“Il santuario dovrà presto essere riaperto”

L'eremo di Bismantova (fototeca Provincia di Reggio Emilia)

L'eremo di Bismantova (fototeca Provincia di Reggio Emilia)

"Al di là del danno evidente mi hanno colpito le tante persone che oggi (ieri, ndr) al piazzale hanno espresso la profonda ferita personale che provavano alla vista di un tale disastro. La Pietra é davvero un simbolo identitario del nostro territorio e crediamo che oggi serva l'impegno di tutti perché, nel più breve tempo possibile, torni ad essere la montagna accogliente che é sempre stata. Il nostro impegno di amministratori sarà totale però saranno ancora più importanti le tante iniziative che tutti i cittadini sapranno proporre nei prossimi mesi. L'eremo dovrà essere riaperto ai fedeli e così la strada di accesso al pianoro. Sarà un risultato di tutta la nostra comunità".

Questo il pensiero pubblicato nella nuova pagina FB "Sei della Pietra di Bismantova se..." e firmato dagli amministratori - di maggioranza e minoranza - Enrico Bini, Sara Manfredini, Lucia Attolini, Chiara Borghi, Silvia Viappiani, Luciano Francesconi, Sabrina Fiori, Robertino Ugolotti, Massimiliano Genitoni.

* * *

Intanto, sempre dalle pagine FB, si legge la seguente proposta, avanzata da Francesco Dalla Porta: "Che ne dite di aprire una piccola sottoscrizione per ricomprare a don Edo la Panda rimasta sotto la frana della Pietra?".

* * *

Correlati:

Crollo sul sagrato del santuario della Pietra: travolta la statua di S. Benedetto. “Chiusa Bismantova” (13 febbraio 2015)

Quando il cuore trema (15 febbraio 2015)

La Madonna della Pietra potrebbe traslocare dopo sei secoli. Ma ha vegliato sul don e sui fedeli (15 febbraio 2015)

Pietra di Bismantova / Ecco il crollo visto dall’alto (17 febbraio 2015)

Pietra di Bismantova / Rimossa e portata in luogo sicuro la statua di S. Benedetto (21 febbraio 2015)

Riaperta parte della Pietra di Bismantova. Resta inaccessibile soltanto la “zona rossa” attorno all’area di crollo (21 febbraio 2015)

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

4 Commenti

  1. Dove e come fare la donazione ? Dai forza che gli facciamo un bel regalo.

    (Alessandro)

    Rispondi
  2. Eccomi qui. Ho incontrato don Edo, ora “sfollato” nella canonica della chiesa di Cagnola. Sta bene. Ovviamente è riconoscente per ogni segno di vicinanza gli possa arrivare a supporto dell'”imprevisto”. Al momento sta utilizzando una Pandina 4×4 (old model) gentilmente prestatale da un amico, nostro concittadino. Sarebbe ben felice di trovare un’auto usata simile, decisamente funzionale alla sua mobilità nei nostri luoghi. Il modo più diretto per contribuire è quello di fare un bonifico al suo c/c bancario a sostegno della gestione del Santuario con causale “Auto per don Edo”. Conto corrente intestato a Don Edo Cabassi – Santuario Bismantova IBAN IT10T0503466280000000011312 – BPI -ex B.S.G.S.P. filiale di Castelnovo ne’ Monti. Buona domenica a tutti.

    (Francesco Dalla Porta)

    Rispondi
  3. Io non sono su “FB”, però vorrei contribuire all’acquisto della macchina per don Edo. Magari anche 4×4… comunque potrebbe essere un’iniziativa che merita un articolo dedicato su Redacon. Forza!

    (Serb)

    Rispondi
  4. Sono d’accordo per procurare un’auto per don Edo, preziosa per i suoi preziosi spostamenti. Spero con tutto il cuore che il Santuario possa essere presto riaperto e che la nostra venerata Madonna possa rimanere nel posto dal quale ci ha sempre protetto e dove ha ascoltato le innumerevoli suppliche dei pellegrini e di coloro che deponevano ai Suoi piedi richieste di aiuto, di perdono o preghiere di ringraziamento. E’ vero che la Pietra è ancora lì in tutta la sua potenza, ma questo avvenimento mi ha colpito profondamente e spero che a questa grossa ferita non se ne aggiungano altre che possano travolgere persone o cose. Madonna, aiutaci e proteggici.

    (Paola Agostini)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48