Casa Famiglia si arricchisce di un nuovo bambino

Riceviamo e pubblichiamo.

-----

Cari amici,

ALBERTO CAMPARIa un anno dalla scomparsa di padre Silvio, avvenuta il 16 ottobre dello scorso anno, data che coincide con l’impegno che il GAOM si è assunto per portare avanti il progetto Casa Famiglia, abbiamo una nuova entrata in famiglia. Si tratta di un bambino di 7 anni, che abitava in un villaggio fuori Shashemene, Agge, verso ovest. E’ stata la polizia governativa a portarlo a Casa Famiglia. Lo hanno trovato solo, nella sua capanna. Sembra che i genitori siano morti e nessun parente si è fatto sentire per tenerlo in casa propria.

La nostra famiglia si arricchisce così di un nuovo bambino, dopo l’uscita di sei ragazzi avvenuta a settembre. Infatti i ragazzi, secondo il regolamento, giunti alla maggiore età, devono riprendersi la propria vita fuori da Casa Famiglia. Questi sei ragazzi hanno intrapreso strade importanti: due di loro, Fasil e Nebiyu, hanno superato il test di ingresso universitario per la facoltà di Medicina, mentre Mussa, Zerihun, Seid e Tariku, hanno trovato un lavoro a Shahsemene.

Sono risultati importanti, soprattutto in questo momento in cui l’Etiopia sta vivendo un periodo difficile a livello politico e di sicurezza nazionale.

Grazie a tutti perché la speranza di questi ragazzi passa attraverso tutti coloro che credono in questa opera meravigliosa; essere al fianco di questi nostri fratelli.

(Alberto Campari, presidente Gaom)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48