Estorsione a imprenditore edile di Collagna: crotonese arrestato dai carabinieri

Portami 14mila euro o ti ammazzo come un cane”, “Ti spacco la faccia”, “Ti faccio finire su una sedia a rotelle”.

Sono queste alcune delle frasi con le quali un 50enne calabrese che abita a Castelnovo ne' Monti ha minacciato un imprenditore edile di Collagna per il mancato pagamento di due cambiali da 5000 euro l’una.

Il 50enne originario della provincia di Crotone avrebbe preteso la restituzione della somma maggiorata con interessi da usuraio.

L’uomo era stato prima denunciato e nel marzo del 2011 arrestato dai carabinieri del nucleo operativo di Castelnovo ne' Monti  in esecuzione a un provvedimento restrittivo di natura cautelare emesso dal Tribunale della Libertà di Bologna che accoglieva l’appello promosso dal magistrato Maria Rita Pantani, titolare dell’inchiesta.

Quindi l’iter processuale con la condanna a 1 anno e 8 mesi di reclusione per il reato di tentata estorsione.

La sentenza divenuta esecutiva ha visto l’ufficio esecuzioni penali  della Procura reggiana emettere a carico del 50enne calabrese l’ordine di esecuzione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare che ieri è stata eseguita dai carabinieri del nucleo operativo di Castelnovo ne' Monti che hanno arrestato l’uomo conducendolo nella sua abitazione dove dovrà scontare, in regime di detenzione domiciliare e detratto il periodo pre-sofferto in regime di detenzione cautelare, la pena di anni 1 e giorni 28 di reclusione.

Secondo quanto accertarono i carabinieri nel gennaio 2010 l’imprenditore aveva emesso due cambiali, ciascuna del valore di 5000 euro, all’odierno arrestato, quale pagamento di un debito nei suoi confronti.

Poiché alla scadenza delle cambiali, il 31 marzo 2010, non era stato in grado di pagarle, il 50enne calabrese ha iniziato a minacciare l’imprenditore sia telefonicamente sia presentandosi direttamente a casa sua.

Dopo l’ultima minaccia (“ti ammazzo come un cane”), la vittima si era convinta a sporgere denuncia contro il calabrese che gli chiedeva 4000 euro di interessi.

Quindi le indagini culminate dapprima con la denuncia e successivamente con l’arresto nel marzo del 2011 in esecuzione di un provvedimento cautelare.

Quindi l’iter  processuale e l’odierno arresto essendo divenuta esecutiva la condanna comminatagli dal tribunale reggiano che lo riconosceva colpevole del reato di tentata estorsione.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48