Quando l’auto si schiantò i bambini non c’erano: ora c’è una Maestà

VETTO (27 giugno 2016) - Chi percorre la via che da Rosano porta al Castellaro si imbatte, di fianco alla locanda omonima, in una bellissima Maestà dedicata alla Madre dei Bimbi. Un residente ha voluto, a seguito di una proposta fatta tempo fa e subito accolta con molto favore da tutti i frequentatori la locanda locale, con l’aiuto dei familiari, realizzare questa bellissima opera, interamente scolpita su di un magnifico sasso ed arricchita con uno svettante campanile con tanto di campanella, sedili e panchine ed illuminazione.

Maestà dei Bimbi inaugurata 26.6.16

La Maestà e stata dedicata alla Madre dei Bimbi perché, anni fa, a seguito della prove per il rally dell’Appennino, un automobilista andò a schiantarsi proprio di fronte a dove sorgeva un piccolo capanno presso il quale i bimbi del borgo si recavano solitamente a giocare, ma quel giorno, in quel preciso istante, i bambini non c’erano, segno evidentemente della mano della Mamma celeste che li ha voluti preservare anche in relazione alla… "scarsezza" di queste preziose creature.

Il giorno 26 giugno, alle ore 18, c’è stata l’inaugurazione e la benedizione da parte del diacono Dino Fracassi di Gombio che l’ha definita addirittura “monumentale”. Erano presenti numerose persone e tante mamme del luogo con i loro bimbi (nella foto) e poiché “ tutti i salmi finiscono in Gloria” il signor Ermano e famiglia hanno voluto offrire a tutti un ricco buffet cui è seguita una lauta cena.

(Enzo Fontana)

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Oltre la componente artistica e scenografica è molto significativo il titolo dato alla bella e originale composizione “Madre dei bimbi”. Abbiamo pregato per proteggerli oltre che dagli incidenti stradali anche dalla fragilità della vita coniugale e dalle malvagità della perversione.

    (Dino)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48