“Approfondire la cultura della differenza”

Da alcuni mesi l'Amministrazione comunale di Castelnovo ne' Monti, e nello specifico l'assessore alla cultura e ai servizi sociali, Emanuele Ferrari, insieme al capogruppo di maggioranza Sabrina Fiori, sta lavorando in collaborazione con l'associazione culturale "Al bayt" (La casa), una realtà composta in larga misura da giovani ragazzi, figli e figlie di famiglie immigrate, in particolare dal Marocco e nord Africa, residenti da anni sul territorio appenninico, ben integrati e desiderosi di contribuire alla vita ed all'animazione sociale e culturale del territorio.

Spiega Ferrari, vicesindaco: “I tempi che stiamo vivendo ci chiamano a esercitare e approfondire in modo autentico la cultura della differenza, partendo dal presupposto che si tratta di una occasione di crescita sociale e non di un problema, come spesso invece i mezzi di comunicazione tendono a sottolineare. Abbiamo quindi ritenuto fondamentale intraprendere un percorso in tal senso, grazie all'incontro con un gruppo di giovani che ci hanno sollecitato. Il lavoro con i ragazzi di 'Al bayt' si è concretizzato di recente in una partecipazione alle attività di Reggionarra ne' Monti (una degustazione di diverse tipologie di pani arabi), ma da diversi mesi ormai stiamo dialogando per cercare di costruire processi di riconoscimento reciproco e coinvolgimento, con tutti quei ragazzi, e ce ne sono tanti, che hanno voglia di essere partecipi a pieno titolo della nostra comunità, all'insegna del rispetto delle regole della vita civile, ma non solo, anche di un arricchimento spirituale vicendevole".

"In questo senso - prosegue Ferrari - nelle ultime settimane abbiamo cercato di rispondere al meglio a una richiesta pervenuta da parte dell'associazione: nei prossimi giorni inizierà il Ramadan e in tale occasione i ragazzi di 'Al bayt' ci hanno chiesto se fosse possibile individuare uno spazio dove potessero incontrarsi per la preghiera serale. Dopo un'attenta valutazione tecnica, il coinvolgimento del volontariato e la necessaria e tempestiva informazione alle scuole, abbiamo individuato nella palestra delle scuole medie di via Sozzi lo spazio adatto ad ospitare questa attività. Pur nella consapevolezza che una scelta come questa, in questo periodo di sensibilità estremamente acuita verso ogni argomento che riguarda 'l'altro', possa essere guardata con sospetto da qualcuno, siamo però convinti di avere nei responsabili di questa associazione degli interlocutori seri ed affidabili, così come crediamo che l'integrazione, che si pone sempre come obiettivo principale nel rapporto con chi da lontano arriva e sceglie di vivere sul territorio, passi soprattutto attraverso l'incontro, la comprensione e la conoscenza delle rispettive tradizioni, senza pregiudizi”.

Aggiunge per l’Associazione "Al bayt" l’ingegnere Abdelghani Essadiki: “Fin dal primo incontro abbiamo trovato persone che hanno saputo ascoltarci e hanno capito la nostra reale necessità: sentirci parte costruttiva di una comunità. Uno dei punti di partenza della nostra associazione è il fatto di sentirci portatori di un bagaglio culturale proveniente da due mondi molto diversi ma che sono riusciti a convivere. Abbiamo cercato di esprimere questa nostra idea nel logo-simbolo: la mezzaluna (simbolo della nostra cultura d'origine) con al suo interno la Pietra di Bismantova (simbolo della comunità che ha accolto i nostri genitori). Siamo convinti che bisogna conoscersi e aprirsi per poter apprezzare ed essere apprezzati. Uno degli obbiettivi che ci siamo posti è cercare di creare un punto di ritrovo nel quale poter far conoscere ai propri vicini una cultura, delle usanze, un credo, che alla fine non è tanto diverso e lontano dal loro. 'Al bayt' è un'associazione culturale che ha come fine la promozione di attività culturali, cercando di favorire gli incontri e gli scambi in modo da poter 'arricchirci delle nostre reciproche differenze'”.

"Ciò che è fondamentale nell'attività dell'associazione - conclude Essadiki - è lo scambio tra le persone con diverse tradizioni al fine di creare preziose contaminazioni proficue ed importanti per l'integrazione e la solidarietà. Come ha scritto Gandhi: 'Non voglio che la mia casa sia cinta da un muro su tutti i lati e le mie finestre sbarrate. Voglio che le culture di tutte le terre circolino nella mia casa con la massima libertà. Ma mi rifiuto di lasciarmi dominare da una sola di queste'. Ci tengo a ringraziare a nome di tutta l'associazione e della comunità che rappresentiamo l'amministrazione comunale con la quale stiamo lavorando per cercare di portare avanti il nostro progetto”.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

5 Commenti

  1. In questi giorni che stiamo vivendo, di vera “esplosione” di intolleranza, comprensibile ma non condivisibile, questa vostra esperienza è un “boccata d’ossigeno”. Un plauso a quanti operano con saggezza per un futuro di convivenza pacifica e di reciproco arricchimento. Anche Papa Francesco ha invitato a costruire ponti e non muri, siete su questa strada. Grazie.

    (Claudio Bucci)

    Rispondi
  2. Vedo nel suo profilo Facebook che Essadiki fa parte del gruppo “Boicotta Israele”. Ciò è coerente con le parole riportate nel vostro articolo?

    (Tilio)

    Rispondi
  3. Vorrei ringraziare quelle persone che si sono adoperate per permettere di darci uno spazio nel quale cercare di dimostrare che la nostra cultura e la nostra religione sono portatori di pace e non di odio come invece i media stanno sostenendo. Siamo famiglie composte da ragazzi, donne e uomini che si sentono parte dell’Italia in generale, ma soprattutto parte della comunità montana alla quale sono legate con sentimenti di orgoglio e gelosia. Siamo i primi a volere il bene comune e per questo ci adoperiamo e diamo la nostra piena disponibilità per la crescita sociale, culturale ed economica della comunità che ci ha accolti e che ci ha dato la possibilità di essere parte integrante di essa. Ringrazio la Comunità montana che ci ha dato la possibilità, in questo mese di Ramadan che sta iniziando, di rendere gloria al nostro Dio (che non è altro che il Dio cristiano) secondo gli insegnamenti della nostra religione e nel rispetto delle leggi e delle regole dello Stato italiano. Chiaramente non c’è neanche bisogno di sottolineare che le nostre porte sono sempre aperte per chiunque sia interessato a conoscerci e a conoscere la “nostra religione” che non è quella dei giornali. Grazie a tutti i cittadini di Castelnovo ne’ Monti per quanto fatto fino ad ora. Ringrazio anche i ragazzi e le ragazze dell’associazione culturale “Albayt” che si sono messi in gioco per aiutarci in questo percorso di incontro e scambio di valori.

    (Azzeddine E.)

    Rispondi
  4. L’Assessorato alla cultura castelnovese e la maggioranza, oltre che preoccuparsi dei meteci (cosa encomiabile) dovrebbe ancora prima pensare agli indigeni: non si è visto un appuntamento “culturale” degno del nome in tutto l’anno dopo l’insediamento, nemmeno quello che hanno fatto Comuni più piccoli come, per esempio, Carpineti. Un vero “Ramadan” del cibo della cultura.

    (Likud)

    Rispondi
  5. In linea di massima sono d’accordo con la scelta dell’assessore, credo però che questo episodio non aiuti affatto l’integrazione, bensì sottolinei la separazione di due culture così diverse. Loro a celebrare il Ramadan, noi sempre e comunque nelle nostre chiese! Dov’è l’incontro? Con tutto il rispetto possibile, ci vuole altro.

    (DG)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48