“Ruolo di traghettatore a termine”

Pregheffi

Con 11 voti su 12 presenti in Consiglio, Giorgio Pregheffi è stato riconfermato Presidente dell'Unione dei Comuni dell'Alto Appennino reggiano. Pregheffi rimarrà in carica fino al 31 dicembre 2014, data in cui cesserà l'operatività dell'Ente, visto che scade la deroga concessa per completare il percorso della fusione, avviato a ottobre del 2013: “Sono preparato -sottolinea Pregheffi - a svolgere il ruolo di traghettatore”. Queste le considerazioni contenute nel documento programmatico  sottoposto all'approvazione del consiglio:

“Il nostro impegno, i nostri sforzi dovranno concentrarsi sulla prosecuzione del percorso di fusione, favorendo l’approfondimento del tema da parte dei cittadini dei 4 comuni, in modo da arrivare al referendum, la cui data deve essere ancora fissata ma che sarà probabilmente compresa tra il 12 e il 26 ottobre 2014, con un grado di conoscenza tale che consenta di esprimere al meglio la propria vincolante opinione. L’auspicio  è che tale opinione si traduca nel completamento del percorso della fusione, sottolineando che quanto si è sviluppato finora ha seguito i principi e i valori indicati alla base della strategia indicata lo scorso anno:

a)     ascolto e coinvolgimento  delle popolazioni interessate propedeutico all’assunzione di atti formali, ed ovviamente pieno rispetto dell’esito delle consultazioni previste dalla legge (referendum);

b)     elaborazione di un progetto compiuto e sostenibile che evidenzi vantaggi e svantaggi ma soprattutto che valorizzi e tuteli le esperienze delle comunità attraverso il mantenimento e la valorizzazione dei Municipi come luogo privilegiato per il mantenimento delle identità territoriali e l’erogazione dei servizi.

Una considerazione sul Psc: la prima tappa (adozione del Psc e del Rue nell’aprile scorso) ha rispettato il programma, ora si tratta di andare avanti per arrivare all’approvazione in coincidenza con l’eventuale nascita del nuovo Comune.

Entriamo ora nel merito degli impegni “semestrali” che saranno poi tradotti nello strumento del bilancio, che verrà sottoposto all’approvazione nella prossima seduta del Consiglio.

Partiamo dalla Tari, l’ennesimo cambio di denominazione della Tassa rifiuti: abbiamo previsto un aumento della tariffa, per far fronte a quello del gestore del servizio, tuttavia per i cittadini, essendo per fortuna sparita la gabella statale (lo 0,30 per ogni metro quadrato di superficie) ci sarà una diminuzione media del 7 per cento, diminuzione che sarà ancora più consistente per le imprese e le attività produttive in genere.

Sono inoltre riproposti (senza alcun aumento delle tariffe) i servizi dei due micronidi di Busana e Ramiseto, i servizi sociali a domanda individuale, i capitoli destinati alle famiglie più bisognose (interventi e contributi socio assistenziali)  la scuola di musica, tutti gli interventi sul turismo.

Infine prevediamo investimenti sul territorio per circa 650.000 euro (220.000 euro nel Comune di Collagna e 174.800,00 euro nel Comune di Ramiseto gli interventi più significativi, finanziati con i fondi europei sull’Asse 3), in sostanza, anche con i limiti temporali fissati dal mandato, possono essere portati avanti impegni di un certo rilievo”.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

7 Commenti

  1. Traghettatore? Come Caronte che portava l’anime dei dannati…
    «Caron dimonio, con occhi di bragia
    loro accennando, tutte le raccoglie;
    batte col remo qualunque s’adagia » (Inferno, canto III)
    Credo che il suo ruolo, dott. Giorgio Pregheffi, per metafora, sia più o meno lo stesso: portare i montanari del crinale, rapidamente, all’inferno…
    Auguri (ai montanari soprattutto).

    (Alessandro Raniero Davoli)

    Rispondi
    • Sig. Davoli, a parte il passaggio della Divina commedia, lei si rende conto di quello che dice.. dal mio punto di vista, proprio no!! Cerchi, invece di polemizzare su tutto, di rendersi utile! Buona giornata.

      (Un cittadino di Cinquecerri)

      Rispondi
  2. Lo credo anch’io, che saremo anime dannate, se il processo di fusione andrà in porto!!… Mi associo a lei, signor Davoli! Bel commento! Il traghettatore ci porterà all’inferno!

    (Liliana Dazzi)

    Rispondi
  3. Continuano le critiche, retoriche e banali, al progetto di fusione senza che vengano addotte motivazioni valide e alternative concrete. A proposito di “traghettatori” volevo chiedere al sig. Davoli dove ci hanno traghettato la Lega nord e suoi alfieri in questi anni e i voti a loro conferiti quali benefici hanno portato al Paese.

    (ic)

    Rispondi
  4. Facile e un po’ scontato ironizzare sul presunto inferno a cui sarebbero destinati i montanari con la fusione. Sicuramente un momento delicato per i comuni in genere ma in particolare per i quattro comuni del crinale. Con coraggio hanno intrapreso un viaggio attraverso acque perigliose. Partiti dall’isola dell’Unione, che per quasi quindici anni ha offerto riparo e un approdo sicuro, ora si naviga in mare aperto verso luoghi sconosciuti. Se la bussola condurrà il traghettatore verso la terra della fusione non sarà un girone dantesco ad accogliere i naufraghi; piuttosto immagino un territorio ampio, un po’ impervio, con tanti problemi, ma ricco di tante risorse naturali e opportunità, dove ricostruire un futuro di speranza. Se invece la bussola subirà un contraccolpo e modificherà la rotta iniziale la navigazione sarà veramente a vista, verso la grande isola della nuova Unione (ad oggi una sorta di “Isola che non c’è”), dove tanti auspicano di arrivare ma che per ora è solo una grande illusione. Nel frattempo il mare a poco a poco ingoierà tutto e tutti!

    (Commento firmato)

    Rispondi
  5. Alla coppia Davoli-Dazzi andrebbe assegnato l’oscar per il miglior psicodramma. Almeno spiegate a noi comuni mortali in cosa consiste l’inferno… Il medioevo è finito da un pezzo…

    (Fabio Cerri)

    Rispondi
  6. Fusione è un ingresso attraverso una porta (come quelle del Parco) che pare assomigliare a quella dantesca…:
    ‘Per me si va ne la città dolente,
    per me si va ne l’etterno dolore,
    per me si va tra la perduta gente.

    Dinanzi a me non fuor cose create
    se non etterne, e io etterno duro.
    Lasciate ogne speranza, voi ch’intrate’.
    Dante: che genio!

    (Isabella Vaccari)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48