Iren / “Il sindaco si è dimesso dalla Commissione legalità? Andiamocene anche come Comune e Unione dei comuni”

Robertino Ugolotti presso la Cappella Fernese di Palazzo D’Accursio

E' in arrivo in consiglio comunale una mozione del capogruppo Robertino Ugolotti e di Daniele Valentini, resa pubblica oggi dalla lista di minoranza "Progetto per Castelnovo ne' Monti", che compongono.

"Premesso che nei giorni scorsi il sindaco Enrico Bini, assieme ad altri sindaci della provincia, si è dimesso dalla Commissione legalità di Iren perché a suo dire la medesima non funzionava; e considerato che la lista civica 'Progetto per Castelnovo ne' Monti' sostiene convintamente la posizione del primo cittadino, anche alla luce del lavoro già svolto nei confronti di Iren in modo unitario in consiglio comunale, sin dall’insediamento, lavoro teso ad avere resoconti trasparenti, una bolletta puntuale, nonché la riduzione della tariffa sui rifiuti", spiegano i due consiglieri, "chiediamo a Bini, alla luce di quanto sopra e viste appunto le dichiarazioni che lo hanno portato alle dimissioni, di prendere in esame, assieme alla Giunta municipale e come presidente dell’Unione dei Comuni, l’ipotesi di verificare con altre aziende quali alternative percorribili possano esservi all’attuale situazione, anche per uscire come Comune dalla multiutility".

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

8 Commenti

  1. Ad uscire dalla multiutility quali vantaggi avrebbero i cittadini che ora non hanno? Sarebbe opportuno, qualora vi sia la possibilità. Grazie.

    (Sergio Tagliati)

    Rispondi
  2. Credo che per i Comuni della montagna riuscire a “liberarsi dalle briglie” di Iren darebbe loro la possibilità di gestire i servizi con più efficienza e maggiore attenzione alle persone e all’ambiente, creando anche possibilità occupazionali localmente. Un solo Comune forse no, ma la forza di un Unione dei Comuni, compatta e determinata, ce la può fare. E sono convinta che il risultato meriterebbe la battaglia.

    (Manuela)

    Rispondi
  3. Chissà che non sia il caso di rispolverare lo studio di Orzes sulla gestione dei rifiuti presentato lo scorso anno all’Unione dei Comuni, ma dimenticato e archiviato troppo in fretta. Tra le altre cose è proprio di questi giorni l’indicazione dell’Europa a prendere come esempi il sistema Capannori e il Consorzio Contarina di Treviso per le nuove politiche riguardanti i rifiuti e quanto ne consegue; se per una volta fossimo tra i primi, non sarebbe male.

    (Antonio Manini)

    Rispondi
    • Facendo un confronto fra la tariffa di Castelnovo e quella del comune di Asolo (consorzio Contarina) per 4 persone e 1 svuotamento/settimana siamo per entrambe a 300/350 euro anno circa: qual’è il vantaggio? Sarei anche curioso di conoscere lo studio di Ortes e la sua tariffa, può aiutarmi?

      (mc)

      Rispondi
      • La differenza sta, se non altro, in una maggiore occupazione di personale e in una raccolta differenziata fatta come si deve con relativo indotto di aziende specializzate nel riciclo che sono nate intorno a questo consorzio. Lo studio di Orzes lo può richiedere all’Unione dei Comuni, ma se mi manda una sua mail le invio altra documentazione relativa a questo, illustrata all’Università di Reggio Emilia in occasione del convegno “Rifiuti e Lavoro”.

        (Antonio Manini)

        Rispondi
  4. Caro Ugolotti, invece di essere sempre solidale con Bini comincia a fare l’opposizione, che le cose non fatte ma promesse in due anni cominciano ad essere tante. Basta demagogia, tagli di nastri e pubblicità sui giornali. Quella lasciala alla maggioranza. E che ti segua anche Genitoni, perché gli M5S ad alti livelli non sono così accondiscendenti con le Giunte targate PG.

    (Elettore residente)

    Rispondi
  5. Signor “Elettore residente”, le provo a spiegare ancora una volta le motivazioni del nostro lavoro in Consiglio comunale e perché ci siamo candidati. Ci siamo candidati in alternativa a Bini e al Movimento 5 Stelle, cercando di rappresentare coloro che volevano una politica seria, trasparente e condivisa; in Consiglio abbiamo votato le cose che sono utili al paese e sempre contro alle cose che non abbiamo condiviso. Questo è il nostro modo di fare opposizione costruttiva. Comunque siamo pronti a qualsiasi suggerimento e confronto, la invito fin da ora a venire all’incontro che come lista abbiamo organizzato per il 7 marzo, così avremo modo di confrontarci dal vivo e non con uno che non ha il coraggio di firmarsi. Grazie per il suo prezioso contributo.

    (Robertino Ugolotti, capogruppo “Lista civica Progetto per Castelnovo ne’ Monti)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48