Scuoiati e appesi: la triste fine di due lupi a Giandeto

A Canicchia di Giandeto di Casina pare essersi fermato il senso di civiltà dell’uomo. Perché quanto andato macabramente in scena è degno dei più squallidi personaggi che, oltre ad avere in odio gli animali, devono essere in evidente stato di precario equilibrio col mondo attorno.

Tant’è: le cronache riportare oggi da Prima Pagina Reggio raccontano di due lupi ammazzati, scuoiati e poi macabramente appesi ad alberi a mo’ di monito. Un chiaro monumento, invece, all’imbecillità e crudeltà umana.

Essendo il lupo una specie protetta, l’autore del misfatto, se mai pizzicato (in corso indagini di carabinieri e polizia provinciale), rischia una denuncia penale. Quello che è certo è che già si è preso il biasimo  di ogni persona di quieto vivere.

Anche nel casinese, va detto, si erano registrati negli ultimi mesi episodi di attacco a greggi e a cani da parte, probabilmente, degli stessi lupi. Una convivenza – quella tra l’uomo con le sue attività e il lupo – che si dimostra nuovamente difficile. Pare di essere di nuovo in pieno Settecento… L’auspicio è il ritorno di un sano Illuminismo.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48