Terremoto Emilia / Chiude l’ultima tendopoli

E' tempo di chiusura dell’ultima tendopoli ancora aperta in regione, il campo gestito dal Comune di Carpi, che ospitava 150 persone. "E' motivo di grande orgoglio per questo territorio", afferma Marco Monari, presidente del gruppo Pd in Regione Emilia-Romagna. "Si tratta di una vittoria corale: il merito di ciò va infatti al presidente della Regione e commissario per la ricostruzione Vasco Errani, alla giunta e all’assemblea legislativa che da subito hanno posto l’assistenza alle popolazioni colpite dal sisma al primo punto del loro agire ". Prosegue Monari: "Nondimeno va riconosciuto ai sindaci, da sempre in prima linea, alla struttura della  protezione civile, ai volontari, alle associazioni e ai cittadini tutti una capacità di lavorare assieme e di sacrificarsi che in questi mesi ha visto l’Emilia porsi agli occhi del resto del Paese come luogo di cooperazione di aiuto reciproco davvero encomiabile".

"Era stato detto che nessuno avrebbe trascorso l’inverno nelle tendopoli: in pochi ci credevano e alcuni facevano professione di scetticismo e di critica preventiva. Esserci riusciti è un vanto che, lo ripeto, credo debba essere di tutti gli emiliano-romagnoli. Le difficoltà e i prossimi passaggi non saranno meno impegnativi, ma intanto accogliamo questa notizia positiva quale ennesima riprova che la Regione Emilia-Romagna è il luogo del fare, molto più che quello delle polemiche e delle speculazioni retoriche: del fare assieme e del fare bene, a vantaggio in primo luogo di chi è più in difficoltà e più esposto, in questo caso alle terribili conseguenze dei terremoti che hanno colpito la nostra terra".

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. 30 giorni indimenticabili quelli trascorsi nelle zone di Carpi nell’immediato dopo terremoto. Eravamo in tanti ma il lavoro da fare era tantissimo, essere riusciti a dare un alloggio a tutti prima dell’inverno sembrava impossibile eppure, con l’aiuto di tutti, ci siamo riusciti. Un mio amico direbbe “Questa e’ l’Emilia ! ”
    commento firmato
    (Alessandro)

    Rispondi
  2. In Emilia si cade, ma si ci rialza subito.
    complimenti a tutti i volontari
    Miki
    (M.M.)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48