I cacciatori della montagna “adottano” il reparto di urologia

Riceviamo e pubblichiamo.

-----

I cacciatori della nostra montagna, l’Atc 4, nel loro recente consiglio sono addivenuti a un’importante decisione riguardante il loro ruolo sull’ampio territorio che ricoprono con impegno, lavoro volontario e tutela del  territorio, prevenzione e tutela della fauna. Ma non solo.

Il nostro territorio si arricchisce con l’importantissima presenza dell’Ospedale Sant’Anna, senza il quale, depotenziato o privato della sua funzione di risposta ai bisogni sanitari dei nostri cittadini e non solo, si assisterebbe a un ulteriore abbandono e grave impoverimento della montagna. In questi giorni si parla molto del problema nido-punto nascita, che rappresenta un servizio importante e indispensabile per la vita della nostra comunità. Ma vi sono altri servizi e unità operative ospedaliere altrettanto necessarie e fondamentali.

Una di queste è certamente il servizio di Urologia (struttura operativa semplice) diretta dal dott. Roberto Casolari Rossi, che nel solo 2016, al Sant’Anna, ha effettuato ben 4000 prestazioni e oltre 400 interventi chirurgici.

Orbene, il 30% della nostra popolazione è costituita da over 65 e da quasi il 45% di over 55. Target di cittadini, soprattutto i maschi, che necessitano della presenza di un servizio di urologia attivo, puntuale e operativo, sia per l’indispensabile prevenzione, sia per la cura della patologia prostatica e dell’apparato genito-urinario.

L’Atc 4 ha quindi deciso, vista l’importanza di questo servizio, di adottare l’Urologia di Castelnovo ne’ Monti.

Già in passato i cacciatori dell’ATC 4 avevano sostenuto l’Urologia con l’acquisto di preziose strumentazioni interventistiche e diagnostiche.

Oggi l’Atc 4 vuole continuare a sostenerla, con iniziative sociali mirate al coinvolgimento della popolazione per sostenere attivamente questo fondamentale presidio del nostro territorio. Si vuole riconfermare che i cacciatori della montagna, oltre ai ruoli citati in premessa, hanno anche a cuore la salute e il benessere del territorio, delle proprie famiglie e dei propri concittadini.

Sarà cura dell’Atc 4 concordare e invitare alla firma del patto di adozione sia la direzione del Sant’Anna sia la dirigenza dell’Asl e il Sindaco, Presidente dell’Unione montana dei Comuni e la rappresentanza della nostra Regione.

(Ferruccio Silvetti, presidente ATC 4)

Serata donazione ureterorenoscopio flessibile ed ecografo bipolare dall’ATCRE4 all’ospedale Sant’Anna, alla presenza degli amministratori della Provincia e dirigenti Asl locale e di Reggio

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48