La vicenda del carabiniere Ferruccio Santi

Il noto motto dell’Arma “Usi obbedir tacendo e tacendo morir” ricalca la vicenda umana di Ferruccio Santi, carabiniere deportato dal teatro di Castelnovo ne’ Monti in quell’ottobre del 1944 allorchè si andava cominciando l’inverno più duro dell’ultima guerra mondiale. Da ciò il titolo dell’iniziativa che si svolgerà domani, mercoledì 4 febbraio, alle ore 20,30, al foyer del Teatro Bismantova, la stessa struttura ove i fatti di 70 anni fa si svolsero: “Se obbedir bisogna. Storia di Ferruccio Santi, carabinieri deportato dal teatro il 10 ottobre 1944”.

Si tratta della presentazione di un’interessante ricerca della professoressa Cleonice Pignedoli, sempre proficuamente attiva in questo campo, che rientra nella sequenza d’iniziative promosse da questo ente in collaborazione col Teatro Bismantova per la “Giornata della memoria” 2015. Sarà presente Massimo Storchi, direttore della rivista “RS-Ricerche storiche”.

L’ingresso è libero.

Informazioni: Biblioteca comunale “R. Crovi”, tel. 0522610204-273, mailbiblioteca@comune.castelnovo- nemonti.re.it.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48