La Provincia dà il bentornato a Giuliano Razzoli

Razzoli e Masini

La presidente della Provincia di Reggio Emilia Sonia Masini, affiancata dall'assessore provinciale allo sport Alfredo Gennari, ha accolto ieri pomeriggio a Palazzo Allende Giuliano Razzoli, al suo rientro da Sochi. Lo sciatore azzurro, rientrato in Italia da poche ore, è arrivato in Provincia accompagnato dal padre Antonio, dalla sorella Giordana, dal suo allenatore personale Marcello Marchi e da una delegazione di reggiani che lo ha seguito nell'avventura olimpica.

La Provincia ha voluto dare in questo modo il suo bentornato al sciatore azzurro: "Ci ha fatto sperare, ha combattutto come sempre e lo ringraziamo per aver portato ancora una volta Reggio Emilia nel mondo", ha affermato la presidente Masini.

“Questo ragazzo - ha proseguito - rappresenta un esempio eccellente per i nostri giovani, è una persona vera, ha avuto una vita difficile e piena di sacrifici, ma non si è mai arreso. E siamo convinti che possa dare ancora molto".

“Per me è una grande gioia rappresentare Reggio nel mondo – ha replicato Razzoli - . Credo di poter fare ancora molto in questo sport a partire dalle prossime Olimpiadi e dai mondiali”. Poi uno sguardo all'ultimo periodo: “Gli ultimi due anni sono stati faticosi, ma sono convinto di poter tornare sul podio. Sono orgoglioso di poter essere di esempio per i nostri ragazzi, lo sport in questi anni mi ha insegnato tanto. Ora avrò bisogno di qualche giorno per riprendermi dalla sconfitta, ma poi ripartirò con gli allenamenti. La convocazione è stata importante, purtroppo non ho ottenuto i risultati che speravo. E' stato bello essere lì”.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Complimenti Razzo, una delle tue solite belle figure. Ci è andata bene una gara nella tua vita, una sola, quella giusta… Non ti sembra ora di dire basta, per decenza?

    (L. Pollenti)

    Rispondi
  2. Alle Olimpiadi vanno solo i campioni. Gli altri stanno a casa e le guardano. Sempre forza Razzo!

    (P. Gigli)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48