Genitoni eccepisce, Marconi risponde

"Negli ultimi giorni, avvicinandoci alle elezioni amministrative, sembra sempre più evidente un distacco tra la cittadinanza che avanza richieste d’aiuto e l’amministrazione comunale che tace". Lo sostiene Massimiliano Genitoni, portavoce e candidato sindaco a Castelnovo ne' Monti per il M5S.

"Sul tema sicurezza si sono adoperati i cittadini organizzando un incontro pubblico dopo averlo più volte richiesto all’amministrazione.  In seguito un altro cittadino (nella fattispecie io) ha richiamato all’attenzione della stessa amministrazione comunale la questione della povertà e dell’accattonaggio nel nostro territorio, che continua ad essere una problematica sempre più evidente. A differenza dei tre sindaci di sinistra veneti (Giorgio Orsoni, sindaco di Venezia, Giovanni Manildo, sindaco di Treviso, Ivo Rossi, vice di Zanonato, svolge le funzioni di sindaco di Padova), che stanno prendendo provvedimenti a tutela dei loro cittadini, il nostro Comune non sembra avere nessuna intenzione di affrontare il problema".

"Proprio ieri la signora Luisa Valdesalici - parole ancora di Genitoni - scriveva una lettera di denuncia/aiuto su Redacon esordendo con: 'Oggi ho ricevuto la visita di un incaricato Iren (si é definito Iren ma sono esterni), al quale, da sprovveduta, ho aperto, avendo ricevuto nei giorni scorsi una lettera sulla nuova raccolta dei rifiuti con il porta a porta e letta in modo frugale; colpa mia avendo pensato fosse quello il motivo'. Proseguendo poi con una vera e propria richiesta di aiuto: 'Ora mi rivolgo anche al sig. sindaco, che ha il dovere di tutela dei cittadini, di farsi portavoce presso codesta ditta, perché non é questo un modo nè giusto nè corretto per aumentare i loro contratti ed inoltre tutte quelle persone esterne, perché non sono dipendenti Iren, li paghiamo noi e le bollette aumentano! Una persona anziana viene raggirata facilmente e quando hai fatto un nuovo contratto poi sei nei guai'”.

"La risposta del Comune - annota - c’è stata ma sicuramente non è esaustiva: 'In merito alla segnalazione pervenuta si specifica che ad effettuare nella giornata di oggi visite domiciliari sono stati informatori commerciali di Iren che propongono offerte sui servizi energetici, come fanno abitualmente anche altri soggetti che operano nel settore, quali Enel, Edison, ecc. Non si tratta di truffatori ma di personale che presta un lavoro che rientra in un settore appositamente normato, con metodologie pubblicitarie che possono risultare per alcuni cittadini discutibili, ma che non si configurano come raggiri o truffe. Il Comune di Castelnovo ne’ Monti ha peraltro avanzato oggi una richiesta ad Iren commerciale perchè, vista la concomitanza con l’attività di informazione domiciliare sull’avvio della raccolta differenziata dei rifiuti “Porta a Porta”, che riveste per l’Ente una grande importanza, questa attività pubblicitaria venga sospesa nei prossimi giorni così da evitare sovrapposizioni che possano ingenerare confusione'”.

"La signora non ha esitato a replicare", ricorda ancora Genitoni nel suo intervento. Che riporta: “'Riferisco al Comune di Castelnovo ne’ Monti (nella qualifica di…? Si potrebbe firmare chi ha scritto l’articolo… di certo non è stato l’edificio!)'". "Motivando le sue ragioni e esternando tutta la sua delusione verso chi anzi che difendere lei (e con lei ile fasce di cittadini più deboli) si schiera dalla parte di aziende come Iren. Continua con 'Forse raggiro per chi non è competente in materia o è anziano e non riesce a capire la differenza di una voce dall’altra. Non so! So che nessuno regala nulla. So che non possiamo più fidarci di nessuno!' e conclude con una frase che mostra tutta la rassegnazione tipica dei cittadini difronte ai governanti: 'Ma se al Comune di Castelnovo ne’ Monti va bene così e capisco…, scusi tanto, signor Comune! E qui chiudo l’argomento. Distintamente saluto'”.

Conclusione: "Si fatica a comprendere perché il sindaco Gian Luca Marconi non intervenga direttamente su queste questioni in qualità di primo cittadino e neppure per quale assurdo motivo vengano date risposte a firma del 'Comune' e non da componenti della giunta, quasi si volessero fare calcoli meramente politici astenendosi dall’affrontare temi 'delicati che sicuramente scontenterebbero una parte di elettorato' anteponendoli agli interessi della nostra comunità… Cosa che sicuramente non è ma che agli occhi di qualcuno potrebbe sembrare. In tutto questo la cosa più positiva è sicuramente la consapevolezza che i cittadini iniziano ad avere del fatto che la politica non è più in grado di dare risposte concrete senza una loro partecipazione attiva nella stessa".

Fin qui Genitoni. In giornata è stata diffusa ai mezzi di informazione una replica da parte del Comune di Castelnovo ne' Monti.

“Non c’è nessun problema, gentile signor Genitoni, a rispondere a Lei e ai cittadini intervenuti sull'argomento della sicurezza, furti ed altro", scrive il sindaco Gian Luca Marconi in una nota del diffusa dal Municipio castelnovese. "Io ritengo doveroso e corretto ricevere, rispondere ed intervenire sempre sulle questioni che riguardano la nostra comunità o singoli, ed in modo riservato, se necessario, verso i miei cittadini. L'ho fatto anche con Lei quando mi ha chiesto un incontro. L'ho sempre fatto come ampiamente dimostrato dalla mia quasi quotidiana presenza sugli organi di informazione. Mi permetta, senza polemiche e con rispetto, di non ricevere da Lei, negli ultimi sessanta giorni dei miei 10 anni di mandato, lezioni di ascolto o partecipazione dei cittadini ed alla vita della comunità. Se vuole parlarmi direttamente sa dove trovarmi. Purtroppo nel nostro paese 6 mesi prima delle elezioni amministrative l'interesse è tutto sul futuro sindaco e sulla futura amministrazione. Infatti anche negli ordini del giorno presentati negli ultimi mesi in consiglio su ogni questione (anche su quella della sicurezza) si chiamano a raccolta i candidati. Il dibattito è tra i candidati, ormai, ma la ringrazio di riavermi chiamato 'in servizio'".

Prosegue il primo cittadino: "Rispondo, anche se l'ho già  fatto su alcuni temi nei giorni scorsi, alle questioni da Lei poste. Sicurezza e furti: da sempre periodicamente, come scritto nell'ordine del giorno approvato all'unanimità dal Consiglio comunale, il sindaco e l'amministrazione comunale hanno incontrato le forze dell'ordine sul tema, discutendo ed approfondendo diverse tematiche quali organizzazione dei turni di controllo del territorio, informazioni e raccomandazioni alla popolazione, ecc. L'amministrazione comunale, nonostante purtroppo la carenza del personale di Polizia municipale per problematiche di salute ed altro dei dipendenti, ha organizzato ed organizza turni straordinari serali e notturni. Lunedì prossimo si terrà un altro incontro tra l'amministrazione e le forze dell'ordine, a cui va la nostra piena fiducia ed il nostro ringraziamento. Il consiglio comunale aperto è stato chiesto da un gruppo consiliare di minoranza che ha ritirato  la richiesta ed approvato all'unanimità con tutto il consiglio l'ordine del giorno, preso atto che le forze dell'ordine non avrebbero potuto partecipare e che le indagini sono in pieno svolgimento. Quello dello scorso 14 marzo non è stato chiesto da cittadini ed è stato organizzato legittimamente da esponenti e forze politiche ben precise e guarda caso in chiara funzione elettorale: tolti gli addetti ai lavori erano presenti 30 cittadini tra cui alcune vittime di furto a cui va tutti il mio sostegno e la mia solidarietà. Erano comunque presenti alcuni esponenti della giunta".

Ancora Marconi: "Anch'io, caro Genitoni, ho subito in casa mia un grave furto come certo si ricorderà e comprendo la rabbia e la sfiducia dei cittadini, ma non ho mai pensato di cambiare paese. Ho sentito l'interesse e le proposte dei candidati sindaci, Lei compreso, su queste problematiche. Non ho visto soluzioni drastiche e diverse da quelle che abbiamo adottato, ma sono in attesa di vederla eventualmente all'opera. Sul suo richiamo poi relativo all'accattonaggio le ricordo, forse le è sfuggito, che l'amministrazione comunale ha emanato anni fa un'ordinanza contro l'accattonaggio, poi modificata contro l'accattonaggio molesto, che fu oggetto legittimamente di osservazioni e polemiche politiche. La Polizia municipale ha svolto controlli ed allontanato persone sospette. Le ricordo inoltre che successivamente la Corte costituzionale ha reso illegittime le ordinanze contingibili ed urgenti sul degrado urbano, accattonaggio compreso, nell'ambito della incostituzionalità della legge Maroni con sentenza numero 115 del 2011. Vedremo cosa produrranno le ordinanze dei colleghi veneti che condivido".

"Sulla questione posta dalla signora Luisa Valdesalici, che invito conoscendola bene in Comune per offrirle un caffè e poterla salutare e rassicurare, vorrei dirle che il Comune ha inviato una lettera a casa dei cittadini nell'ambito della campagna informativa della raccolta differenziata con la modalità porta a porta, che dovrebbe essere condivisa, spero, dal suo movimento, signor Genitoni. Poi ogni giorno riceviamo a casa o sul cellulare visite di addetti Iren, Enel, Edison, Telecom, Vodafone, Wind, ecc. che ci propongono contratti nuovi 'risparmiosi e vantaggiosi'. E' vero, sono assillanti e pesanti, ma non sono fuori legge, fanno il loro lavoro. Ci sono coloro che si spacciano per addetti delle compagnie sopraricordate, senza esserlo, e questi sono sì truffatori o delinquenti che entrano in casa per rubare o per truffare e le ditte stesse mettono sempre in allarme su queste possibili evenienze. Per evitare confusione abbiamo chiesto ad Iren di interrompere nel nostro Comune la parte di informazione commerciale e di concentrarsi sull'informazione per la raccolta differenziata porta a porta. Il comunicato l'ha fatto l'assessorato competente ma lo attribuisca al sindaco, non c'è problema, sono abituato ed è un onore rappresentare sempre nel bene e nel male il mio Comune. Il Comune non difende Iren e mi rivolgo all’amica Luisa: volevamo solo spiegare quello che stiamo facendo per la raccolta differenziata insieme ad Iren. Al Comune importa il bene dei propri cittadini, intesi ovviamente come collettività. Se Luisa si sente raggirata venga, come ogni altro cittadino può fare (e ogni settimana ne ricevo decine), in Comune a parlare con me. Chiamerò ed incontreremo i responsabili di Iren. Sul fatto poi che la politica non sia in grado di dare risposte sarei un po' più cauto. Aspettiamo i risultati dell’attuale governo e delle elezioni amministrative del prossimo 25 maggio”.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

13 Commenti

  1. Intervengo per evidenziare che già il 18 settembre del 2013 avevo scritto al Comune di Castelnovo ne’ Monti per segnalare che operatori commerciali contattavano anziani del paese con la scusa che avevano ricevuto incarico da parte del sindaco di verificare le bollette di luce e gas al fine di evidenziare applicazione di tariffe troppo alte. La lettura dei commenti nella lettera di denuncia della signora Valdeselici di altri residenti che hanno subito lo stesso trattamento fa supporre che la mia segnalazione sia rimasta totalmente inascoltata. Il Comune potrà anche dire che non vi è nulla di truffaldino (ma da un punto di vista civile avrei da che ridire su tale millantato credito), però mi viene da pensare che questa amministrazione, visto lo stato di inerzia in cui versa, non si rende neanche conto del danno che questa cattiva pubblicità può fare sia nella fiducia che i cittadini hanno nelle istituzioni, sia ai raggiri che possono subire i cittadini stessi e i cui effetti, purtroppo, si vedono troppo tardi quando arriva la prima bolletta.

    (Cosimo Pagliara)

    Rispondi
  2. Come diceva il nonno di qualcuno: è sempre meglio prima ascoltare e poi eventualmente parlare; aggiungo io: anche magari valutare se è meglio tacere prima di fare figure barbine come questa e poi… solo per fare un po’ di campagna elettorale. Sostegno anche alla signora Luisa per la strumentalizzazione che Genitoni ha tentato ma che il signor Sindaco ha fortunatamente interrotto. Penso e spero che il M5S sia altro.

    (Commento firmato)

    Rispondi
    • Buongiorno Signore, Signora o Signorina, come già detto anche in assemblee pubbliche Dio ci ha dato due orecchie e una sola bocca, quindi non posso che concordare con la sua prima affermazione. Per quanto riguarda la figura “barbina” se fosse così gentile da spiegarmi meglio sarebbe cosa molto gradita. Infine, riguardo alla sua supposta “strumentalizzazione” della quale non ravviso gli estremi vorrei esprimere anche la mia opinione, sempre che me lo permetta, ossia che considero sbagliato invitare la Signora a parlarne di persona, visto che il problema è di più ampio raggio e la condivisione è una possibile soluzione o,m quantomeno, una forma di aiuto per altri cittadini. Mi permetta in fine di darle un consiglio disinteressato: si presenti prima di parlare in pubblico, come consiglierebbe la buona educazione, altrimenti l’unico/a che rischia di fare figure “barbine” è proprio lei.

      (Massimiliano Genitoni)

      Rispondi
  3. La Polizia municipale è molto più attenta?, ma se per loro è più facile fare una multa (senza senso) a chi lavora, invece che girare per i quartieri e controllare se ci sono persone sospette! Purtroppo il mondo politico è fatto solo di belle parole e non di fatti, eppure basterebbe veramente poco!

    (Fabio)

    Rispondi
  4. Buona serata, signor sindaco Gian luca Marconi, la ringrazio per la sua risposta ed interessamento personale a queste tematiche che coinvolgono tutta la cittadinanza. Non sono ben riuscito a capire per quale motivo si sia sentito “attaccato nel personale” perché non era certo questo il motivo del mio articolo. Non ho voluto dare né a lei né a nessuno “lezioni di ascolto” o “partecipazione” come non ho in alcun misura detto qualcosa che avesse l’arroganza e la presunzione di volere riassumere “negli ultimi sessanta giorni i sui 10 anni di mandato”. Nelle mie considerazioni c’era solo la volontà di capire per quale motivo non vi fossero prese di posizione chiare (come la Sua ora) riguardo a questioni così serie quali: sicurezza, povertà (ha dimenticato forse), accattonaggio se gestito dalla criminalità (altra precisazione sfuggita alla Sua critica) e tutela delle categorie più deboli della nostra società quali gli anziani. Altrettanto ostico mi è apparso il fatto che negli ultimi 6 mesi di mandato il dibattito sia tra i candidati, cosa significa? E’ un periodo di assenza voluta quindi al fine di lasciare più visibilità ai nuovi arrivati o serve per non danneggiarne eventualmente l’immagine con azioni impopolari? Su questo punto mi piacerebbe avere ulteriori chiarimenti perché pensavo che l’amministrazione eletta rimanesse in carica e soprattutto operativa sino a fine mandato. Per quanto riguarda le “mie soluzioni per la sicurezza” le ricordo che come Gruppo M5S abbiamo elaborato una proposta di programma sul tema con possibili soluzioni ma non sono sicuro che l’abbia letta, dato che vi è proprio una proposta specifica che è differente da quanto fatto sino ad ora che, come già detto in altra occasione, è stato molto ma forse non sufficiente. Il fatto che Lei mi vorrebbe vedere eventualmente all’opera non dipende certo dal me ma dall’eventuale consenso elettorale che riceveranno le proposte del nostro Gruppo M5S, del quale eventualmente sarei solo un semplice portavoce, ma lo considero un augurio e La ringrazio per questo. Sempre rimanendo sul concreto proprio in questi giorni i Tg nazionali riportano come un grande successo l’operato dei Vigili urbani di Parma (comune a noi vicino) che hanno smascherato vari “finti accattoni” e consegnati alla giustizia. Questo non vuole certo essere un invito a prendere spunto da altre amministrazioni ma solo un esempio di come si possano affrontare certe problematiche al lato pratico.
    Riguardo alla signora Luisa Valdesalici penso (come cittadino) che servirebbe eventualmente una campagna informativa come per esempio quelle per la differenziata rivolta agli anziani, sia per questo tipo di problematiche, sia per casi ben più gravi nei quali potrebbero essere coinvolti (intendo veri e propri truffatori). Questo è ovviamente un mio pensiero soggettivo e non vuole in alcun modo essere un suggerimento per chi ovviamente ha una esperienza decennale quale Lei. Infine per la questione della differenziata vorrei ricordarLe (come giustamente ha fatto Lei con me su più punti) che come “Gruppo M5S Castelnovo ne’ Monti” abbiamo avviato già da giugno 2013 un ciclo di incontri con i cittadini (autofinanziati) chiamato proprio “Rifiuti 0” e abbiamo partecipato alla raccolta firme per la proposta di legge “Rifiuti 0” con il nostro “banchetto in piazza”. Tema ovviamente a me caro e come sicuramente avrà notato sono stato il primo ad aderire alla vostra iniziativa dando la conferma della mia partecipazione. Come vede non ho nulla contro di Lei o il Suo operato e penso che questa non sia una competizione per verificare chi è più o meno competente, dato che solitamente sono già i risultati a dare la misura di una persona, Lei sarà stato un bravo sindaco ed io sono stato un buon cittadino, quindi non la prenda sul personale e consideri queste “polemiche” in maniera costruttiva per quanto possa essere possibile. Distinti saluti.

    (Massimiliano Genitoni)

    Rispondi
  5. Vorrei precisare che non tutti e non sempre ci si muove in cerca di un tornaconto elettorale. Mi è capitato, per esempio, di occuparmi della barbarie degli stranieri lasciati sotto il sole o la pioggia davanti alla Prefettura di Reggio Emilia (nessun tipo di cabina elettorale era allestita in quel periodo). Con lo stesso spirito ho organizzato (e pagato di tasca mia) la sala del Consiglio per la serata sulla sicurezza. Proprio non capisco chi dice: “Beh, il Consiglio comunale aperto non serve perchè le forze dell’ordine non possono parlare”, ma il Consiglio comunale aperto credo abbia come primo fine nobile quello di dare la parola ai cittadini, più che ad altri.

    (Umberto Gianferrari)

    Rispondi
  6. L’unica cosa certa che in questi ultimi quattro anni c’e’ stato un progressivo decadimento del paese. Lo si vede in ogni angolo e piazza, il degrado sta avanzando sia per quanto riguarda la manutenzione generale che per quanto riguarda la vita del paese. La gente non viene più, non è incentivata da nulla, anche d’estate si preferisce andare nei paesini dove c’è più accoglienza e nessuno sta a guardare se ti scade il disco orario da due minuti o se lasci la macchina davanti a un negozio per due secondi. Non voglio incolpare o fare processi, ma forse “qualcuno” dovrebbe chiedersi il perchè di tutto ciò e porsi alcune domande.

    (SD)

    Rispondi
  7. Purtroppo viviamo in un Paese dove le competenze sono sempre di altri, le responsabilità sono cose astratte, per non parlare poi delle colpe che non sono mai di qualcuno; viviamo in un Paese dove ognuno di noi ha sempre fatto del proprio meglio e le situazioni si creano tutte ed esclusivamente per puro caso e allora dobbiamo prendere atto di essere proprio un popolo sfortunato se, senza colpa di alcuno, siamo messi così.

    (Antonio Manini)

    Rispondi
    • Condivido, per quel che può valere, in modo assoluto il Suo commento. Ma già nel 1953, nella censura dei tempi, Nilla Pizzi e Gino Latilla cantavano:

      È stata tutta colpa del Bajon

      La colpa non è mia è colpa del Bajon,
      mi piace immensamente il ritmo del Bajon.
      Se faccio una pazzia è senza l’intenzion,
      in fondo è tutta colpa del Bajon.

      Se rubo a qualche bocca un bacio di passion
      lasciando la mia bella con i lacrimon,
      non è per gelosia né per distrazion,
      in fondo è tutta colpa del Bajon.

      Se così va il mondo che gira,
      noi così lasciamolo girar.
      Spenderò fin l’ultima lira
      ma però lasciatemi ballar.

      La colpa non è mia è colpa del Bajon,
      mi piace immensamente il ritmo del Bajon.
      Se faccio una pazzia è senza l’intenzion,
      in fondo è tutta colpa del Bajon.

      Se così va il mondo che gira,
      noi così lasciamolo girar.
      Spenderò fin l’ultima lira
      ma però lasciatemi ballar.

      Facciamo questa sera un po’ di confusion
      ballando tutti insieme al ritmo del Bajon
      e se faremo tardi senza l’intenzion,
      in fondo sarà colpa del Bajon.

      In fondo sarà colpa del Bajon.

      (MV)

      Rispondi
  8. L’Amministrazione ha fatto poco sul tema sicurezza come in qualsiasi altro campo. Purtroppo questi sono i risultati della mancanza di alternanza caratteristica di questo e altri comuni della zona, dove da decenni comandano sempre gli stessi. Le prossime elezioni offrono l’ennesima occasione per abbattere il regime e mandare a casa coloro che hanno contribuito ad affossare il nostro capoluogo.

    (Likud)

    Rispondi
  9. Un consiglio al candidato sindaco: devi abituarti al fatto che tutti gli appunti sul piano politico vengono presi da Marconi come attacchi personali, in modo che la mette sul piano della caciara e si defila. In tutti questi anni ti devi convincere che hanno fatto il massimo, che loro sono i migliori che nessuno poteva fare meglio, anzi…

    (Roberto)

    Rispondi
  10. E’ strano comunque il proliferare di “offerte” proprio in questo periodo da parte di Iren, “offerta” che è giunta anche al mio telefono proprio nei giorni in cui dovrebbero consegnare il materiale anche nella mia zona; “offerta” che ho declinato gentilmente in quanto mi avrebbe permesso di avere il gas ad un concorrenziale prezzo di oltre il doppio del prezzo che pago attualmente… In aggiunta al servizio “offerte” c’è anche da dire che gli incaricati Iren per la consegna, non solo non si sono fatti ancora vivi, ma sono passati senza suonare il campanello; avendo due bimbi piccoli e una moglie in maternità a casa, purtroppo per loro abbiamo la certezza che non si sono premurati nemmeno di suonare. Hanno lasciato un biglietto con anche il logo del Comune in cui ci davano appuntamento per sabato 22 dalle 10 alle 14. Superfluo aggiungere che quel giorno in quella fascia oraria eravamo tutti a casa ad aspettare e non si è fatto vivo nessuno. Complimenti.

    (Corrado Parisoli)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48