Quest’inverno non se n’è vista “brisa”

Nevicata a Castelnovo (prob. anni '50)

Recuperiamo da Facebook questa immagine di Castelnovo ne' Monti risalente probabilmente agli scorsi anni '50

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Credo sia doveroso ricordare che questa bella foto è parte di una lunghissima serie che il carissimo e bravissimo fotografo Guido Ficcarelli fece in occasione di una eccezionale nevicata. Se altre persone dispongono di altre foto di quella sera sono pregati di renderle pubbliche anche per ricordare Ficcarelli. Grazie in anticipo.

    (Luigi Magnani)

    Rispondi
  2. Mi associo. Guido Ficcarelli, grande fotografo e soprattutto grandissimo uomo. Con la sua “umiltà” e umanità ha aiutato in silenzio, nell’anonimato che distingue i grandi, moltissime persone. Sempre disponibile e attento alle richieste, con quel carattere all’apparenza burbero, elargiva pillole di saggezza fotografica a chiunque lo chiedesse. Ho avuto la fortuna di averlo al mio fianco in negozio, giorno dopo giorno, per tantissimi anni. Ho avuto modo di conoscerlo, apprezzando tutti i suoi pregi e comprendendo i suoi difetti. Mi ha insegnato moltissimo dal punto di vista fotografico e umano, mi ha fatto egregiamente da vice-padre, aiutandomi a superare la scomparsa di quello vero, sempre pronto a consigliarmi nelle difficoltà. In negozio si era creato con Guido, anche con i miei amici coetanei, un rapporto di amicizia incredibile. Tutti lo chiamavano “Il grande mirunga”, che rappresenta un po’ il capo di una colonia di elefanti marini. Entrando in negozio, al richiamo “sea elephant forever”, il grande Guidone elargiva un sorriso e subito un finto gesto di stizza, ma si vedeva alla grande che provava molto piacere da queste dimostrazioni di affetto. Al cimitero, dove riposa con la sua sposa, sulla sua lapide c’è una fotografia che un mio collega (non ricordo onestamente chi la ha scattata, visto che avevano partecipato tutti attivamente alle foto del mio matrimonio, affidato per l’esecuzione a Benito) ha scattato a Guido in un fantastico momento di relax, dove impugna con noncuranza la macchina e la tiene vicino al mento. Veramente “Guido”. Sicuramente ora che i due papà (originale appassionato di fotografia e vice-sostituto, vero artista di quest’arte che sta cadendo in declino) si sono uniti potranno dialogare e discutere di fotografia insieme. Sono comunque eternamente grato a Guido Ficcarelli per l’amicizia e tutto quello che mi ha dato. Scusatemi, ma era da sempre che volevo ringraziare pubblicamente il mio mentore.

    (Giandomenico Reverberi, Studio fotografico Jack & Joe)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48