Pensionati Enel in rivolta: assemblea a Castelnovo ne’ Monti e a Reggio Emilia

lavoratori enelMantenimento delle condizioni di pensione per gli ex dipendenti Enel: se ne discute lunedì 14 dicembre alle ore 10 presso l’Hotel Miramonti, in via E. Bagnoli, 7 a Castelnovo ne’ Monti e mercoledì 16 dicembre alle ore 9,30 presso l’Auditorium Simonazzi, in via Turri, 71, a Reggio Emilia, alla presenza di Sergio Davoli, ex dipendente Enel attuale Segretario organizzativo Fnp Cisl Emilia Centrale.

Gli incontri sono organizzati da Cisl Emilia Centrale. L’occasione è data dalla disdetta di una clausola contrattuale che modifica il trattamento per gli ex dipendenti Enel (rimarrebbero immutati solo gli ex lavoratori di Terna).

Fnp Cisl, insieme alla categoria degli attivi Flaei, si è subito mossa per contestare all’Enel la scelta unilaterale e arrivare ad un accordo. Di recente si è svolto a Roma un incontro della Fnp con una delegazione di pensionati del Fondo speciale elettrici e la Segreteria nazionale Flaei per discutere della disdetta da parte dell’Enel di quanto previsto a suo tempo dal Ccnl per i relativi lavoratori elettrici e i pensionati.

Da un lato le proposte dell’Enel dall’altro la possibilità per gli iscritti Fnp elettrici di non aderire, potranno fare una causa legale per gruppi di pensionati attraverso i legali di fiducia della Cisl.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Perchè, c’è qualcuno che ancora riesce ad andare in pensione?!

    (Alessandro)

    Rispondi
  2. E’ triste apprendere che la grande Enel per la quale tanti senior nutrono affetto e venerazione rischino di perdere i loro diritti acquisiti. Sono uno di quei pensionati Enel che hanno contribuito ad elettrificare l’Italia, dalla Sicilia al Friuli; come tutti i dipendenti di allora abbiamo fatto molto di più del nostro dovere, perchè ritenevamo l’Enel la nostra famiglia e in famiglia non contano le ore lavorate, non si guarda l’orologio, ma il bene della famiglia. E ora si apprende che ai coimponenti di questa “grande famiglia” si vogliono togliere i diritti acquisiti in tanti anni di sacrifici. E’ follia pura! Per qualcuno è “tagliare”, ora va di moda; un tempo era bravo chi faceva, ora è bravo chi toglie o chi taglia; ne abbiamo un esempio in questi giorni con le quattro banche che hanno tolto ai poveri per salvare i ricchi; le conseguenze le abbiamo viste. Mi auguro che certi dirigenti Enel che vogliono apparire “tagliando”, abbiano un ravvedimento, ma se ciò non fosse sappiano che avranno a che fare con chi sa lottare con ogni mezzo contro queste ingiustizie.

    (Franzini Lino)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48