Ucciso in Secchia Andrea Germini  

Omicidio Andrea Germini i rilievi della scientifica

Alcune immagini dalle scene del crimine (foto Gazzetta di Reggio)

Omicidio Andrea Germini la sua Fiesta

La Fiesta dell'artigiano ucciso (foto Gazzetta di Reggio)

Giallo sul Secchia cordella

Purtroppo si tratta di omicidio. Il ritrovamento stamane di un cadavere semicarbonizzato lungo un’area demaniale a lato della pista Gatta-Pianello, vicino al ponte del Pianello, ha rivelato quanto di peggio si potesse aspettare.

Mentre sono ancora in corso le indagini del nucelo operativo dei Carabinieri  si sa già il nome della vittima:  Andrea Germini, 32 anni, di Felina ma residente a Castelnovo Sotto, padre di un bimbo di sei anni – con una piccola ditta a Croce di Castelnovo ne' Monti - ritrovato cadavere poco distante dalla sua Ford Fiesta, verso una casa in ristrutturazione.

In base alle prime ricostruzioni – sul posto presenti diversi giornalisti, tra cui gli inviati della Gazzetta di Reggio cui attingiamo per la prime sommarie notizie in attesa della nota ufficiale dei Carabinieri – si sospetta una lite. Al momento è in stato di fermo un  marocchino che pare si stesse allontanando dal luogo del delitto in stato confusionale. A dare l’allarme alcune persone a causa delle urla della vittima. Sul corpo di Germini numerose ferite sul capo e pare segni di un tentativo di strangolamento. Ignoto al momento il movente anche se nel corso della convulsa giornata sono stati numerosi gli interrogatori ad amici di Andrea Germini per ricostruire quanto poteva essere accaduto.

* * *

Correlati:

Ritrovato cadavere, indagini dei carabinieri (18 agosto 2014)

- L’omicida crolla nella notte: ha reso piena confessione (19 agosto 2014)

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

3 Commenti

  1. Ciao Andrea, sarai sempre nei nostri cuori.

    (Stefano)

    Rispondi
  2. Non ho parole, lo vedevo tutti i giorni passare a piedi da casa mia, parlo del marocchino: é avvilente, furti, ora anche efferati omicidi. Non é possibile sentirsi dire dalla legge che hanno le mani legate, qui non é un discorso di razzismo, ma di non essere tranquilli in casa propria. Sapere che, nonostante a volte si conoscano i colpevoli, sia i carabinieri che tutte le figure che dovrebbero far rispettare la legge hanno le mani legate. Pene più severe, ma é tutto un’utopia! Delusione e rassegnazione ormai hanno preso il sopravvento.

    (Cristina Tagliati)

    Rispondi
  3. Non diamo un connotato razziale a questo efferato delitto, in questi giorni abbiamo assistito a delitti ignobili, commessi da connazionali. Per il resto, piena fiducia nella magistratura e nell’Arma dei Carabinieri. Tante domande e tanti dubbi.

    (Roberto Malvolti)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48