La miglior farina di castagne è garfagnina e parmense

Quest’anno le migliori farine di castagne della riserva della biosfera Unesco dell’Appennino tosco-emiliano sono prodotte in Garfagnana e sul crinale parmense.

A decretarne la vittoria è stata la giuria del contest Dolce&Farina 2017 che ha testato ben 21 produzioni.

Sul podio salgono l’Azienda Agricola Martinelli di Villa Collemandina, Il Cerreto di San Romano in Garfagnana e l’Azienda Agricola di Susanna Pizzati di Bosco di Corniglio (PR).

Le farine di castagne presentate durante la manifestazione, organizzata dal Parco nazionale a Cerreto, sono il frutto prezioso di una filiera cortissima che vede aziende piccole o piccolissime impegnate nella cura del territorio che va dal recupero dei boschi di castagno a produzioni realizzate con metodi tradizionali.

Le 21 farine presentate in occasione di questa seconda edizione del contest sono espressione dei quattro versanti del crinale tosco-emiliano; mentre, però, non è una sorpresa trovare produzioni di ottima qualità in Garfagnana, dove si rafforza la dop della farina di neccio, e in Lunigiana che vanta la farina di castagne dop dal 2014, è una piacevole sorpresa che anche in Emilia si è tornati a farine di grande qualità dopo il cinipide del castagno che ha fortemente penalizzato le produzioni.

Oltre al podio una menzione speciale andrebbe dedicata alla giovane Susanna Pizzati  che con passione ed entusiasmo ha scelto di tornare ad occuparsi dell’azienda di famiglia a Bosco di Corniglio, recuperando anche lavorazioni che ormai si erano perse nel tempo e coinvolgendo in quest’impresa anche gli anziani del paese, rafforzando così anche il senso di comunità.

“Eventi come Dolce&Farina o come ‘Upvivium-Biosfera gastronomica menù a km zero’ – spiega il presidente del Parco nazionale, Fausto Giovanelli – aiutano a sostenere le produzioni tradizionali del nostro territorio, a valorizzare le biodiversità e a creare una rete di relazioni e sinergie tra produttori, trasformatori e consumatori”.

La giuria che ha selezionato le farine migliori ha visto impegnati, tra gli altri, il professor Andrea Fabbri, presidente del corso di laurea scienze gastronomiche Università degli studi di Parma, Marco Cavellini fiduciario Slow Food Lunigiana e Gianluca Testa, giornalista di "Montagne 360".

La manifestazione si è conclusa con delle degustazioni di piatti a base di farina di castagne e prodotti tipici dell’Appennino tosco-emiliano preparati dagli chef Gianni d'Amato del Caffè arti e mestieri di Reggio Emilia, Mario Giannarelli del Passo del Cerreto e Stefano Bartolini dell’Agriturismo Il Grillo di Giuncugnano in Garfagnana. E proprio a Il Grillo è imperdibile il menu studiato appositamente per il concorso gastronomico Upvivium (www.upvivium.it).

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48