugno le tre Cittaslow reggiane, Novellara, Castelnovo ne' Monti e Scandiano, ospiteranno circa 300 delegati provenienti dalle 154 Cittaslow associate in 25 Paesi del mondo. Spiega Marconi: “È per noi un orgoglio oltre che una certezza  poter oggi capitalizzare l’impegno di tanti sindaci e cittadini che in 13 anni di attività di Cittaslow hanno tracciato una direzione e dato l’esempio». La prossima sessione dell’assemblea generale di Cittaslow verrà aperta dalla prolusione di Vandana Shiva, il 16 giugno a Novellara: ambientalista e ricercatrice indiana, Vandana Shiva è considerata una delle voci più autorevoli nel campo della “ecologia sociale” e tra le attiviste più impegnate sull’agricoltura biologica, la sostenibilità ambientale ed i modelli di sviluppo che limitino le disparità create dalla globalizzazione. Nei quattro giorni di assemblea si susseguiranno workshop tematici, scambi di esperienze e incontri con le comunità locali.

La giornata castelnovese dell’assemblea, in cui tutti i delegati visiteranno l’Appennino ed il nostro paese, sarà quella di domenica 17 giugno. Il programma prevede tra l’altro una visita guidata per i delegati alla Pietra di Bismantova ed alle latterie che sul territorio producono il Parmigiano Reggiano. “Sarà un momento importante –conclude Marconi - in cui si discuteranno temi centrali per lo sviluppo futuro della Rete Cittaslow, che è in una fase di forte espansione. Negli ultimi mesi ad esempio è stata attivata la nuova Rete francese delle Cittaslow, una rete dalle grandissime potenzialità vista l’attenzione che le cittadine d’oltralpe mantengono tradizionalmente per i loro prodotti, la loro storia, la qualità della vita. Inoltre nel mese di marzo l’associazione ha avuto un importante incontro ufficiale con un gruppo di parlamentari europei guidati dall’onorevole olandese Lambert Van Nistelrooij, per proporre il movimento e soprattutto chiedere di essere ammessi in qualità di portatori di interesse (stakeholder) dalla Comunità Europea sull’assegnazione dei finanziamenti 2013-2020 sui settori agroalimentari, ambientali, legati alla tutela del paesaggio, la gestione della raccolta differenziata dei rifiuti, le energie rinnovabili, la bio-urbanistica. E’ stato manifestato un forte interesse verso queste proposte, ed il manifesto dell’associazione è stato formalmente approvato e consegnato ai parlamentari”.

 

Articolo precedente“Quanti soldi per la strada provinciale 7 nel bilancio 2012?”
Articolo successivo“Quel che i parchi tutelano”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.