Le antiche maestà montanare

MaestàCon l'arrivo della primavera si riscoprono, lungo gli erti sentieri dell'alta Val d'Enza, le antiche maestà montanare, simboli in pietra (in pregiato marmo di Carrara) di preghiera alla Madonna e ai santi popolari delle valli dei cavalieri e delle corti vescovili.

Alcune risalgono addirittura al 1400 (molte, purtroppo, rubate), la maggioranza al 1800 (come quella della foto).

Ai crocicchi delle vie indicavano il giusto percorso ai viandanti e per chi voleva anche una preghiera o un momento di riflessione sotto il cielo stellato delle terre alte.

I più canterini intonavano volentieri "Madonnina dai riccioli d'oro", la canzone popolare cult delle terre alte dell'Enza.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Volevo segnalare che la canzone “Madonnina dai riccioli d’oro” non è assolutamente una canzone popolare, le melodie delle nostre terre, come le melodie popolari, fortunatamente sono ben differenti dalla sopracitata canzone di E. Musiani su testo di S. Gallizio – B. Garino. Se vogliamo citare canzoni popolari di ispirazione sacra mariana citiamo ad esempio: “Mira il tuo popolo” o “Dell’Aurora”, ecc, ecc.

    (Magister)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48