Home Cultura Il Castello di Querciola nella storia dell’arte

Il Castello di Querciola nella storia dell’arte

1
0
Fregio Orsi  canonica del Vescovo
Fregio Orsi canonica del Vescovo

Il primo Appennino reggiano risulta affascinante per la conformazione del paesaggio, ma soprattutto per i borghi, le pievi, i castelli che lo costellano.

E’ questo il caso di Castello Querciola datato al sec. X, sede estiva del vescovo di Reggio, feudo della famiglia Fogliani, degli Scaioli e della Camera ducale estense.

Nella Canonica del Vescovo si ammira un fregio, opera di Lelio Orsi.

L’UCIIM reggiana dedica a “Castello Querciola nella storia e nell’arte” un incontro che si terrà lunedì 20 ottobre 2014, con inizio alle ore 17, presso il Centro "Giovanni XXIIII", in via Prevostura 4 a Reggio Emilia.

Interverranno: l’arch. Maria Cristina Costa, mons. Giovanni Costi e l’arch. Francesco Lenzini

L’incontro sarà corredato da videoproiezioni.

I relatori:

-L’arch. Maria Cristina Costa, originaria di Collagna, si è laureata al Politecnico di Milano; si è dedicata alla libera professione, occupandosi in particolare di recupero in campo urbano ed edilizio e di tutela del patrimonio architettonico; è stata componente del Comitato di settore del Ministero per i beni culturali e ambientali. Ha al suo attivo numerosi interventi di restauro e importanti contributi scientifici; ha curato la cartografia della Storia della Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla.

-Mons. Giovanni Costi, sacerdote dal 1959, laureato in pastorale catechetica e in teologia – sez. storia della Chiesa all’Institut Catholique di Parisi, è docente nello Studio teologico interdiocesano. E’ direttore del Centro diocesano studi storici di Marola e membro effettivo della Deputazione reggiana di storia patria; è curatore della Storia della Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla, per la quale ha redatto numerosi contributi.

-Francesco Lenzini, laureato in architettura è dottorando in architettura degli interni al Politecnico di Milano; ha conseguito il master internazionale di secondo livello “architettura storia progetto” presso l’Università di Roma; è stato docente a contratto presso il Politecnico di Milano. E’ autore di saggi su riviste e volumi; ha curato il libro “Castello Querciola storia ed esiti di un restauro.

Nella foto: i relatori e un particolare di Castello Querciola

arch. Francesco Lenzini
L'arch. Francesco Lenzini
arch. Maria Cristina Costa
L'arch. Maria Cristina Costa
mons. Giovanni Costi
Mons. Giovanni Costi
Articolo precedenteRitorna, a Castelnovo, la Compagnia di balletto “Astra Roma Ballet” dell’Etoile Diana Ferrara
Articolo successivoAttendo la prossima era geologica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.