Home Cronaca S. Michele, la fiera al via tra tradizione e bambini

S. Michele, la fiera al via tra tradizione e bambini

0
1

Come era già accaduto lo scorso anno, la Fiera di S. Michele, il grande evento che segna l'inizio dell'autunno appenninico oggi, sabato 23, e domenica 24 e lunedì 25 settembre, sarà anche l'occasione per un progetto coinvolgente e divertente di educazione ambientale rivolto ai bambini. Torna “Giochiamo a riciclare”, che si svolgerà sabato e domenica nello stand allestito in piazza Gramsci, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18: un laboratorio sul riciclo creativo per scoprire come trasformare un rifiuto in un oggetto da conservare, rivolto a bambini e bambine della scuola dell'infanzia e della scuola primaria. Lo stand è promosso dall'assessorato all'ambiente in collaborazione con la Croce Verde di Castelnovo ne' Monti e Iren. Lunedì 25 settembre le attività saranno invece legate all'iniziativa “Puliamo il mondo” di Legambiente, la storica campagna di volontariato ambientale organizzata in tutta Italia. In questo caso l'iniziativa sarà rivolta sia a bambini che adulti, e prenderà il via dalle 16,30: in pratica, nel momento in cui la fiera andrà verso la conclusione si comincerà a pulire il centro dai rifiuti abbandonati a terra, insieme ai volontari di Legambiente Reggio Emilia e Legambiente Appennino.fiera-s-michele-2016-6

C'è intanto grande attesa per l'avvio della fiera: la giornata inaugurale sabato prevede al centro fiera dalle ore 8 l’apertura della mostra mercato dei bovini e l’esposizione di attrezzature agricole, industriali e prodotti zootecnici. In piazza Gramsci alle ore 9 prenderà invece il via la mostra delle attività produttive e commerciali, il mercato del contadino e delle produzioni agroalimentari, lo stand della strada dei pani e dei prodotti dell’Appennino reggiano a cura di Cna giunta alla 28^ edizione, il cui ricavato andrà in beneficenza alle associazioni “Il cuore della montagna” e “Fa.Ce.”.

La stessa piazza ospiterà anche la mostra micologica dell’Ispettorato micologico del dipartimento di prevenzione Ausl, lo stand del Parmigiano Reggiano in piazza con la partecipazione della latteria sociale di Carnola, lo spazio "Dalla terra alla tavola-Cibo di strada Food d’Appennino" a cura dell’Istituto "N. Mandela". Non mancheranno, sempre in piazza Gramsci, gli stand con i prodotti tipici di Voreppe, Illingen e Fivizzano, con degustazione e vendita, per citare qualche esempio, di brezel e wurstel, crepes e vini rossi. Ci saranno anche lo spazio informativo della Croce Verde di Castelnovo sulle attività realizzate e la vendita di torte casalinghe in collaborazione con l'associazione "Per te-Donne insieme contro la violenza" e il laboratorio creativo di recupero “Giochiamo a riciclare”.

Il taglio del nastro ufficiale della kermesse avverrà sempre in questa piazza alle ore 10, con la partecipazione della Banda musicale di Felina. Il corteo poi si trasferirà lungo le strade del centro e il mercato delle bancarelle per l’apertura ufficiale anche delle aree espositive di piazza Peretti, piazza Martiri della Libertà e Centro Fiera. Nelle giornate di sabato e domenica Radionova, in collaborazione con la struttura tecnica di Speedwireless di Claudio Chierici, trasmetterà in diretta dall'Isolato Maestà con musica e interviste dal vivo.

In piazza Peretti dopo il grande successo dello scorso anno tornerà la “Cioccopiazza”, il festival del cioccolato artigianale con la partecipazione dei maestri cioccolatieri Marisa Tognarelli e Antonio Schettini. Qui sarà anche realizzata una scultura di cioccolato del peso di 60 kg, riproduzione della Pietra di Bismantova, a cura del maestro cioccolatiere Stefano Comelli, primo premio della lotteria “Cioccopiazza” che vedrà l’estrazione lunedì 25, ultimo giorno di fiera. Non mancherà sempre in questa piazza l’animazione per bambini, e sabato alle 21 una festa anni ’50 con lo spettacolo dal vivo del gruppo rock swing HeartBreak Hotel. In piazza delle Armi, nel cuore del centro storico, sabato alle 16,30 sarà presentato il catalogo sull’esperienza e progetto di land art Land(E)scape realizzato in estate, con l’accompagnamento del concerto "Il paesaggio (ri)ascoltato-Dal suono dell’ambiente al suono degli strumenti” degli allievi dell’Istituto superiore di studi musicali “Peri–Merulo”. Poi alle 17,30 ancora musica con “I mille colori del canto: viaggio musicale dal '700 ai giorni nostri” a cura dell’Istituto Merulo con la partecipazione degli allievi del corso libero di canto della professoressa Maria Ielli. Saranno anche riaperti i vicini lavatoi di via I Maggio, per tutta la giornata, che ospiteranno i racconti di Elda Zannini. E naturalmente non mancherà la grande attrazione del mercato ambulante con centinaia di banchi, che da secoli rappresenta l’elemento di più forte richiamo della Fiera di S. Michele, per ampiezza e qualità della proposta.

 

Articolo precedenteAl castello di Sarzano una mostra inedita sull’evoluzione dell’agricoltura
Articolo successivoL’industria 4.0 porta 60 persone a lavorare a Carpineti. Il merito ancora una volta di Elettric80

1 commento

  1. Peccato che la strada è chiusa a La Vecchia e da lì non verrà su nessuno. Potrei fare una domanda ai negozianti di Castelnovo ne’ monti che già stamattina alle 7.30 avevano chiuso i loro parcheggi con le strisce rosse e bianche da che parte stanno? Dalla parte di un Castelnovo mortorio con poche iniziative o dalla parte di un Castelnovo che almeno qualche volta torna a essere vivo? Me lo sono chiesta stamattina.

    (Alle)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.