La grande festa della comunità di Succiso per il 14 Unwto Awards – con fotogallery

Oggi è andata in scena a Succiso la coesione di una comunità intera, una bella festa molto partecipata e sentita, arrivata alla fine di un percorso iniziato 25 anni fa da un manipolo di persone, che ha prima pensato e poi creduto che un altro futuro era possibile, anche cosi in alto e cosi lontani da tutto e da tutti.

A gennaio quelli di Succiso hanno portato a casa un premio internazionale prestigioso, il UNWTO AWARDS.
Lo hanno fatto con calma, lavorandoci sopra, credendoci ma fino a un certo punto. Nonostante questo sono andati avanti comunque e il risultato (alla fine inaspettato) è arrivato.

L'antefatto lo riviviamo nelle parole di Dario Torri presidente della Cooperativa Valle dei Cavalieri che oggi ricorda:
“È nato tutto nell'estate 2017 quando Maurizio Davolio presidente di Aitr ( associazione italiana turismo responsabile) mi chiama dicendo che esiste l’opportunità di partecipare ad un concorso delle Nazioni Unite sul turismo responsabile.

Essendo il premio di natura internazionale do poca importanza alla cosa, delego quindi il vice presidente Giovanni Oreste Torri a seguire il progetto insieme a Maurizio Davolio, e per me la cosa finisce li.
Dopo alcuni mesi, nel novembre del 2017 arriva una mail dell’organizzazione mondiale del turismo dove ci comunicano che siamo stati selezionati tra i 4 migliori progetti presentati e che la premiazione avrebbe avuto luogo a Madrid il 15/16/17 gennaio del 2018, ci chiedevano quindi di preparare la documentazione necessaria inviandola entro il 10 dicembre del 2017.
La documentazione prevedeva una serie di presentazioni che dovevano avere un limite massimo di tempo di 7 minuti, inoltre all'intero di questo tempo 1 minuto doveva essere dedicato all'espressione del progetto nel suo complesso.
La presentazione naturalmente era in inglese quindi ci siamo rivolti a Fabrizio Silvetti nostro collaboratore, che supportato dalla Legacoop, da Maurizio Davolio e da Silvia Degani che ha realizzato il video, ha gestito per intero il progetto.
Finalmente arriva il 15 gennaio, ci ritroviamo a Madrid presso l’aula magna, dove a turno le varie categorie presentano i lavori realizzati.
È qui, finalmente, dopo tanta tensione arriva il momento topico, non solo siamo stati selezionati ma vinciamo il secondo premio.
Oggi, insieme alla nostra comunità celebriamo quel momento e quel premio, che è la somma di tutto il lavoro svolto insieme, credendoci sempre un anno dopo l'altro.”

È un fiume in piena Dario Torri che ricorda inoltre tutte le persone che hanno partecipato a questa bella festa portando i loro saluti, da Antonio Manari sindaco del comune di Ventasso, a Enrico Bini presidente dell’Unione dei Comuni, a Giovanni Teneggi Direttore di Confcooperative Reggio Emilia, dal rappresentante della Legacoop Carlo Possa, a Maurizio Davolio presidente della Aitr, al consigliere della fondazione Manodori Riccardo Faietti, a Sonia Masini già presidente della Provincia di Reggio Emilia e Fausto Giovanelli presidente del Parco Nazionale dell'Appennino tosco-emiliano.
Tra il pubblico era presente inoltre anche Yuri Torri consigliere della Regione Emilia Romagna.
La giornata di oggi chiude Torri è il riassunto di 25 anni di lavoro, dimostra che siamo una comunità molto unita e coesa che non ha eguali, il successo di oggi è il successo di tutti noi.

A lato dell'iniziativa è stata inoltre inaugurata una nuova struttura da poco ristrutturata di proprietà della parrocchia di Succiso, i parrocchiani insieme al parroco Don Danilo hanno dato in gestione la struttura alla cooperativa Valle dei Cavalieri per 20 anni, i posti letto sono circa 22 che potrebbero diventare 24 il tutto in convenzione con il Comune di Ventasso.

(Ornella Coli)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Meraviglioso esempio di attaccamento al proproo paese e di come lavorare in comunità. Auspico che altre realtà seguano il vostro esempi. Il nostro Appennino offre tantissime opportunità. Grazie per il bell’esempio.

    (Roberta Campi)

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48