Quand i’ dsiva ‘l “sermoncino”

??????????????????????????????? 

 

Tân-c an fa (i’ êra cichîn

ch’i’ n’ tuchêva gnân ‘l tavlîn)

a la sîra i’ zîva ‘l bên

cun mi’ nùna lì d’avšên,

e i’ guardêva cul quadrèt

atacâ lì, sûra al lèt,

ch’a m’ parîva tanto blîn:

la Madùna cun ‘l su’ Pîn,

i’ angiulîn tú-c a la tùnda

cun la cavilâra biùnda,

San Jusèf e, un pô pu’ šó,

stravacâ, a gh’è l’âši e ‘l bò.

Me i’ V’a-dšîva: “S’i’ sûn brâv

i’ pudrê gnîr a catâv,

a stâr Vosch, in cumpagnìa

cun Jusèf e cun Maria,

a fâr la pârta d’ l’angiulîn

d’ fiânch a Vu, Gesù Bambîn”!

Túti ‘l sîri i’ v’ la šmandêva,

ma cla pârta la n’ rivêva!

Pu’, int al crèsre, i’ m’ sûn distràt

a pensâr a di êter fat

d’esperiênsa, ânch d’aventûra,

e ‘l prumìsi fati alûra

(me i’ n’ sò dîv cuma la sia),

i’ gli ho pêrsi adrê a la via.

I’ an i’ pàsi, e, dnâns al spè-c,

i’ ho capî ch’i’ sûn gnû vè-c.

Tra un piašêr e ‘na scunfìta

int al bilânc ad la mi’  vìta,

pr’êsre s-cèt, pr’êser sincêr,

l’é pu’ ‘l rènder che l’avêr.

Quand mia gnîr a l’ûtme piân,

i’ m’arcmànd, dêm una mân,

tirêm föra da ste mund

tút intêr e tút rutùnd!

Ma cla pârta i’ n’ V’la šmànd pu’,

câr  al mi’ Bambîn Gešù,

perché adès, cun i cavî biânch,

gras e gob, e un pô anca stânch,

bên ch’ la vàga i’ pudrê fâr

júst la pârta dal sumâr!

 QUANDO RECITAVO IL SERMONCINO Tanti anni fa (ero piccino che non raggiungevo il tavolo) alla sera dicevo le orazioni con la nonna accanto, e guardavo quel quadretto appeso sopra il letto che mi sembrava tanto carino: la Madonna con il suo Bambino, tutto intorno gli angeli con la chioma bionda, San Giuseppe, e, poco più in basso, sdraiati, vi erano l’asino e il bue. Vi dicevo: “Se sono bravo potrei venire a trovarVi e stare con Voi, in compagnia di Giuseppe e di Maria, a fare la parte dell’angiolino a fianco a Voi, Gesù Bambino”! Tutte le sere Ve la chiedevo, ma quella parte non arrivava mai. Poi, nel crescere, mi sono distratto a pensare ad altre cose d’esperienza, anche di avventura, e le promesse fatte allora (non so perché) le ho smarrite lungo il cammino. Passano gli anni e, allo specchio, mi sono accorto d’essere diventato vecchio. Tra una soddisfazione e una sconfitta nel bilancio della mia vita, se debbo essere proprio sincero, è più il dare che l’avere. Quando bisognerà salire all’ultimo piano, mi raccomando, datemi una mano, tiratemi fuori da questo mondo tutto intero, tutto completo. Ma quella parte non Ve la chiedo più, caro il mio Bambin Gesù, perché adesso, coi capelli bianchi, ingrassato, un poco ricurvo, e anche stanco, ben che vada potrei fare giusto la parte del somaro!

 

 

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Meravigliosa! Quanta poesia.

    (Sara)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48