Cosa vorresti chiedere al tuo sindaco?

Sindaco

Sindaco

Con la trasmissione "Ecco a voi..." su Radionova, nelle prossime settimane realizzeremo le interviste a tutti i sindaci eletti sul crinale. Vi chiediamo se avete proposte, consigli  o domande da porre ai vostri sindaci.

Se si, aggiungetele ai commenti in questo articolo, oppure scrivete a redazione@radionova.it, mettendo il nome o il paese del sindaco a cui sono rivolte e provvederemo a farci da vostri portavoce durante l'intervista.

Non si terranno in considerazione domande che arriveranno in forma anonima, offensive o volgari.

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

31 Commenti

  1. Vorrei chiedere al nuovo sindaco di Vetto di non fare il giro delle frazioni solo in occasione elezioni. A Gottano solo raramente la sala comune viene usata per incontri con la pubblica amministrazione, di solito la usiamo noi abitanti per l’organizzazione delle feste e per le partite a carte durante l’estate! Proponiamo un incontro almeno mensile per parlare non solo di problemi, ma anche di impegni reciproci ed opportunità per la comunità. Ci piacerebbe anche che promuovesse incontri per confrontarci con le altre frazioni e magari con altri sindaci della montagna e, perché no, anche con qualche esponente dell’opposizione. Le idee non hanno colore. Saluti.

    (Maru)

    Rispondi
    • Poi? il governatore della regione, il presidente del consiglio… E, perchè no, anche Papa Francesco. I motivi si possono sapere almeno, Marusca?

      (Silvia)

      Rispondi
  2. Per il neosindaco di Castelnovo ne’ Monti: si potrebbero dire tante cose, ma io punterei a costruire/recuperare l’identità persa di capoluogo montano, a far ritornare il paese “bello” da abitare, con una comunità unita e orientata al turismo, con una pro-loco attiva sia nel ripristinare le manifestazioni che hanno fatto la storia di questo paese sia nel crearne di nuove. Più umiltà, più partecipazione di tutti e meno gente con la puzza sotto il naso!

    (DC)

    Rispondi
  3. Aiutare i giovani!!! E’ peccato vedere che devono essere costretti a fuggire dal nostro Appennino!!!..

    (SimoP.)

    Rispondi
  4. Ripristinare le strade… così vengono più volentieri i turisti.

    (Rossana)

    Rispondi
  5. Vorrei esprimere al neoeletto Enrico Bini di puntare fortemente sul già citato ripristino dello spirito castelnovese, puntando sul turismo e sul ripristino di feste caratteristiche e sulla creazione di nuove, in particolare durante il periodo estivo.

    (D.M.)

    Rispondi
    • In particolare dopo le elezioni, sulla scia della loro onda emotiva, il sindaco viene visto come una figura quasi “mitologica” che dovrebbe in breve tempo risolvere tutti i problemi del paese e creare nuove opportunità in molti campi. Credo che alcune di queste aspettative siano un po’ fuori tema, mi pare eccessivo vedere il sindaco come un organizzatore di feste o un istitutore di posti di lavoro. Prima di tutto il sindaco è il legale rappresentante del governo sul territorio e come tale deve seguire gli ordinamenti e le leggi previste.

      (E.)

      Rispondi
  6. La mia domanda, di tipo tecnico, è rivolta ad uno qualsiasi dei sindaci dell’Unione del crinale ed è la seguente: nel caso di esito positivo della fusione e di costituzione di un nuovo ente la denominazione della residenza dovrà essere modificata sui documenti personali, ad esempio carta d’identità?

    (ic)

    Rispondi
  7. Vorrei chiedere al sindaco di Castelnovo ne’ Monti Enrico Bini se possibile di sistemare i giardinetti in via Roma, sono rotti sia i giochi che la pavimentazione; chiedo se non sia il caso di mettere un divieto di utilizzo per i bambini con più di 12 anni e un divieto di fumare dentro codesta area, ci sono cicche di sigarette alla portata di ogni bambino. Grazie!

    (Monica Lisanti)

    Rispondi
    • E chi sarebbe preposto a controllare il rispetto dell’ordinanza? Vedo già i vigili che fanno la multa ad un 13enne perchè sta usando l’altalena…

      (Commento firmato)

      Rispondi
      • Forse basterebbe che facessero il proprio lavoro, i vigili, e i cittadini avessero un minimo di buon senso ed educazione civica; non sono da punire o multare i bambini, ma i genitori che ragionano esattamente come Lei.

        (Corrado Parisoli)

        Rispondi
      • Sig. commento firmato, gli organi preposti al controllo del rispetto delle regole ci sono, esempio i vigili oppure ancor maglio i genitori! Ho fatto la mia richiesta da genitore in quanto i giardinetti purtroppo sono tenuti male, rotti, sporchi, pieni di cicche di sigarette e usati in malo modo da ragazzi troppo grandi… Lei faccia la sua richiesta, non pensi a criticare la mia, io sarò lieta di leggere la sua per migliorare il nostro paese!

        (Monica Lisanti)

        Rispondi
  8. Per ic: in caso di fusione sicuramente deve essere modificata la residenza su carta identita, patente, libretto automezzi, partita IVA, bollette luce, bollette telefono, codice avviamento postale, ecc. ecc. Ci sarà da divertirsi oltre che spendere un po’ di soldini. Sicuramente se sarà uno dei sindaci a rispondere dirà che non bisogna fare niente, che resta tutto com’è ora, figuriamoci!

    (r.m)

    Rispondi
    • Sulla carta identità non deve essere cambiata ma solo alla scadenza verrà aggiornata. Io ho cambiato residenza da poco e non ho speso nulla, r.m, credo che siano polemiche infondate le sue.

      (Commento firmato)

      Rispondi
  9. Vorrei chiedere al sindaco di Castelnovo se per quanto riguarda l’edilizia scolastica ha intenzione di mettere a bilancio un piano di manutenzione ordinaria o come la precedente amministrazione sistemare le urgenze e spendere i soldi altrove? Se si dare direttive di massima. Grazie.

    (Sierra Alfa)

    Rispondi
  10. Credo che il malcontento cittadino nei confronti della pubblica amministrazione sia palese! I punti da rivedere sarebbero molteplici!! Io credo si potrebbe cominciare da una trasparenza completa nei confronti dei cittadini, massima disponibilità e non arroganza come sempre e sottolineo sempre accade. A partire dagli uffici pubblici alla polizia municipale (punto nevralgico) si dovrebbe rispettare questa regola: siete da noi pagati, al nostro servizio, e nel rispetto reciproco dei ruoli e cordialità atti a risolvere in collaborazione i nostri problemi!! Fino ad ora solo arroganza da parte vostra!!!! Mi spiace ma è così!!! Grazie!

    (Colombari Roberto)

    Rispondi
  11. Forse chiedo troppo, spero almeno in un 30% di quello che avete promesso. Grazie.

    (Giovanni)

    Rispondi
  12. Vorrei chiedere al nuovo sindaco Enrico Bini di fare si che i disabili possono avere una vita come la nostra eliminando le barriere architettoniche e permettendo loro di poter entrante nei negozi e transitare sul marciapiedi senza rischiare ogni giorno la vita (mi rivolgo a disabili sulla sedia rotelle). E inoltre creare marciapiedi in zone come quella che porta all’Rsa e al cimitero sempre per loro. Fino ad ora a Castelnovo a loro si è pensato poco, facciamo vedere che riusciamo a far sì che loro non si sentano isolati e che possano entrare nei negozi e negli enti pubblici senza difficoltà.

    (l.s)

    Rispondi
  13. Vorrei chiedere a Enrico Bini sindaco di Castelnovo ne’ Monti di mandare via i ladri,
    di rapine non se ne può più e poi dare un lavoro a chi non ce l’ha.

    (Commento firmato)

    Rispondi
  14. Vorrei chiedere a Enrico Bini di rivitalizzare Felina: per rivitalizzare intendo sia le infrastrutture (strade, parco giochi, palestra,etc.) e anche attività per le persone di tutte le età (soprattutto per i giovani, che a malapena si conoscono fra loro), come il Città Slow. La rianimazione di feste come “Lo Slow” porterebbe turismo a volontà, di conseguenza dei fondi. Non dovrebbe esserci il bisogno di elencare tutte queste cose, sono abbastanza ovvie.

    (Un ragazzo di felina)

    Rispondi
  15. Signor commento firmato, le mie polemiche possono anche essere infondate, come lei dice, ma lei si è posto il problema che quando ha cambiato la residenza il vecchio comune riportato sulla carta d’identità esisteva ancora? Nel caso della fusione, il comune esistente nella vecchia carta d’identità diventa un comune fantasma, o sbaglio? Indipendentemente dal cambio della carta d’identità, su tutto ciò che ho elencato cosa mi può dire? Ad esempio, codice fiscale, partita iva, iscrizione camera di commercio, enel, bollette acqua e telefono, tessere elettorali, cambio residenza su patente e libretto, ecc. ecc. Ma tanto nei nostri comuni risiedono tante persone giovani che non sarà sicuramente un problema occuparsi di tutte queste pratiche burocratiche.

    (r.m)

    Rispondi
    • Partita IVA identica, codice fiscale, Cap e iscrizione camera di commercio idem. Ma lei da che pianeta arriva! Se per lei i problemi sono questi… Con la fusione si mantengono i servizi, poste, municipalità, servizi agli anziani, scuole, ecc. ecc., pensi a questo e non faccia terrorismo per niente.

      (L.C.)

      Rispondi
  16. Dati gli episodi di furto accaduti in queste ultime settimane e mesi nei comuni dell’alto Appenino, mi sento in dovere di commentare in due brevissime righe ciò che penso in proposito e di porre domande a chi forse può intervenire non solo con le parole. Oggi come oggi non abbiamo più la libertà di pensare alla casa come ad un luogo sicuro, di nostra proprietà, non siamo più liberi di andare al lavoro o spostarci anche solo di qualche chilometro. In questo momento io, sottoscritta, come molte altre persone mi sento in prigione in un luogo che amo e che un tempo credevo sicuro. Si aveva la concezione che la nostra fosse “l’isola felice” non si faceva caso a questi episodi che erano una cosa lontana, ma ora che li stiamo vivendo, che si farà? Continueremo a vivere nel sospetto e nella paura o qualcuno agirà? Aumenteranno i controlli? Torneremo a essere sicuri e padroni di ciò che è nostro? Queste sono le domande che penso non solo io mi stia ponendo in questo momento.

    (Monica)

    Rispondi
  17. Asfaltare la strada del Borcale, arteria principale della comunità montana..

    (Alle)

    Rispondi
  18. Bisogna prendere provvedimenti, non si può più vivere così tutti i giorni, ci sono furti, vanno presi e rispediti al suo paese, ma le forze dell’ordine cosa ci sono a fare. Forza, sigg. sindaci, azioniamo qualcosa che serva per stare più tranquilli, altrimenti ci azioniamo noi. Saluti.

    (Cittadino di Ramiseto)

    Rispondi
  19. Vorrei chiedere al sindaco Bini una più flessibile gestione del trasporto
    bambini delle scuole materne… Se mandiamo i bambini all’asilo anche al
    pomeriggio è perchè non sappiamo come fare… Il trasporto del ritiro bambini alla scuola materna arriva circa alle 15,15. I bimbi non fanno in tempo ad alzarsi dal sonno, a fare una veloce merenda e via… pronti per il ritiro. Capisco i vari giri di organizzazione, tra materna ed elementari, ma un unico orario così anticipato (quando l’asilo garantisce il proprio servizio ai bimbi fino alle 16,30 o 17,30) a volte crea disagio alle famiglie che a casa non hanno nessuno o persone anziane… Forse un po’ più di flessibilità e magari due orari da poter scegliere, in base alle esigenze, sarebbero un grosso aiuto. Grazie per l’ascolto..

    (Una mamma)

    Rispondi
  20. Caro sindaco, la prima cosa, più importante, è abbiamo delle strade brutte in montagna. Mi piacerebbe che faceste qualcosa anche a Berzana, dove nessuno ha fatto niente; in particolare i rallentatori, che non ci sono, e c’è pericolo. Grazie.

    (Simone Monticelli)

    Rispondi
  21. Vorrei chiedere al neosindaco di Busana, ma più in generale a tutti i sindaci della montagna, di cercare, assieme alle forze dell’ordine e agli altri organi competenti, di prendere provvedimenti immediati, seri e rigidi per fermare questo sciame di furti che sta distruggendo i nostri paesi. E ora di intervenire, senza se e senza ma. Grazie.

    (Nicola)

    Rispondi
  22. Nn referendum per cambiare il nome del Comune (e del capoluogo): di Castelnovo in Italia ce n’è una congerie, anche solo nella nostra provincia, dobbiamo specificare aggiungendo “Monti”; viceversa chiamandoci “Bismantova” saremmo immediatamente identificabili e avremmo uno sponsor d’eccezione in Dante. Mi rendo conto che ci sono cose e spese più urgenti ma il progetto è vecchio di decenni, era stato riproposto alla Amministrazione uscente e mi sento in dovere di rinnovarlo alla nuova: se lo ha fatto Ciano-Canossa possiamo farlo anche noi.

    (Likud)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48