Comune di Ventasso / “Fabio Filippi non riveste alcun ruolo di coordinamento”

In questi giorni su tutti i quotidiani reggiani sono comparsi i nomi dei primi due candidati - ma i termini sono ancora aperti, per chi fosse intenzionato a buttarsi nella mischia - alle primarie di centrosinistra al fine di proporsi come futuro sindaco del neonato e grande comune montano di Ventasso, al momento amministrato dal commissario Giorgio Orrù. Si tratta di Paolo Bargiacchi, sindaco del defunto Comune di Collagna, e del dr. Antonio Manari, di origini busanesi - come denuncia chiaramente il cognome - attualmente dirigente medico presso l'Asmn di Reggio Emilia.

Dopo di ciò, mentre Fabio Filippi si proponeva come coordinatore della situazione per quanto riguarda la candidatura di centrodestra da opporre e ieri i medesimi organi di stampa (Gazzetta, Carlino e Prima pagina Reggio) davano conto che la Lega nord metteva i suoi punti sulle "i", è di oggi un'altra presa di posizione.

E' quella del partito di Forza Italia, di cui Filippi è esponente. Scrive dunque Gianluca Nicolini, cordinatore provinciale del partito: "In riferimento alle dichiarazioni rilasciate alla stampa locale dall'ex consigliere regionale Fabio Filippi, alle quali ha replicato la segreteria provinciale della Lega nord di Reggio Emilia, a nome del coordinamento provinciale di Forza Italia sono a ribadire che Fabio Filippi non riveste alcun ruolo nella definizione delle alleanze elettorali nel Comune di Ventasso e che come da accordi nazionali e regionali il centrodestra reggiano correrà unito in tutti i comuni al voto nella primavera prossima sostenendo le liste locali di centrodestra".

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Leggere certe precisazioni nei confronti di Fabio Filippi mi lasciano molto perplesso, forse la mia onestà intellettuale da “non politico” mi impedisce di comprenderle. Ho conosciuto l’ing. Fabio Flippi a vari convegni mirati a portare lavoro e sviluppo alla montagna, e posso testimoniare che l’ing.Filippi è un uomo di montagna e ha sempre amato e sostenuto la montagna con impegno e serietà, a partire dalla Diga di Vetto, l’unica vera opera in grado di portare sviluppo a queste terre e salvare l’agroalimentare di Reggio Emilia e Parma, ma sempre osteggiata da chi vuole che la montagna diventi terra di lupi e cinghiali, Da montanaro ho sempre ritenuto che i problemi della montagna li conoscono molto di più i montanari rispetto a chi vede la montagna come una “palla” al piede e non pensano che prima o poi questa “palla” ruzzolerà verso valle; e i danni dei dissesti e delle alluvioni derivanti dall’abbandono del territorio montano già li vediamo da anni.

    (Franzini Lino)

    Rispondi
  2. La montagna ai montanari di buona volontà. Relativamente alle prime elezioni comunali nel nuovo comune di Ventasso, leggo ora su Redacon da parte di un esponenti di Forza Italia, di commenti che poco o nulla hanno a che vedere con la voglia di cambiamento che anima, da anni, i cittadini del nostro Appennino. La voglia, finalmente, di cambiare le cose, di uscire da una stagnazione che da molto tempo sta investendo l’area più bella e ricca di tradizioni della nostra regione ha spinto il sottoscritto, assieme a tanti montanari residenti nel crinale e pieni di buoni propositi, a impegnarsi per la realizzazione di una grande lista civica in grado di vincere alle prossime consultazioni elettorali. Non ho mai parlato a nome di Forza Italia, anche perché il coordinamento e la segretaria di Forza Italia di cui parla Nicolini oggi esistono solo sulla carta. Sono invece ancora attivi tanti cittadini convinti che con il lavoro, e non con le parole, le cose possano finalmente cambiare, riconsegnando all’Appenino il ruolo che gli spetta. Nessuno ha mai visto Nicolini, di Correggio, nel nuovo comune di Ventasso. La polemica politica non serve a nulla se poi non si ha nessuna conoscenza del territorio e non si è in grado di dare un contributo fattivo all’elaborazione di un progetto di sviluppo convincente per il crinale. Il nostro gruppo punta a fare un’unica lista aperta a tutte le persone di buona volontà, al di là delle appartenenze e degli schieramenti politici, con lo scopo di valorizzare un territorio da troppo tempo considerato di serie B, utile solo, purtroppo, a garantire l’acqua ai rubinetti della pianura.

    (Fabio Filippi)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48