L’attività benefica dei cacciatori della montagna

Panoramica serata beneficaSe negli anni 2010-2013 l'attività benefica di ATCRE4 e delle associazioni di cacciatori collegate ha raggiunto l'importo di oltre 110.000 euro, l'anno 2014 si presenta come un anno record con donazioni per 88.000 euro.

Ieri sera, lunedì 24 marzo, nella sala consiliare del Comune di Castelnovo ne' Monti, alla presenza, tra le altre autorità locali, della Presidente della Provincia Sonia Masini, il Presidente di ATCRE4 Ferruccio Silvetti con i membri del direttivo e con i dirigenti delle associazioni agricole ha distribuito gli assegni ai rappresentanti del volontariato sociale e del sistema sanitario di cui alla tabella sottostante.

Si tratta di risorse derivanti dalla attività istituzionale dell'ATCRE4 che restano disponibili per attività benefiche.

ELARGIZIONI BENEFICENZA 2014

 

 

 

 

 

VOGLIAMO LA LUNA

1.500,00

 

CASINA DEI BIMBI

1.500,00

 

FACE

1.500,00

 

FONDAZIONE DON ZANNI

1.500,00

 

CUORE DELLA MONTAGNA

5.000,00

 

CARITAS C.MONTI

2.000,00

 

CARITAS VETTO

1.000,00

 

VIGILI FUOCO

10.000,00

 

CENTRO SOCIALE INSIEME

1.000,00

 

ASSOCIAZIONE BISMANTOVA

1.000,00

 

 

 

 

CASA CARITA' CASINO

1.500,00

 

CASA CARITA' BUSANA

1.500,00

 

CROCE VERDE BUSANA

3.000,00

 

CASTELNOVO NE' MONTI

3.000,00

 

CROCE VERDE VILLA

3.000,00

 

 

 

 

 

38.000,00

 

 

 

 

OSPEDALE

 

 

 

 

 

RECETTORE BIPOLARE

8.000,00

 

URETROSCOPIO FLESSIBILE

14.000,00

 

ECOGRAFO MOBILE

28.000,00

 

 

 

 

 

50.000,00

 

 

 

 

TOTALE

88.000,00

 

* * *

Correlati:

Duecentomila euro accantonati, 88mila in beneficenza, 19 agli agricoltori. Scoppia il caso risarcimenti (26 marzo 2014)

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

10 Commenti

  1. A nome dei ragazzi e delle famiglie della Fa.Ce. ringrazio sentitamente l’ATCRE4 per la generosa donazione. In difficili momenti di crisi questi gesti sono particolarmente significativi per poter proseguire nei progetti in atto e in quelli futuri rivolti ai nostri ragazzi disabili e alle loro famiglie. Sono anche un atto di stima verso la nostra associazione per quello che cerchiamo di portare avanti. Grazie ancora a tutti.

    (Alma Zanni – Presidente Ass.ne Fa.Ce. Famiglie Cerebrolesi)

    Rispondi
  2. Questo è un vero esempio di solidarietà! I miei più sentiti complimenti alla ATCRE4.

    (Marco)

    Rispondi
  3. In un momento economicamente delicato come questo donazioni di questa entità sono veramente importanti per il prosieguo dell’attività di volontariato. Questi soldi verranno impiegati per il pagamento dell’ambulanza Victor 80 inaugurata nella giornata di domenica scorsa. Ad ATC Re 4 Montagna grazie di cuore da tutti i volontari della Croce Verde di Castelnovo ne’ Monti

    (Iacopo Fiorentini)

    Rispondi
  4. A causa di motivi familiari non ho potuto partecipare all’iniziativa di ieri sera. Nel territorio del nostro comune sono stati donati 1.500 euro alla Casa di carità di Busana e 3.000 euro alla Croce Verde Alto Appennino. Desidero ringraziare il presidente Ferruccio Silvetti e i membri del direttivo dell’ATCRE4 per le iniziative intraprese a favore di realtà così importanti che operano nei nostri comuni.

    (Alessandro Govi)

    Rispondi
  5. Cara Alma, se ben ricordo il Presidente FA.CE che ti ha preceduto era il signor Vasconi che ho avuto il piacere di conoscere ed incontrare a Reggio. Il primo capriolo dato in beneficenza era il mio ed era il 2001 (forse ricorderai quel pranzo dell’Unitalsi al Parco Tegge). Il nostro amico Marco Baroni, presidente Unitalsi, mi disse che sapendo della voce “capriolo” nel menù le prenotazioni dei commensali passarono in poche ore da 500 a oltre 750 (si dovette apparecchiare anche sulla pista da ballo!) Tale fu il successo che Marco mi disse, sfacciatamente: “Dovrai darci anche quello del prossimo anno, ma devi anche convincere alcuni amici a dare il proprio!” E così l’anno successivo, come per magia, i caprioli donati erano 4 dai signori Giovanni Caroni, Giuliano Cocconcelli ed Enzo Bartoli. Ma, come dicevo ieri sera, non basta fare il bene, occorre farlo bene! Per ora non aggiungo altro. Anzi, aggiungo il mio personale grazie per quello che fai!

    (Umberto Gianferrari – Commissario regionale Caccia Pesca Ambiente)

    Rispondi
  6. Caccia e beneficenza. Mi ha molto “colpito” la notizia della serata benefica dell’ACTRE4 che ha devoluto la bella somma di 88mila euro a favore di tante associazioni di volontariato della montagna. Mi hanno molto “colpito” anche i commenti di plauso e ringraziamento. Ma, mi chiedo, questi probi cacciatori sono gli stessi che uccidono e macellano i dolci caprioli che dopo essere stati trucidati, sgozzati e dissanguati finiscono sulle tavole delle feste beneficenti? Tanta bontà, insieme ai toni sdolcinati di ringraziamento, svaniscono ai miei occhi al solo pensiero degli animali barbaramente uccisi da questi cacciatori. Confesso che mangio carne raramente (e non potrei apprezzare i corpi fatti a pezzi dei caprioli offerti con tanta generosità). Vi scrivo non per criticare ma per proporre un punto di vista. In alcune lingue, come anche l’italiano, non si usa dire che mangiamo il capriolo o la simpatica gallina ma che mangiamo la carne di capriolo o di gallina. Mangiamo sì capriolo, ma non mangiamo i caprioli. Fa un certo senso sapere che mangiamo animali che, fin da bambini, ci dicono essere carini e graziosi e con occhi dolcissimi. Qualche tempo fa su YouTube “girava” il filmato di una battuta di caccia al cinghiale, con bella mostra di corpi di animali senza vita, scuoiati, privati di testa e coda, in pozze di sangue, esibiti come trofei. Animali che fino a poche ore prima correvano vivi tra i boschi. Non concepisco la caccia, l’uccisione di esseri viventi e non capisco questa beneficenza. In occasione di una festa della porchetta vidi esposta su un bancone una testa di maiale e mi chiesi: “Chi c’era stato dentro quella testa? Cosa aveva provato quel pezzo di carne? Cosa aveva sentito quando era stato sgozzato?”. Parte della beneficenza è andata a favore di bimbi ammalati, ai quali leggeremo la favola del bravo porcellino rosa o della gallina e ai quali serviremo non il maiale o la gallina ma la tenera carne di maiale o di gallina. Per certe pratiche preferisco dire: “No grazie”.

    (Commento firmato)

    Rispondi
    • Difficile non ravvisare che questo commento coglie una delle tante ipocrisie su cui si regge la nostra società.

      (Cant)

      Rispondi
    • Saranno gli stessi che guardano con figli o nipoti i cartoni con “Bambi”, “Nemo” e il delizioso “Babe maialino coraggioso”; magari anche appassionati di Beatrix Potter, con quegli animaletti così “umani”. Coerenza, questa sconosciuta.

      (Celeste Grisendi)

      Rispondi
  7. Come ho sempre sostenuto, i cacciatori sono buoni. Ricordiamoci più spesso di tutte le donazioni e tutte le “giornate enologiche” che passano a pulire fossi e boschi che sporchiamo.

    (Miki)

    Rispondi
  8. La Caritas ringrazia di cuore ATCRE4 per il generoso contributo giunto in un momento di così particolare bisogno. La somma sarà interamente utilizzata per acquistare alimenti per le famiglie assistite dal Centro di ascolto Caritas di Castelnovo. Mille grazie ancora!

    (Caritas di Castelnovo ne’ Monti)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48