“Cattaneo-Dall’Aglio”: di scuola in scuola

Riceviamo e pubblichiamo.

-----

Dal mese di ottobre a gennaio alcuni docenti dello storico Istituto superiore della montagna “Cattaneo-Dall’Aglio” hanno proposto alcune attività legate all'orientamento un po’ diverse dal solito.

Il momento dell’orientamento è da sempre un mezzo efficace per permettere ai diversi ordini di scuole di conoscersi e confrontarsi. È proprio nell'ottica della conoscenza e del confronto che quest’anno si è presa la decisione di offrire una ulteriore modalità di presentazione dei numerosi percorsi di studio offerti dall’Istituto agli studenti delle scuole di primo grado.

Alcuni docenti, a tale proposito, hanno deciso di recarsi presso vari istituti della montagna -  tra i quali le medie di Toano, Villa Minozzo, Carpineti, Vezzano, Casina e Castelnovo ne’ Monti – per presentare alcune lezioni-conferenze sulle discipline caratterizzanti i vari indirizzi.

Gli studenti delle classi terze, quindi, hanno potuto partecipare – in alcuni casi molto attivamente – ai diversi incontri: con la prof.ssa Teresa Muratore hanno riflettuto sul tema dell’emigrazione, con la prof.ssa Ornella Gigli su “The language of warriors”, con la prof.ssa Barbara Bonacini hanno capito che in matematica 1+1 non fa sempre 2, col prof. Cesare Gigli e il tecnico di laboratorio Romoli hanno assistito a “strani” fenomeni di elettrostatica, con la prof.ssa Rosanna Fontana hanno “toccato con mano” che il latino non è sempre brutto come lo si dipinge, col prof. Giuseppe Herman hanno imparato qualcosa in più su quell’antico materiale innovativo che è il legno, col prof. Carlo Herman sono andati virtualmente alla scoperta di un’azienda,  con il prof. Fabrizio Silvetti si sono appassionati a “Robot-tiamo”.

Altre conferenze potrebbero essere presentate nei mesi a venire, dal momento che l'esperienza si è dimostrata davvero positiva - a tratti entusiasmante -  sia per l'accoglienza e la disponibilità dimostrata dagli insegnanti degli istituti che hanno ospitato l'iniziativa sia, soprattutto per la presenza di studenti davvero attenti e "vivi", che ci hanno dato l'ennesima dimostrazione di quanta "bellezza" ci sia in montagna: la bellezza dell'entusiasmo, della propensione al dialogo, dell'essere disponibili all'ascolto.

Gli insegnanti “in trasferta” si sono trovati di fronte gli occhi di tanti tredicenni: occhi curiosi, interessati, attenti; occhi vispi, divertiti e divertenti; occhi coinvolti, critici, a volte stanchi.

Occhi bellissimi. Occhi per i quali “ne vale la pena”.

(Alcuni docenti del “Cattaneo-Dall’Aglio”)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Sembra una bella iniziativa; mancano nella lista delle scuole visitate quelle di Vetto, Ramiseto… (istituto comprensivo Busana). Mi auguro vengano tenute anch’esse in considerazione.

    (Alle)

    Rispondi
    • Buongiorno. Mi chiamo Barbara Bonacini e sono una delle insegnanti dell’Istituto “Cattaneo-Dall’Aglio” che hanno promosso l’iniziativa in oggetto. Volevo informarLa che a tempo debito tutte le scuole della montagna sono state informate della possibilità di aderire a questo progetto secondo noi molto proficuo, non solo per l’orientamento, ma anche per instaurare un rapporto di collaborazione e di reciproco arricchimento tra gli insegnanti dei due ordini di scuola. Ogni istituto ha potuto poi scegliere se partecipare o meno e, in caso affermativo, quali conferenze tra quelle proposte far tenere presso la propria sede. E comunque noi restiamo disponibili, molto volentieri!

      (Barbara Bonacini)

      Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48