Il caso della Tasi

 I sindacati reggiani sono stati tra i primi in assoluto a denunciare, già lo scorso 16 maggio, il caso della Tasi. “La pressione esercitata dai Caf e dai sindacati ha sortito il suo effetto", spiega Barbara Cellato, direttrice del Caf Cisl di Reggio Emilia". Sono 19 i comuni della nostra provincia che hanno deliberato rispetto alla Tasi (13 in più dopo la nostra segnalazione). Alcuni di questi, 14, hanno già deliberato le aliquote, e altri, 5, hanno deliberato di definire successivamente aliquote e destinatari. 24 comuni, invece, hanno optato per la proroga decisa dal Governo: questi cittadini pagheranno a ottobre, e non più a settembre, prima data prevista dal comunicato del Ministero dell'economia e finanza”. 

“Il governo è dovuto intervenire su una situazione di totale incertezza su questa nuova tassa, sia rispetto alle aliquote che sul tipo di immobile su cui va pagata, visto che sono i comuni che debbono deliberare al riguardo”, è quanto afferma Margherita Salvioli Mariani, segretaria provinciale della Cisl, che aggiunge: “A parte i quattro comuni dell’alto crinale (Busana, Collagna, Ramiseto e Ligonchio), che hanno deciso di non farla pagare, gli altri stanno mostrando un orientamento a far pagare l’aliquota massima, 3,3 x mille, solo sull’abitazione principale”.

“Non è scontato che alla fine la Tasi pesi meno dell’ Imu sulla prima casa pagata nel 2012 - continua la Salvioli Mariani - visto che questa prevedeva la detrazione automatica oltre a quella prevista in base al numero dei figli. A determinare l’importo da versare per il contribuente, invece, avranno un peso decisivo detrazioni e aliquote, con le prime che troveranno applicazione diversificata a seconda delle previsioni comunali. Visto che il prossimo termine per deliberare è il 31 luglio, i Comuni, anche quelli che vedranno un prossimo cambio di governo hanno il tempo necessario per convocarci in tempi utili per un confronto reale”.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

3 Commenti

  1. Perche i 4 comuni più piccoli e con meno popolazione e attività produttive (quindi più poveri) siano quelli che non la fanno pagare?

    (Alex)

    Rispondi
    • Perchè con la fusione portano a casa parecchi contributi.

      (Silvia)

      Rispondi
      • Che dici? La fusione deve essere ancora fatta e se il referendum darà esito negativo come a Toano e Villa non si farà. Lì hanno già stabilito di non tassare i cittadini, a prescindere dal referendum. Ma se fosse come dici tu propongo che Castelnovo si fonda con Vetto (o con un altro basta che sia) per prendere parecchi contributi anche noi.

        (Alex)

        Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48