Parafrasando “mettete dei fiori nei vostri cannoni”… mettete dei semi sui vostri balconi

uccellino

(Foto LIPU)

Dove vanno davvero gli uccelli, in inverno?

È arrivato l'inverno e con esso il clima rigido e la scarsità di cibo per gli uccelli. Molte specie insettivore come le rondini, i cuculi e gli usignoli sono costrette a partire per l'Africa dove resteranno fino alla prossima primavera.

Qui da noi rimangono invece le specie che sanno meglio adattarsi, altre arrivano dai freddi paesi del nord Europa attirate dal clima più mite.

Le nostre città, con la loro “cupola climatica”, hanno una temperatura di almeno due gradi superiore rispetto ai boschi e alle campagne e attirano molti uccelli che possiamo divertirci ad osservare e possiamo imparare a conoscere e proteggere.

Come possiamo aiutare davvero gli uccelli durante l'inverno?

Nei mesi freddi gli uccelli hanno bisogno principalmente di cibo e di un posto sicuro e possibilmente riparato in cui nutrirsi regolarmente.

Qui di seguito trovi alcuni semplici modi per aiutare gli uccelli durante la stagione invernale.

Cosa dare da mangiare agli uccelli in inverno

(Cincia e palla di grasso. Foto LIPU)

(Cincia e palla di grasso. Foto LIPU)

Puoi aiutare gli uccelli a superare il freddo inverno dando loro il cibo giusto. Ogni specie ha esigenze diverse e si nutre di cibi differenti. Ecco la dieta ideale per gli uccelli invernali: il merlo, il pettirosso, la capinera e la passera scopaiola si nutrono di briciole dolci, vanno benissimo gli avanzi del panettone, i plum cake, i biscotti e naturalmente la frutta fresca.

La cinciarella, la cinciallegra e il picchio muratore sono golosi di arachidi (non salate mi raccomando), di semi di girasole, di pinoli sgusciati, frutta secca tritata come noci e nocciole.

La passera d’Italia, il fringuello, il verdone e cardellino sono uccelli granivori. Per loro puoi utilizzare miscele di semi vari (miglio, canapa, avena, frumento), semi di girasole, mais spezzato. Li trovi al supermercato, nei negozi per animali domestici oppure.

Come costruire una mangiatoia per gli uccelli

MANGIATOIA UCCELLINILe mangiatoie per gli uccelli si possono acquistare o realizzare in casa con materiali di recupero come bottiglie di plastica, retine per agrumi o ortaggi o cartoni del latte. Quelle da appendere sono ottime per chi ha un balcone, ma si possono anche attaccare ai rami degli alberi. Altrimenti vanno installate su un palo di ferro zincato a circa 1,5 metri di altezza possibilmente in un posto tranquillo e non frequentato dai gatti del vicinato.

Se non hai la possibilità di acquistare o costruire una mangiatoia puoi creare delle collane infilando le arachidi nel fil di ferro oppure riempire uno scodellino di yogurt o una retina per gli agrumi con del grasso e appenderla. Queste mangiatoie semplici e rudimentali sono perfette per piccoli uccelli come le cince.

(Mangiatoia "fai da te")

(Mangiatoia "fai da te")

Le mangiatoie vanno rifornite regolarmente, senza riempirle con quantità eccessive di cibo (che potrebbe deteriorarsi). Importante non esporre mai cibo salato o piccante che può essere tossico per gli uccelli.

Ci sono tanti altri modi per aiutare gli uccelli

Un altro bel modo per aiutare davvero gli uccelli d'inverno (e tutto l'anno) è iscriverti alla Lipu ed entrare a far parte della grande famiglia di chi li ama e li protegge. In più se vuoi imparare a riconoscere le specie che vedi sul tuo davanzale puoi tenere sempre a portata di mano un buon manuale di riconoscimento come la "Guida al Birdwatching" di Detlef Singer (in regalo con le quote speciali di iscrizione alla Lipu).

E’ inverno, scaldati il cuore.

(tratto dal sito di LIPU)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Pure le cince preferiscono i dolci… mi hanno già fatto fuori quattro pandori. C’è il lardo mescolato a semi tritati, il mangime nella rete, ma fanno fuori pandoro e formaggio molle. Non ho ancora visto un merlo e non so perché. Negli anni scorsi avevo merli e pettirosso. Ora ho voli di cinciarelle che non son mai ferme. Però è bellissimo guardarle.

    (Luisa Valdesalici)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48