Home Ci hanno lasciati Oggi ci ha lasciato Armando Federico Ceccati

Oggi ci ha lasciato Armando Federico Ceccati

20
26
Armando Federico Ceccati

Oggi, 20 febbraio 2018, ci ha lasciato Armando Federico Ceccati, 50 anni, di Cavola. Armando lavorava a Maranello presso una affiliata della Ferrari. Appassionato di canti di montagna è stato anima di molti cori. Aveva raccontato nel libro "Il trattore e la carriola" la sua esperienza di trapiantato di cuore. Attivo sostenitore della locale sezione Aido. Coordinatore Aerco (Associazione Emiliana Romagnola Cori), fondata dal coro Valdolo.  Ha fatto parte dei cori Matildico Valdolo, La Baita, Le maestà. Ne danno il triste annuncio la madre Pasquina, la sorella Simona, il cognato Giuseppe, il padre Loris, presidente della Pro Loco di Cavola e anima del Cavolaforum e della locale sezione della Protezione Civile. I parenti e gli amici tutti si sono stretti attorno alla sua famiglia in questo momento di dolore.

Questa sera alle ore 20 si reciterà un santo Rosario presso le camere ardenti dell'obitorio di Castelnovo ne' Monti. Si tornerà a recitarlo domani sera alle ore 20,30 presso la casa di famiglia, alla Borella di Cavola. Giovedì 22 febbraio alle ore 14,15 si partirà dalla casa di famiglia per essere al Cavolaforum alle 14,30 dove si svolgeranno le esequie.

Chi volesse ricordarlo può fare donazioni alla locale sezione Aido.

***

Ci sono cose che non vorresti mai fare, ma l'amicizia immensa ti impone di farle.

Caro Armando (e già qui sappiamo che storceresti il naso, ma tant'è...)

Siamo sui divanetti dell'ospedale, dopo averti salutato per l'ultima volta, pensando a come dare la notizia della tua scomparsa, ma non riusciamo a far altro che ricordare, fra le lacrime, tutte le volte che si è riso assieme, tutte le cose organizzate, le serate passare fra mille progetti.

Cosa diresti tu? Scriviamo questo... no, troppo patetico! Allora ricordiamo quello... no! troppo serio. Allora raccontiamo di quella volta che... no! Non possiamo, ridemmo troppo, non va bene. Allora lo ricordiamo così... no! Non è da Armando.

Così non riusciamo a trovare le parole per far sapere al mondo che ci ha lasciati. Conoscendoti sappiamo che te la starai ridendo vedendoci qui fra le lacrime e l'indecisione sulle tante cose da ricordare di te. Ci guardiamo negli occhi e ancora non ci si crede che non ci sei più, anzi sbagliato! Ora sei più che mai con noi, perché da questo momento sarai con noi per sempre, più di prima. Ci mancheranno gli scherzi, le battute, ma la tua risata profonda, calda e magnifica non ci lascerà mai, e basterà pensare a tutte le volte che si è stati assieme e "combinato qualcosa" per averti qui, nel posto speciale che oggi ti sei preso nei nostri cuori (questa lo sappiamo che non ce la perdonerai, e ci scappa un sorriso pensando a come avresti ironicamente, come solo tu sapevi fare, commentato questa frase).

Hai combattuto tante battaglie e per vincerle non è bastato solo il tuo cuore, ma ti ha aiutato anche quello di Federico. La tua indole guerriera oggi si è arresa e ora tocca a noi portare per sempre il ricordo di un caro amico, di un grande amico e di una persona speciale. I tuoi molti impegni ti hanno visto sempre attivo e presente, in ogni modo, con tante persone, sempre disponibile e pronto a partire, senza mai un lamento.

Ora saranno le note delle canzoni che tanto hai amato ad accompagnarti ovunque sei andato. Saranno i canti che erano la tua grande passione a portarti il nostro saluto, il saluto di tutti gli amici, coristi e parenti che hai voluto attorno a te pochi mesi fa per festeggiare i tuoi 50 anni. L'amore e l'amicizia che si sono respirati  e vissuti quella sera erano tangibili, e ti accompagneranno per sempre.

A noi rimarrà il calore di un abbraccio, il sorriso di un amico e l'eco della tua profonda voce da basso, immaginandola ogni volta che sentiremo le note che tanto hai cantato.

A noi rimarrà la consapevolezza di essere stati fortunati di averti avuto. Privilegiati oltre che fortunati, perché le persone come te sono speciali e non lasciano un vuoto, ma riempiono la vita della cosa più preziosa: l'amicizia.

Grazie, solo grazie...

Teddy Ceresoli,  Sandro Ferri e Doris Corsini

 

 

 

Articolo precedenteFreddo e neve, al via fase meteo molto interessante
Articolo successivoRiunita a Parma l’assemblea della Mab dell’Appennino. Grande partecipazione di giovani, cittadinanza e amministratori

26 Commenti

  1. Ciao Armando le mie parole sarebbero nulla in confronto a quello che hai lasciato nel mio percorso di musicista e corista in erba. Era il 1989 quando su tuo invito presi parte al coro Val Dolo per poi dopo anni diventarne il direttore per 15 anni, con sempre a te al mio fianco per appoggiare e sostenere il mio operato e il mio percorso di formazione. Te ne sono grato e anche se magari non te l’ho mai detto direttamente, ma non eri di certo il tipo delle sdolcinate e degli elogi. infinite le ore passate al computer per redigere correggere le bozze di quello che sarà il mio libro ( anzi senza il tuo contributo non poteva realizzarsi) di ricerca musicale. E poi potrei andare avanti per altre 1000 righe, ma mi arresto qui: di certo il tuo ricordo rimarrà vivo tra tutti noi, e per questo non ti dimenticheremo mai. Il tuo canto la tua voce le tue mani grandi impacciate sulla tastiera, la tua preparazione sulle tradizioni musicali popolari, rimaranno un “ostinato” musicale che non avrà mai termine. Grazie dunque per il tuo esserci stato e continuare ad esserci con il ricordo e le azioni che non cesseranno mai di esistere.
    “Questa notte, che è notte di gloria,
    sta il Signore a rapire gli eletti.
    Tu stai nel tuo groppo,
    groppo d’ossa lente:
    Lui sa dai morti trarre la pura vita.
    Il canto stanotte
    è un canto infinito”.

    (Magister)

  2. Il Coro matildico Valdolo, porge le piu’ sentite condoglianze alla famiglia del caro Armando sostenitore e collaboratore instancabile di tutta la coralita’ toanese, Riposa in pace e grazie per essere stato con noi.

    (Maurizio Corsini)

  3. Ciao Armando, sarai solo diversamente con noi. Una fortuna e un onore per me averti conosciuto. Grazie della tua amicizia, e della fiducia. Resta tutto qui, come sai. Ti eri raccomandato che continuassimo a portare avanti il tuo impegno. Te l’ho promesso, te lo prometto.
    (Ameya)

  4. Conoscerti è stato un onore ed un grande piacere, salutarti ora un immenso dolore, un grosso abbraccio alla tua famiglia.
    Sentite condoglianze Andrea Zini e famiglia

    (Andrea Zini)

  5. Come un fulmine a ciel sereno…
    Ti abbiamo voluto bene, Armando, per quel breve periodo della vita che abbiamo potuto percorrere insieme. Nonostante la malattia e tutti i problemi avuti, non mi hai fatto mancare un sorriso o una parola amichevole. Lavorare con te nell’ultimo anno e mezzo è stato piacevole e divertente. Io e Mary abbiamo accettato di buon grado di venire da Ferrara a Cavola per la tua meravigliosa festa dei 50 anni di compleanno appena due mesi fa’. Un compleanno epico come solo un matrimonio sa essere. Una sera degna di ricordo per l’eternità, con un retrogusto di viaggio fantozziano di andata e ritorno alle 4 di mattina con una nebbia devastante in collina. Una delle ultime volte che ti ho visto in ufficio, ti ho raccontato di quel viaggio assurdo e ci abbiamo riso su di gusto… io e la moglie vorremmo ricordarti così. Ci mancherai moltissimo. Condoglianze alla famiglia.

    (Alan Guerzoni)

  6. Ciao Armando… Il dolore mi toglie le parole, ma forse è meglio così, per noi che ti abbiamo avuto come amico risulterebbero forse banali, scontate. Per chi non ha avuto questo privilegio non so se sarebbero adeguate a far capire la meravigliosa persona che sei per noi….

    (Luca)

  7. Ciao Bassone. Pochi scherzi: anche da lassù continuiamo a cantare assieme. E intanto grazie per averci insegnato a vivere la vita, anche a costo di strapparla coi denti.

    Le nostre più sentite condoglianze ai familiari e all’amico di sempre, Loris.

    ((Coro Vocilassù))

  8. Il Coro La Baita di Scandiano si stringe con affetto ai famigliari nel ricordo di Armando, un grande Amico ed un grande Corista. Ci mancherai. Ciao Armando.

    (Vittorio Ravazzini)

  9. Ciao Armando Federico, è con questo nome che ti sei presentato. Ci siamo conosciuti per poco tempo, il tempo di un corso. Sembrerà retorico ma credo profondamente vero, io ricorderò per sempre la tua risata che invadeva l’anima di positività.

    ([;))])

  10. Un animo sensibile, una voce da basso puro meravigliosa, raccontavi con parole melodiose e appassionate ciò che di lì a poco avresti trasformato in musica e canto insieme al tuo Coro Le Maestà (e tutti gli altri di cui hai fatto parte) in ogni concerto… Ci mancherà la tua poesia e ironia… R.i.p.

    (Irene Condò)

  11. Ciao Arma,
    sono il tuo amico “il fiorentino” come ti è sempre piaciuto chiamarmi…. siamo stati colleghi di lavoro e amici…mi davi consigli e ti facevo soddirere con quel mio accento al quanto elegante… dicevi……
    no no ci posso credere…..
    so che ci segurai ovunque tu sarai e ringrazerai Federico di persona per averti aiutato a passare momenti della tua vita indimenticabili.
    MI ….CI MANCHERAI TANTISSIMO….
    farò di tutto per venirti a salutare domani.

    Il tuo amico TOSCANO….

    Ciao
    Paolo

    (Paolo “Il fiorentino”)

  12. I componenti del Coro Bismantova partecipano all’immenso dolore per la prematura scomparsa di Armando, che abbiamo conosciuto come grande corista, come delegato Aerco e soprattutto per la sua testimonianza di vita. Siamo vicini alla famiglia, all’amico Erio e ai gruppi corali di cui faceva parte.

    (Il Coro Bismantova di Castelnovo ne’ Monti)

  13. Sei stato nella mia mente, ma non sapevo che avevi preso posto anche nel mio cuore: l’ho imparato solo ora, ora che ho avvertito il vuoto per la mancanza di un amico, ciao Armando. Sincere condoglianze alla tua famiglia.

    (Orianna)

  14. Tutti i Volontari di Croce Verde si stringono alla tua famiglia in questo triste momento. Grazie Armando per tutto quello che hai fatto per noi e per il prossimo durante la tua travagliata vita. Sei stato importante! Un grande ricordo rimarrà di te!! Ci mancherai…

    (Iacopo Fiorentini, Croce Verde Castelnovo ne’ Monti)

  15. Una sera di tanti anni fa in mezzo ad una tormenta di neve sei partito per Bologna, finalmente il cuore nuovo era arrivato !!!
    Oggi come allora parti, in mezzo ad un’altra tormenta di neve,per un altro viaggio.
    Sarai sempre nel mio cuore, mi mancherai tantissimo.
    Quante cose abbiamo fatto insieme !!! Quante volte abbiamo parlato agli altri della donazione di organi. Ciao gigante buono, un grande bacio.

    Silvia

    (Silvia)

  16. pensavo che tu fossi immortale,data la resistenza concui hai superato tutto.quando ti ho visto in quel letto di ospedale mi sono ricreduta ma avevo torto,il tuo spirito è immortale ciao ragazzo.la mamma di Giulia.

    (clarenza bellini)

  17. …Ciao Armando Federico, purtroppo non ti ho conosciuto di persona, ma poco tempo fa, parlando con tua zia Cristina della perdita del mio babbo e della donazione di cornee e tessuti che abbiamo acconsentito, mi ha raccontato di te e di quello che hai vissuto… nel parlare, ad un certo punto, mi si è gelato il sangue dall’emozione, perchè mi sono resa conto che in qualche modo io avevo già sentito parlare di te tanti anni prima …. io conoscevo Giulia!
    Ho letto e riletto il tuo libro, Il Trattore e la Carriola, con tanta partecipazione ed attenzione e mi sentivo come se anche io vivessi e provassi, quello che tu raccontavi.
    Grazie Armando di aver voluto condividere la tua, e non solo, storia di così si, tanto “dolore” , ma nello stesso tempo anche di così tanto “AMORE”…
    Ciao Armando, l’averti incontrato anche se non di persona è stato un grande Onore!

    Katya

  18. Ricordando Armando a 4 anni dalla scomparsa…
    Ciao caro amico… Il mondo sente la mancanza della tua gentilezza e del tuo buon umore!

    Alan & Mary

    Alan Guerzoni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.