Fusione comuni / Al voto il 62,23%. Vittoria dei sì. Nasce il Comune di Ventasso

VentassoPer il referendum consultivo sul progetto di fusione dei quattro comuni dell'Appennino reggiano si sono recati al voto complessivamente 2.390 cittadini sul totale di 4.407 residenti, pari al 61,23%.

Nel dettaglio, per il primo quesito (sì o no alla fusione) hanno votato 686 residenti a Busana, pari al 62,99%, 488 (57,89%) a Collagna, 548 (68,84%) a Ligonchio, 674 (57,36%) a Ramiseto.

Per il secondo quesito (i nomi dell'eventuale futuro comune unico), stesso numero di votanti a Busana, 487 (57,77%) a Collagna, 544 (68,34%) a Ligonchio e 673 (57,28%) a Ramiseto.

A questo link i risultati ufficiali.

Seggio LIgonchio (31.5.2015)

Il seggio di Ligonchio

* * *

Aggiornamento lunedì 1 giugno 2015 ore 0,15

Dalle prime indiscrezioni che circolano sul web, pare avere vinto il fronte del sì. Nel caso, sarebbe nato, per volontà popolare, un comune dall'enorme estensione, 257 kmq. Per il quale invece ancora non si hanno notizie sul possibile nome.

Un primo dato ufficiale, invece, è il seguente: a Collagna ha prevalso nettamente il sì alla fusione, scelto da 393 cittadini residenti, pari all'81,20%. Il no si è fermato al 18,80% (91 voti). Tre le schede bianche, una nulla.

* * *

Aggiornamento lunedì 1 giugno 2015 ore 0,25

Più stretta la vittoria dei sì a Ligonchio, che ha fatto registrare un 53,70% (290 voti) contro il 46,30 (250) dei no. Sette le schede bianche, una nulla.

* * *

Aggiornamento lunedì 1 giugno 2015 ore 0,30

Anche Ramiseto ha detto il suo sì alla fusione, scelto da 367 cittadini residenti, pari al 54,70%. Il no è arrivato al 45,30% (304 voti). Una scheda bianca, due nulle.

* * *

Aggiornamento lunedì 1 giugno 2015 ore 1,10

Mentre manca ancora il dato ufficiale di Busana, cominciano a spuntare i primi dati sul nome che assumerà il nuovo ente. A Collagna il preferito (ovviamente; percentuale del 42,76) è "Vallisneri". 48 schede bianche e 11 nulle.

Arriva anche il risultato di Busana, che "batte tutti" e si dimostra il più favorevole alla fusione (forse anche perchè è il territorio centrale e quindi non è escluso che diventerà la nuova "capitale" di una vasta area): 89,61% (613 voti) sì contro il 10,39 (71 voti) no. Una scheda bianca, una nulla.

* * *

Aggiornamento lunedì 1 giugno 2015 ore 1,25

A Busana come nome per il nuovo comune si opta per la maggior percentuale (47,74) per il nome "Ventasso" (ovviamente). 43 schede bianche, 23 nulle.

* * *

Aggiornamento lunedì 1 giugno 2015 ore 1,45

Da fonti non ufficiali risulterebbe con il maggior numero di voti il nome Ventasso. Si attendono i dati.

* * *

Aggiornamento lunedì 1 giugno 2015 ore 1,55

Nasce il Comune di Ventasso, nome che ottiene 588 voti complessivi nei quattro comuni. 383 voti per "Alto Appennino reggiano", 314 voti al nome "Vallisneri". "Crinale dell'alto Appennino" ha riscosso 251 preferenze.

* * *

Correlati:

Il 31 maggio si vota per la fusione dei comuni di Busana, Collagna, Ligonchio e Ramiseto: sì o no? (22 marzo 2015)

Fusione comuni del nostro Appennino, arrivano le assemblee informative per la popolazione (7 aprile 2015)

Ligonchio / Il neocostituito Comitato “No alla fusione”: “Ecco i nostri motivi”. AGGIORNAMENTO – Comitato per il no anche a Ramiseto (20 maggio 2015)

A fusione fatta, ecco il “programma” di Claudio. Entro l’estate la Regione istituirà il nuovo ente (2 giugno 2015)

“Comune di Ventasso, una cosa grande. Smentito il luogo comune che vede i montanari ‘chiusi ed arretrati'” (3 giugno 2015)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

24 Commenti

  1. Ancora una volta i montanari si dimostrano avanti! Questo voto é frutto di l’intelligenza e maturità, aggiungo di buon senso. Grazie.

    (Chicco Ferretti)

    Rispondi
  2. Mi fa molto piacere che abbia vinto il “Sì”, ora cominceremo ad avere i primi risultati. Intanto era stato detto durante tutte le riunioni che le tassazioni locali rimanevano esattamente come sono ora, mentre la tariffa sui rifiuti aumenta da subito a Busana, Collagna e Ligonchio circa del 1,3% e a Ramiseto addirittura del 3,8%, e a gennaio arriverà il commissario. Auguro a tutti a questo punto, che venga davvero portato via tutto agli ex Comuni e che venga portato tutto dove sarà ubicata la nuova sede, questo se lo meritano i cari elettori che intelligentemente hanno votato “Sì”.

    (Alessandro N.)

    Rispondi
    • Guardi che le tariffe dei rifiuti le gestisce Iren. Per tassazione locale come addizionale Irpef, Imu e Tasi non cambia assolutamente nulla. Il commissario cosa c’entra?! Arriverà in tutti e 4 i Comuni solo per il tempo necessario allo svolgimento delle elezioni e cioè da inizio 2016 a maggio/giugno. Il suo commento mi sembra dettato più dalla rabbia che da altro, almeno aspetti qualche anno per tirare delle conclusioni.

      (F.C.)

      Rispondi
    • Per maggiore chiarezza vorrei aggiungere che in questi anni, compreso l’attuale, tutti gli aumenti sul “rusco” si è riusciti a contenerli grazie ai soldi dell’Unione. Dall’anno prossimo con i soldi della fusione si riuscirà a fare un discorso analogo.

      (C.O)

      Rispondi
  3. Il risultato è netto ed il nome, da ligonchiese, non mi piace assolutamente, visto che non ha nessun legame con la mia terra. Mi auguro che le parole “mobilità” e “Cervarezza” non diventino di gran moda nei mesi a venire. Ad maiora.

    (Riccardo Bigoi)

    Rispondi
  4. Io invece ringrazio il redattore che ha fatto le ore piccole per darci le informazioni tempestivamente. Grazie a Redacon per l’impegno.

    (Pinello)

    Rispondi
  5. Complimenti per aver scelto… il meno peggio delle 2 soluzioni. Ora se si riuscirà a gestire bene il nuovo Comune potrebbero migliorare le cose e vivere senza l’Unione con Castelnovo.

    (Alessandro)

    Rispondi
  6. Mi fa proprio piacere. E’ un grande esempio di modernità per l’Italia dei 9.000 comuni che deve assolutamente snellirsi e creare efficienza per contenere i costi. Pensate che solo a Ischia ci sono 5 comuni, con 5 sindaci, 5 segretari comunali, 5 addetti bibliotecari, ecc. Nell’epoca del digitale anche le pubbliche amministrazioni devono seguire gli esempi virtuosi dell’industria, del commercio. Forza, andiamo avanti, non l’avrei mai detto Un segnale molto positivo. Grandi, gli emiliani! Bellissimo anche il nome.

    (Ivano Filippi)

    Rispondi
  7. Secondo qualcuno è segno di intelligenza e maturità aver votato “sì”. Non penso siano ignoranti e immaturi quanti hanno votato “no”. Ora finalmente inizierà l’età dell’oro, avremo feste canti e balli oltre che a una pioggia incredibile di finanziamenti e il tutto solo per aver rinunciato alla nostra identità. Suvvia! Raccontano di un tizio che tempo fa ha venduto addirittura nostro Signore e per soli 30 denari…

    (FN)

    Rispondi
    • Forse si sbaglia! Io rimango di Cerreto Alpi, per cui non mi sembra di aver venduto l’identità. Soprattutto i futuri amministratori non saranno dei semplici passacarte alla grande Unione, ma avranno la possibilità di rappresentare un territorio montano con esigenze diverse da Castelnovo, formando un organo amministrativo di peso all’interno della grande Unione! Ribadisco il detto “scarponi grossi ma testa fina!” Nulla di offensivo e massimo rispetto di chi ha votato “no”. Consiglio: ogni opinione é giusta, ma mettere il proprio nome per difenderla é piú credibile. Viva i montanari, viva il nuovo Comune di Ventasso! Peccato, preferivo Vallisneri, molto più carico di identità montanara, ma il popolo ha deciso così! Grazie ancora.

      (Chicco Ferretti)

      Rispondi
    • Ma basta con questa storia dell’identità! Avete stufato! Vi rendete conto che non vi siete fusi con il Comune di Mumbai ma con i comuni vicini a voi? Ma quale identità pensate di perdere?!

      (Martina)

      Rispondi
  8. Sono contento per chi è felice della fusione. Io me ne rattristo, staremo a vedere quanti e quali benefici arriveranno e chi saranno i fortunati beneficiari. Invito tutti a vigilare.

    (FN)

    Rispondi
  9. Non sono residente nel territorio dei quattro comuni che hanno votato la fusione e nulla ho da obiettare sulla decisione che hanno preso. Sul nome, però, proprio non mi trovo d’accordo! Geograficamente “Vallisneri” sarebbe stata una denominazione ben più idonea a rappresentare tutti e quattro quei comuni. Storicamente, poi, non c’è paragone! Questo nome, tra l’altro, avrebbe reso un ottimo servizio culturale, costringendo virtuosamente tanta gente a documentarsi sulle ragioni della sua scelta. Credo addirittura di aver letto o sentito dire che Vallisneri, terminando con la lettera “i”, suonerebbe male all’orecchio… Ma va là! E allora che dire di Poggibonsi, Pescasseroli, Gallipoli, Napoli, Racconigi ed un altro migliaio di splendide località italiane con la medesima terminazione! Beh, vorrà dire che io, per quel che mi riguarda, scavalcata la Sparavalle entrerò nel comune di Vallisneri per andare ad immergermi in quel paradiso verde che sta sta attorno allo splendido lago del Ventasso.

    (Corrado Giansoldati)

    Rispondi
  10. Perdità di identità? Per essersi uniti con altri comuni vicini? Bah, mi meraviglio che ci sia gente con dei pensieri così. Con il nuovo comune, se non altro, si potrà fare qualcosa in più (che sia fatta bene o male, nei luoghi giusti o sbagliati è un altro discorso) ma di sicuro è stata fatta la cosa migliore e che ci potrà garantire maggior possibilità di sviluppo negli anni a venire! Mi unisco a Chicco, viva il nuovo comune di Ventasso!

    (Michele)

    Rispondi
  11. La tentata fusione tra Villa Minozzo e Toano non è passata: qui l’identità è salva! Non è vero che la montagna è avanti, non tutta!

    (Alle)

    Rispondi
    • Non fa una piega, contento lei… Intanto noi ci proviamo con 5 anni di patto di stabilità sbloccato e precedenza sui bandi di finanziamento regionali, oltre ai trasferimenti ordinari e straordinari da parte di Stato e Regione. Dimenticavo: ci sono persone di qui che hanno mantenuto la loro identità pur essendo andate a vivere nelle grandi città o addirittura all’estero.

      (F.C.)

      Rispondi
  12. Signor “Alle”, lei mantenga pure la sua identità, noi qui manteniamo lo stesso la nostra, però con una concezione diversa di sviluppo e di investimenti per il futuro del nostro Appennino.

    (Ramisetano)

    Rispondi
  13. A fusione approvata vorrei fare una riflessione su quei cittadini e comitati contrari. Credo che essi debbano comunque offrire il loro contributo in termini di proposte, osservazioni e progetti affinché il nuovo Comune sia rappresentativo di tutta la cittadinanza. Infatti il confronto è il sale della democrazia, tuttavia nei vari incontri del comitato del “no”, non ho colto proposte progettuali ma solo critiche analitiche ai punti fondanti della fusione.

    (Cittadina di Ramiseto)

    Rispondi
  14. Io sono residente a Ligonchio e domenica ho votato “no” semplicemente perchè ho molti dubbi su questo nuovo percorso. Il primo è questo:la fusione è fatta con lo scopo principale di ridurre le spese, quindi credo che per fare ciò la cosa più naturale sia ridurre i servizi e la mia paura è che essendo del Comune più piccolo saremo i più penalizzati, in quanto i primi ad avere quantomeno una riduzione dei servizi principali (primo su tutti la farmacia). A dimostrare che non ho tutti i torti vi porto una considerazione di quanto valiamo noi all’ interno di questo percorso: nelle schede per la scelta del nome vi era qualcosa che riguarda ogni Comune, tranne il nostro! Sono consapevole che anche un’eventuale Val d’Ozola, ad esempio, non avrebbe mai vinto, ma perchè non considerarci? Spero di venire smentito al più presto, ma considerando anche gli amministratori che ci rappresentano al momento, i miei dubbi non fanno che aumentare!

    (Ligonchiese non convinto della fusione)

    Rispondi
  15. Forse sono io che sono particolare, ma viene davvero da ridere sentire quattro gatti parlare di perdite d’identità. La popolazione montanara si sta dissolvendo inesorabilmente e si discute ancora di appartenenza ad un comune o un altro. Una donna che si sposa e da Ligonchio va a Castelnovo cosa diventa, una deportata? Un tempo, nei momenti di difficoltà, di bisogno, nei paesi ci si aiutava l’un l’altro ed era naturale, ci si univa per fare forza e sarebbe naturale farlo ancora. Io sono nato e vivo a Toano, ma mi sento innanzi tutto montanaro; quando sono lontano guardo il profilo dei nostri monti e so che là c’è la mia terra, anche se di monti Toanesi importanti non ce ne sono e se sono in Val d’Ozola, o sul Ventasso, o nei Prati di Sara, oppure sul Cusna, dovunque sono a casa mia e tra la mia gente. Secondo il mio modesto parere si sta facendo molta confusione tra identità e campanilismo, se mi sbaglio bisognerà provvedere a mettere in atto velocemente un programma di integrazione tra le varie razze montanare…

    (Antonio Manini)

    Rispondi
  16. Grandissimo risultato. Questi comuni riusciranno presto a rilanciarsi nel nuovo Comune e diventerà una bellissima realtà del reggiano.

    (Alessio Reggiani)

    Rispondi
  17. Ci hanno preparato un’ottima possibilità di alternanza politica, presto voteremo e invito tutti gli abitanti a fare nuove liste con nuove proposte per cambiare veramente marcia nei nostri territori che, nonostante tutto, rimangono unici. Crediamoci.

    (FG)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48